Procuratore generale tedesco: nessuna prova contro la Russia nel sabotaggio del Nord Stream

Procuratore generale tedesco: nessuna prova contro la Russia nel sabotaggio del Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli investigatori tedeschi non hanno al momento alcuna prova che ci sia la Russia dietro le esplosioni dei gasdotti Nord Stream 1 e 2.

"Al momento non è possibile dimostrarlo; le indagini sono in corso", ha dichiarato il procuratore generale federale Peter Frank all'edizione domenicale del quotidiano Die Welt, secondo quanto si apprende da alcune anticipazioni.

Con l'aiuto di due navi da ricerca, sono stati prelevati campioni di acqua e di terreno, nonché resti delle condutture, e la scena del crimine è stata documentata in modo esauriente. "Attualmente stiamo valutando tutto questo dal punto di vista forense".

Alla fine di settembre erano state scoperte quattro perdite dalle due condutture in seguito a esplosioni vicino all'isola danese di Bornholm, nel Mar Baltico.

A novembre, le autorità di sicurezza svedesi avevano dichiarato che si era trattato di un grave caso di sabotaggio, senza tuttavia indicare un colpevole.

I siti delle esplosioni si trovano in acque internazionali, nelle zone economiche esclusive di Danimarca e Svezia. Entrambi i Paesi stanno conducendo le proprie indagini. "Ma siamo in contatto", ha detto Frank.

Poco tempo dopo, a Berlino e nello Stato occidentale della Renania Settentrionale-Vestfalia sono stati danneggiati cavi essenziali per il sistema di comunicazione radio della ferrovia. Il traffico ferroviario in gran parte della Germania settentrionale è rimasto bloccato per ore.

Anche la Procura federale sta indagando sugli incidenti dell'8 ottobre. Frank ha dichiarato nell'intervista che l'indagine non è ancora conclusa. "Quello che posso dire, però, è che Il sospetto che si sia trattato di un'azione di sabotaggio straniera non ha potuto essere suffragato finora".

Mentre secondo quanto sostiene il Times la parte tedesca sarebbe propensa ad accettare la versione del sabotaggio da parte dei Paesi occidentali per accusare la Russia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti