Putin: È in atto la distruzione del mondo unipolare creato dopo la caduta dell'URSS

Putin: È in atto la distruzione del mondo unipolare creato dopo la caduta dell'URSS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko hanno affermato oggi che la situazione sulla scena mondiale non è più valida per le condizioni attuali e dovrà cambiare drasticamente.

"Cosa sta succedendo oggi? È la distruzione del sistema di un mondo unipolare che si è formato dopo la caduta dell'URSS", ha spiegato il presidente russo. "Molte volte è stato detto che gli Stati Uniti sono pronti a combattere la Russia fino all'ultimo ucraino. Esatto! Questa è l'essenza di ciò che sta accadendo", si è lamentato.

Il presidente russo ha osservato che i leader degli stati occidentali sono in una " posizione deplorevole " rispetto agli Usa, ma "non possono riconoscerlo". Tuttavia, secondo Putin, il mondo di oggi “è più complesso” rispetto ai tempi della Guerra Fredda; quindi, un solo Paese non potrà preservare la propria posizione dominante.

L'operazione militare in Ucraina

Parlando delle azioni militari russe in Ucraina, Putin ha sottolineato che questa è una misura che non può essere evitata. "Quello che sta accadendo ora in Ucraina è una tragedia", ha detto Putin, che ha anche lamentato che la Russia " semplicemente non aveva scelta ".

"Prima dell'inizio dell'operazione ho detto che il confronto con queste forze, che fin dall'infanzia sono state addestrate dall'Occidente in Ucraina, il confronto con i nazionalisti radicali, i neonazisti in Ucraina è inevitabile, è semplicemente una questione di tempo. Si preparano e aspettano l'occasione", ha ricordato il presidente russo.

"L'Ucraina è uno strumento per raggiungere obiettivi che non hanno nulla a che fare con gli interessi del popolo ucraino ", ha aggiunto. "Questo è il problema e la nostra logica di azione in Donbass, in Ucraina in generale", ha spiegato. Tuttavia, ha sottolineato che "anche nelle tragiche condizioni di oggi, gli ucraini sono un popolo fratello" per i russi.

Allo stesso tempo, Putin ha precisato che l'operazione " sta andando secondo i piani " e ha sottolineato l'importanza di riferire in modo obiettivo sul suo corso.

"Quando si tratta di sviluppare l'operazione, sento spesso la domanda: 'e puoi farlo più velocemente?' Sì, possiamo. Dipende dall'intensità delle azioni militari". Tuttavia, ha ricordato che questa intensità dipende anche dalle vittime. "Il nostro obiettivo è portare a termine tutti i compiti riducendo al minimo le perdite. E continueremo ad agire a un ritmo, con calma, secondo il piano originariamente proposto dal quartier generale".

Putin ha affermato che le autorità di Kiev hanno causato "una situazione di vicolo cieco " non rispettando le condizioni concordate a Istanbul mentre la parte russa stava creando le condizioni giuste per i negoziati riducendo le proprie attività in determinate direzioni. "Invece di questo, ci siamo trovati di fronte alle azioni deliberate [per incolpare la Russia] a Bucha e, cosa più importante, la parte ucraina ha rinunciato ai suoi impegni a Istanbul", ha ribadito.

Le foto di Bucha

Allo stesso tempo, ha denunciato  che le accuse secondo cui l'esercito russo avrebbe commesso atrocità nella città ucraina di Bucha sono "false" quanto le accuse dell'uso di armi chimiche del presidente della Siria, Bashar al Assad.

Ha anche detto che Lukashenko gli ha consegnato documenti sugli eventi di Bucha, che rivelano "come e chi [...] si è recato in città e ha posto le basi per questa provocazione".

Da parte sua, il presidente bielorusso ha precisato che il Regno Unito ha organizzato "l'operazione psicologica" a Bucha. "Insieme ai nostri amici russi, abbiamo esposto dalla prima all'ultima ora questa posizione brutta e vile dell'Occidente".

La "guerra lampo" delle sanzioni

Il presidente russo ha evidenziato che anche la pressione delle sanzioni adottate dall'Occidente non è riuscita a schiacciare il Paese. "La 'guerra lampo' che i nostri detrattori avevano pianificato non ha funzionato, è chiaro", ha sottolineato. "L'economia e il sistema finanziario della Russia stanno resistendo abbastanza bene".

Secondo Putin, ci sono alcuni problemi che minacciano l'economia del Paese eurasiatico e le autorità ne comprendono i rischi. Tuttavia, ha sottolineato che spera che il "buon senso" trionfi in Occidente.

"[I paesi occidentali] sbagliano sempre i calcoli perché non capiscono che il popolo russo si riunisce sempre in condizioni difficili. Lo vedranno. Mentre per sé stessi, i problemi sono inevitabili ", ha concluso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti