Russia, i droni l'arma 'segreta' del nuovo caccia stealth Su-57

Russia, i droni l'arma 'segreta' del nuovo caccia stealth Su-57

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I droni acquisiscono sempre maggiore peso e importanza nelle nuove strategie di combattimento. Nel prossimo futuro è previsto un ulteriore aumento del loro utilizzo e una sempre più stretta interazione anche con i classici caccia militari. A tal proposito la Russia è intenzionata ad affidare ai piloti dei caccia stealth Su-57 il controllo delle operazioni dei droni da attacco pesante Okhotnik, secondo quanto rivelato all’agenzia Tass da una fonte dell'industria aeronautica nazionale.

"Attualmente, le opzioni per controllare i droni d'attacco da una cabina di pilotaggio Su-57 sono in fase di elaborazione. Un jet da combattimento dovrebbe trasportare da due a quattro droni Okhotnik”.

L’agenzia Tass riferisce di non aver ricevuto conferme in merito alle informazioni ricevute dalla fonte. 

Come ha detto in precedenza a TASS l'ufficio stampa della United Aircraft Corporation (UAC) russa, l'ultimo drone Okhotnik colpirà obiettivi aerei e terrestri in un'interazione network-centric con un caccia Su-57. Nel loro impiego congiunto con il caccia di quinta generazione, i droni Okhotnik si occuperanno di una gamma completa di compiti, colpendo bersagli aerei e terrestri sotto il comando di un pilota di Su-57. In quella che potremmo definire la via russa alla sesta generazione. Sappiamo infatti che i velivoli di sesta generazione saranno incentrati oltre che sulla tecnologia stealth, anche sull’utilizzo di droni sempre più moderni e sofisticati, proprio come il drone da attacco pesante Okhotnik della Russia. 

Il Sukhoi Su-57 è un caccia multiruolo di quinta generazione di fabbricazione russa designato per distruggere tutti i tipi di bersagli aerei, terrestri e navali. Il caccia Su-57 è dotato di tecnologia stealth con ampio uso di materiali compositi, è in grado di sviluppare velocità di crociera supersonica ed è dotato delle più avanzate apparecchiature radioelettroniche di bordo, tra cui un potente computer di bordo (il cosiddetto secondo elettronico pilota), il sistema radar si è diffuso sul suo corpo e alcune altre innovazioni, in particolare, l'armamento posto all'interno della sua fusoliera.

Il caccia Su-57 ha preso il volo per la prima volta il 29 gennaio 2010. Rispetto ai suoi predecessori, il Su-57 combina le funzioni di un aereo da attacco e di un jet da combattimento mentre l'uso di materiali compositi e tecnologie innovative e la configurazione aerodinamica garantisce un basso livello di segnale radar e infrarosso.

L'S-70 "Okhotnik" sviluppato dal Sukhoi Design Bureau è dotato di tecnologia stealth e del design dell'ala volante (manca la coda), che riduce la sua firma radar. Secondo i dati delle fonti aperte, il drone ha un peso al decollo di 20 tonnellate e può sviluppare una velocità di circa 1.000 km / h.

Il drone d'attacco pesante Okhotnik ha effettuato il suo volo di debutto il 3 agosto 2019. Il volo è durato oltre 20 minuti sotto il controllo di un operatore. Il 27 settembre 2019, l'Okhotnik ha effettuato un volo insieme a un caccia Su-57 di quinta generazione. Il drone ha manovrato in aria in modalità automatizzata a un'altitudine di circa 1.600 metri e il suo volo è durato oltre 30 minuti.

Le consegne in serie di droni da attacco pesante Okhotnik alle truppe russe dovrebbero iniziare dal 2024.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti