Proletären: la Svezia è stata trascinata nella NATO per gli interessi USA

Proletären: la Svezia è stata trascinata nella NATO per gli interessi USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Con l'ingresso della Svezia nella NATO, saranno seppelliti più di due secoli di non allineamento svedese ai blocchi militari. È dalla fine delle guerre napoleoniche, nel 1815, tre anni dopo il re Carl XIV Johan dichiarò la sua intenzione di tenere la Svezia fuori dalla guerra, che il Paese nordico non stringe formalmente un patto militare. 
 
Nel marzo 2022, l'allora primo ministro Magdalena Andersson era convinta che la politica di non allineamento di lunga data avesse fornito benefici alla Svezia per due secoli. Tuttavia, poco più di due mesi dopo, lei e il consiglio del partito socialdemocratico cambiarono idea e chiesero l'adesione del Regno all'Alleanza Nord Atlantica, ricorda Proletären.
 
L'appartenenza alla NATO impedisce anche di essere una voce internazionale a favore del disarmo nucleare, poiché la Svezia non ha ratificato la risoluzione delle Nazioni Unite che vieta le armi nucleari su pressione degli Stati Uniti.
 
I media svedesi si riferiscono alla NATO come "alleanza di difesa", anche se l'organizzazione stessa non lo afferma. Il sito web del blocco descrive la NATO come "alleanza politica e militare". Questa alleanza militare ha, tra l'altro, bombardato l'Afghanistan e la Libia, due Paesi che non avevano attaccato nessun Paese della NATO e alla cui distruzione la Svezia ha partecipato. È stata la NATO a trasformare la Libia in un grande caos e in una Mecca per i mercanti di schiavi e i contrabbandieri. Come membro della NATO, la Svezia sarà costretta a partecipare alle guerre statunitensi che non avranno necessariamente luogo nel Mar Baltico, sottolinea l'autore dell'articolo.
 
La Cina, non la Russia, è il principale rivale degli Stati Uniti. Come membro della NATO, la Svezia sarà costretta a mandare i suoi soldati in giro per il mondo a combattere per gli interessi economici USA. La NATO è essenzialmente lo strumento militare statunitense per mantenere la sua posizione al vertice del sistema capitalistico mondiale. I nemici della NATO sono i nemici degli Stati Uniti che non vogliono obbedire a Washington, come l'Iran e la Corea del Nord. La Cina e la Russia, ricche di risorse, non saranno lasciate in pace nemmeno se queste potenze cercheranno di cooperare con gli Stati Uniti.
 
Gli Stati Uniti e la NATO non badano a spese per imporre la loro volontà e si considerano al di sopra del diritto internazionale. Gli unici svedesi che traggono vantaggio dall'appartenenza alla NATO sono i capitalisti orientati agli Stati Uniti, in particolare i produttori di armi guidati dalla SAAB della famiglia Wallenberg. Le azioni SAAB in borsa sono aumentate notevolmente di valore dopo l'inizio del cosiddetto dibattito sull'adesione della Svezia alla NATO.
 
Tuttavia, non c'è stato un vero dibattito. Non da ultimo, l'emittente statale svedese ha un'enorme responsabilità per il giornalismo di scarsa qualità e di parte che ha travolto l'opinione pubblica sullo sfondo dell'adesione del Paese nordico alla NATO.
 
Solo ora, nel periodo che precede l'eventuale adesione della Svezia alla NATO, sono cominciati ad apparire articoli che mettono in guardia dalle conseguenze di una tale decisione, ma per poco più di un anno la tempesta propagandistica è stata così forte che non si è sentita alcuna contro-argomentazione nei principali media svedesi. Alla fine, i perdenti sono tutti gli svedesi che vogliono vivere in pace e non mandare le giovani generazioni a combattere per gli Stati Uniti, conclude Proletären.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti