Putin in Cina: un nuovo capitolo nella cooperazione strategica

Putin in Cina: un nuovo capitolo nella cooperazione strategica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente russo Vladimir Putin effettuerà una visita di stato in Cina il 16 e 17 maggio, su invito del presidente cinese Xi Jinping. Questa visita, annunciata dal Ministero degli Esteri cinese, rappresenta il primo viaggio di Putin all'estero dopo la sua rielezione. Gli analisti di entrambe le nazioni prevedono che l'incontro avrà un'importanza strategica non solo per le due potenze, ma anche per il mondo intero, in un periodo di turbolenze e cambiamenti profondi. 

Quest'anno segna il 75° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Cina e Russia. Durante la visita, Xi e Putin discuteranno di relazioni bilaterali, cooperazione in vari settori e questioni internazionali e regionali di interesse comune. Secondo il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin, come riporta il quotidiano Global Times, la scelta di Putin di visitare la Cina come prima destinazione dopo la sua rielezione non sorprende e sottolinea l'importanza che Mosca attribuisce allo sviluppo della partnership strategica con Pechino. 

Zhang Hanhui, ambasciatore cinese in Russia, afferma che la partnership strategica globale di coordinamento per una nuova era tra Cina e Russia è attualmente nel suo miglior periodo storico. Questa visita rafforzerà ulteriormente i legami strategici tra le due nazioni, influenzando significativamente l'arena internazionale. 

Gli esperti cinesi sottolineano che la determinazione della Russia a "volgersi verso l'Est" sotto la pressione dell'Occidente è diventata solida come una roccia. La cooperazione tra Cina e Russia si estende in molti settori, tra cui energia, aerospazio, ingegneria chimica, istruzione, trasporti, costruzione di infrastrutture, agricoltura e media. Alexey Maslov, direttore dell'Istituto di Studi Asiatici e Africani dell'Università Statale di Mosca, ha evidenziato l'importanza della fiducia reciproca, che ha permesso una rapida crescita della cooperazione negli ultimi due anni, soprattutto nei settori della finanza, della banca, della tecnologia e degli investimenti. 

Cina e Russia condividono una visione comune per promuovere un ordine mondiale multipolare. Come membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, cooperano strettamente per salvaguardare la pace e la giustizia nel mondo. La celebrazione del 75° anniversario delle relazioni diplomatiche fornirà un'opportunità per rafforzare ulteriormente la cooperazione strategica e promuovere il multilateralismo. La visita avviene in un contesto internazionale complesso, con il conflitto Russia-Ucraina che continua a causare gravi perdite umane ed economiche. 

La Cina ha costantemente promosso i negoziati di pace e cerca di mediare tra le parti coinvolte. Zhang ha affermato che la Cina mantiene una posizione obiettiva e giusta, sostenendo il dialogo e promuovendo la pace. Nel 2023, la cooperazione economica e commerciale tra Cina e Russia ha raggiunto un nuovo record, con un commercio bilaterale che ha toccato i 240 miliardi di dollari. 

Nel primo trimestre del 2024, il commercio bilaterale ha raggiunto i 56,8 miliardi di dollari, con un incremento del 5,2% rispetto all'anno precedente. Progetti chiave come l'oleodotto Cina-Russia stanno progredendo costantemente. 

La visita di Vladimir Putin in Cina, come evidenziano i media sia russi che cinesi, rappresenta un capitolo significativo nella cooperazione tra le due potenze. Questo incontro non solo rafforzerà i legami bilaterali, ma avrà anche un impatto profondo sull'ordine internazionale. La collaborazione tra Cina e Russia continuerà a svilupparsi, promuovendo un mondo più multipolare e contribuendo alla stabilità e alla sicurezza globale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti