Quali sono le cause dei ritardi del Pnrr

Quali sono le cause dei ritardi del Pnrr

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

Un luogo comune diffuso ad arte per giustificare i ritardi del Pnrr è legato all’idea che sia proprio la macchina amministrativa italiana ad avere palesato inefficienze di vario genere dimenticando che oggi questa macchina sconta i 10 anni di blocco delle assunzioni e lustri di perenni disinvestimenti in materia di formazione del personale.

Si dimentica tuttavia che fin dall’estate 2023 era emersa la volontà Ue di riscrivere in parte il Pnrr dopo avere verificato che gli embarghi al gas e al petrolio russo avevano determinato rincari continui che poi abbiamo ritrovato a cascata su tutti gli interventi di attuazione dei progetti.

La revisione del Pnrr prima e poi il decreto specifico del Governo sono un sostanziale correttivo che accelera il percorso verso la robotizzazione, la digitalizzazione, l’autonomia dell’approvigionamento energetico e la revisione dei progetti iniziali. Si amplia, per gli anni 2024/2026, la dotazione economica del Fondo di rotazione per l'attuazione del Next Generation EU-Italia ossia il capitolo aggiunto nell’autunno 2023 proprio a causa del rincaro dei costi energetici. E poi la spesa per gli interventi non più finanziati con le risorse del Pnrr sarà estesa ben oltre il limite previsto e riguarderà gli anni 2024/2029. Ma, oltre a rivedere il sistema di monitoraggio degli interventi finanziati con IL Pnrr, il Governo prevede di avocare a sé eventuali poteri attuando “poteri sostitutivi in ipotesi di ritardi e inerzie da parte dei soggetti attuatori e disciplina le azioni di recupero nel caso di omesso o incompleto conseguimento degli obiettivi finali dei programmi e interventi PNRR, accertato dalla Commissione europea”[1]. Il decreto ministeriale rimette mano a 22 dei 30 interventi del Piano, cioè il 73% del totale, rinvia parte delle spese ai prossimi anni e allunga i tempi di attuazione del Pnrr dal 2026 al 2028.

In una nota del Consiglio dei ministri[2] si ammettono i ritardi indicando alcuni correttivi laddove viene spiegata la mission del nuovo decreto che

  • prevede misure di rafforzamento della capacità amministrativa delle amministrazioni titolari delle misure PNRR e dei soggetti attuatori; l’incremento della dotazione organica del Ministero dell’agricoltura, nonché la possibilità per il medesimo Ministero di avvalersi di esperti in materia di analisi e valutazione delle politiche pubbliche; l’incremento della dotazione organica del Ministero della Salute, di un posto di funzione dirigenziale di livello generale nell’ambito dell’Ufficio di Gabinetto del Ministro; misure in favore del Ministero del turismo (possibilità di avvalersi di  società direttamente o indirettamente controllate dallo Stato operanti nel settore dei servizi informatici); misure in materia di personale del Ministero dell’Interno (riduzione anzianità di servizio per accedere alla qualifica di viceprefetti e divieto di comando, distacco o altre assegnazioni per il personale civile dell’Interno);
  • incrementa il fondo per le assunzioni a tempo indeterminato del personale in servizio presso gli Uffici speciali per la ricostruzione;
  • consente alle regioni ed enti locali di ricorrere all’indebitamento per finanziare operazioni di ricapitalizzazione e capitalizzazione di società a partecipazione pubblica aventi ad oggetto la realizzazione di infrastrutture pubbliche, qualora le perdite, anche ultrannuali risultino complessivamente assorbite in un piano economico finanziario approvato dall’Autorità competente;

 Intanto è bene evidenziare che gli investimenti in materia di personale per la Pa si basavano essenzialmente su assunzioni a tempo determinato mentre oggi si prende atto della inadeguatezza di questa decisione, il provvedimento di fine febbraio  ricorre all’indebitamento della Pa per ricapitalizzare le società pubbliche incaricate di realizzare infrastrutture, si sceglie di appoggiarsi su società partecipate ma non direttamente su Enti locali e sullo Stato sui quali incombe ancora il tetto di spesa in materia di personale.

Stando a quanto abbiamo letto ci attendono innumerevoli decreti di Palazzo Chigi visto che alcuni progetti inizialmente previsti saranno de finanziati, con le risorse nazionali dovranno trovare i soldi necessari per il Fondo di sviluppo e coesione. Di fatto dentro il Governo non mancano contrasti e divisioni sulle opere da tagliare per far quadrare i conti e alcuni progetti usciranno di scena creando frizioni non solo interne alla maggioranza di Governo ma anche rispetto ai territori che si vedranno sottrarre alcuni progetti

In ambito sanitario ci saranno tagli, ad esempio per gli ecosistemi innovativi della salute e per il capitolo dedicato a «salute, ambiente, biodiversità e clima». Altri tagli arriveranno per i trasporti, per i piani di ammodernamento dei mezzi di trasporto e delle navi. Di certo la stessa Ragioneria generale dello Stato, nel settembre scorso, contestava le inadempienze ministeriali, ad esempio, per quanto riguarda i censimenti informatici e segnalava come non conseguito il 45% degli obiettivi previsti per autunno 2023.

Un dato politico da cogliere, dentro le continue tensioni tra Lega e Fdi, è rappresentato dai tagli agli interventi del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (ministro Salvini) rinviando al 2027-2028 il 34% dei progetti per la messa in sicurezza di ponti, viadotti e tunnel e oltre un quarto dei progetti di rafforzamento delle linee ferroviarie regionali. Altri tagli, o rinvii, riguardano il patrimonio culturale, i contratti di filiera per l’agricoltura e non troviamo traccia delle opere di bonifica del territorio.  Quello che manca è una visione politica del futuro, se preferiamo una visione di insieme che riguardi il modello di sviluppo, le finalità e modalità dell’intervento pubblico, il ruolo della Pubblica amministrazione. Strada facendo gli obiettivi del Pnrr hanno subito diverse riscritture e aggiunte, la speranza di molti era quella di avere risorse economiche per combattere il rischio idrogeologico, bonificare le aree inquinate, mettere in sicurezza i territori dalle alluvioni, ammodernare le reti idriche e sostituire buona parte dei mezzi pubblici vetusti con mezzi ecologici. Alla luce della riscrittura dei Progetti possiamo asserire che parte di queste speranze sia destinata a infrangersi nelle nuove compatibilità comunitarie derivanti dalla crisi determinata dal conflitto in Ucraina.

[1] Attuazione PNRR: il Consiglio dei Ministri approva misure urgenti (altalex.com)

[2] Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 71 | www.governo.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti