Russia: i nomi proposti da Putin per il rimpasto di governo

Russia: i nomi proposti da Putin per il rimpasto di governo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Rimpasto di governo in Russia: la TASS ha così riassunto i cambiamenti proposti dal presidente Putin.

Andrey Belousov, che in precedenza ha ricoperto il ruolo di primo vice primo ministro, è stato proposto  come nuovo ministro della Difesa russo.

L’attuale capo della difesa russa Sergey Shoigu sostituirà Nikolay Patrushev come segretario del Consiglio di sicurezza.

Altri capi dei ministeri e dei servizi di sicurezza, nonché il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, manterranno i loro incarichi nel governo. Il presidente ha inoltre proposto di nominare Boris Kovalchuk Presidente della Camera dei Conti. Questo posto è vacante da un anno e mezzo.

Rimpasto nel Ministero della Difesa russo

Sergey Shoigu, a capo del Ministero della Difesa russo dal 2012, è stato nominato Segretario del Consiglio di Sicurezza. Putin ha proposto di nominare Andrey Belousov come nuovo capo della Difesa russa. Belousov è stato in precedenza ministro dello Sviluppo economico, assistente presidenziale russo per le questioni economiche e primo vice primo ministro, che ha supervisionato il blocco economico.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato ai giornalisti che la decisione di nominare Belousov ministro della Difesa è legata alla necessità di "rendere l'economia del blocco di sicurezza parte dell'economia del Paese". Ora il bilancio del ministero della Difesa si sta avvicinando al livello degli anni '80, "il che non è critico ma <...> estremamente importante".

Il capo dello Stato Maggiore russo Valery Gerasimov manterrà il suo posto, ha sottolineato Peskov. La nomina di Belousov "non cambierà in alcun modo l'attuale sistema di coordinamento" in termini di questioni di difesa, ha osservato.

Shoigu sostituisce Patrushev

In qualità di Segretario del Consiglio di sicurezza russo, Shoigu supervisionerà tra l'altro il lavoro del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare, che di recente è stato posto alle dirette dipendenze del Presidente.

Inoltre, Shoigu diventerà anche il vice del Presidente nella Commissione militare-industriale. Attualmente Putin ne è il presidente, mentre Dmitry Medvedev è il suo primo vice in questo organismo.

Secondo il decreto presidenziale, Patrushev è stato sollevato dalle sue funzioni in relazione al nuovo incarico. Il Cremlino annuncerà ulteriori dettagli sulla sua nuova posizione "nei prossimi giorni", ha dichiarato Peskov.

Riconferme

Putin ha proposto che gli altri capi dei ministeri e delle agenzie del blocco di sicurezza e politica estera mantengano i loro incarichi. Pertanto, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, il ministro degli Interni Vladimir Kolokoltsev, il ministro delle Situazioni di emergenza Alexander Kurenkov e il ministro della Giustizia Konstantin Chuychenko continueranno a svolgere le loro funzioni.

Altri funzionari che manterranno i loro incarichi sono il direttore dei servizi segreti esteri Sergey Naryshkin, i capi del Servizio di sicurezza federale russo e del Servizio di protezione federale, Alexander Bortnikov e Dmitry Kochnev, nonché il capo della Guardia nazionale (Rosgvardiya) Viktor Zolotov. Alexander Lints rimarrà a capo del Dipartimento principale per i programmi speciali del Presidente (è incaricato di sviluppare e attuare la politica statale nel campo delle questioni di mobilitazione e di pianificare i rispettivi eventi).

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti