Putin al Festival della Gioventù: "La Russia è vostra amica, le nostre porte sono sempre aperte"

Putin al Festival della Gioventù: "La Russia è vostra amica, le nostre porte sono sempre aperte"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha tenuto questo mercoledì un discorso alla cerimonia di chiusura del Festival Mondiale della Gioventù, che si è svolto dal 29 febbraio al 7 marzo nella città russa di Sochi, sul Mar Nero.

Nelle sue dichiarazioni, il leader russo ha osservato che la base dell'esistenza sono i valori tradizionali. Putin ha sottolineato il successo dell'evento e la grande diversità dei suoi partecipanti. "A quanto pare c'è qualcosa che ci unisce tutti. Oggi in Russia li chiamiamo valori tradizionali. È la base della nostra vita, della nostra esistenza", ha detto il presidente, sottolineando che questo fattore unisce l'umanità.

Putin – secondo quanto riporta l’emittente RT - ha sottolineato che nel mondo tutte le persone sono uguali e non c'è spazio per l'esclusività di nessuno. "Se siamo tutti uguali, allora non c'è posto al mondo per l'esclusività, di nessuno e da parte di nessuno, non c'è posto al mondo per l'arroganza, la segregazione o qualsiasi altro fenomeno che si basa su questo terreno distorto dell'esclusività di chiunque lo è", ha spiegato.

Allo stesso tempo, Putin ha definito la mancanza di pari condizioni per tutte le persone la principale ingiustizia dell’attuale ordine mondiale. "Siamo nati uguali, ma la domanda è: cresciamo, ci sviluppiamo in condizioni paritarie? Risposta: purtroppo no. Non esistono condizioni uguali per tutti nel mondo. E questa è la principale ingiustizia dell'attuale ordine mondiale, del mondo di oggi", ha affermato il leader russo.

Il presidente ha sottolineato l'importanza di cercare di garantire che tutte le persone possano avere la stessa qualità di vita e usare "i propri talenti a beneficio dei propri cari, della propria famiglia, del proprio Paese e, forse, dell'intera umanità". "Il fatto stesso che ci impegniamo per raggiungere questo obiettivo renderà il mondo più trasparente, più giusto, più democratico, più sostenibile, più equilibrato e più sicuro". 

Rivolgendosi ai presenti alla cerimonia, Putin ha assicurato che la Russia sarà sempre aperta ai giovani provenienti da diversi paesi. "Siete venuti in Russia, vi siete fatti molti amici qui, voglio che sappiate che la Russia è vostra amica. Le nostre porte sono sempre aperte per voi, per tutti i vostri nobili sforzi". 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti