Russia: abbandonare il dollaro per contrastare le sanzioni statunitensi

Russia: abbandonare il dollaro per contrastare le sanzioni statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia chiede di smettere di usare i sistemi di pagamento controllati dall'Occidente, nel tentativo di ridurre gli effetti delle sanzioni statunitensi.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato ieri ai media iraniani, che il suo paese ritiene importante intensificare gli sforzi per ridurre i rischi associati alle sanzioni e ai potenziali costi per gli operatori.

"Sono [in particolare] i passi volti a una graduale de-dollarizzazione dell'economia nazionale, il passaggio alla fatturazione in valute nazionali o valute alternative al dollaro, nonché a smettere di utilizzare i sistemi di pagamento internazionali controllati dall'Occidente", ha  spiegato Lavrov.

Il ministro degli Esteri russo ha anche affermato che la Russia sta già lavorando a tal fine, quindi, ha aggiunto, il governo russo vede grandi opportunità in questo senso per la cooperazione con i suoi partner internazionali.

Dopo aver sottolineato che la posizione della Russia sulla politica delle sanzioni di Washington non è cambiata, Lavrov ha ribadito il rifiuto del suo Paese di qualsiasi restrizione unilaterale che, soprattutto, colpisce le fasce più svantaggiate della popolazione.

Va notato che la de-dollarizzazione è diventata una tendenza internazionale di fronte alle sanzioni unilaterali degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali. Molti paesi come Russia, Cina, Iran, Venezuela e Turchia hanno già espresso il desiderio di abbandonare il dollaro o ridurne l'utilizzo nelle transazioni commerciali.

L'idea della de-dollarizzazione del commercio bilaterale tra Mosca e Pechino ha ricevuto grande attenzione dal 2014, dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato la Russia per la riunificazione della Crimea al suo territorio. 

Nel corso degli anni, la misura è diventata più forte, a causa della pratica di Washington di imporre embarghi per costringere i paesi sovrani a soccombere alle sue richieste illegali.

Sulla stessa linea, Cina e Russia hanno firmato un accordo interstatale nel giugno 2019  per utilizzare le loro valute nazionali nel commercio bilaterale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti