Procede senza intoppi la giornata referendaria in Venezuela

Procede senza intoppi la giornata referendaria in Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Procede senza intoppi il processo elettorale in Venezuela dove il popolo è chiamato ad esprimersi sulla questione del territorio Esequibo conteso con la Guyana. Come si apprende dalla stampa locale fin dalle prime ore del mattino, i venezuelani hanno iniziato a recarsi presso i seggi elettorali per esprimere la propria preferenza sui quesiti posti.

A oltre ore ore dall’apertura dei seggi elettorali il presidente del Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), Elvis Amoroso, ha dichiarato che alle 06:00 (ora locale) di questa domenica il 75% dei seggi elettorali era già attivo, e alle 09:00 "il 97% dei seggi e dei centri elettorali era stato allestito".

Parlando dalla sede del CNE in Plaza Caracas, Amoroso ha sottolineato che la giornata di voto per il referendum consultivo che si sta svolgendo nel Paese sudamericano è iniziata alle ore 6:00 csenza intoppi.

Ha inoltre riferito che nei centri di voto situati nelle aree indigene di Amazonas, Apure, Zulia, Delta Amacuro si registrano file. 

"Alcuni seggi elettorali lontani hanno avuto problemi di connessione", ha spiegato Amoroso come riporta teleSUR.

Amoroso ha inoltre sottolineato che 84.000 membri dei seggi elettorali, 55.000 operatori tecnici e 380.000 membri della FANB sono attivi in tutto il Paese per la sicurezza dei venezuelani.

Ha poi reso noto che saranno concessi accrediti a ospiti internazionali, ambasciatori, consoli, media, organizzazioni culturali, in modo che possano verificare come si sta sviluppando il processo elettorale in tutto il Paese.

L'autorità del CNE ha ricordato che 61 partiti e organizzazioni politiche del Paese hanno espresso il loro sostegno al referendum consultivo.

Amoroso ha ricordato che non ci sono restrizioni al voto, poiché "qualsiasi venezuelano può votare questa domenica", e può anche votare "con qualsiasi maglietta che alluda al referendum, qui l'unico candidato è la patria venezuelana".

Ricordiamo che i cittadini venezuelani dovranno rispondere sì oppure no a cinque domande approvate all'unanimità dal CNE e successivamente avallate dalla Corte Suprema di Giustizia (TSJ).

Le cinque domande sono:

1) Siete d'accordo nel respingere, con tutti i mezzi, in conformità con la legge, la linea fraudolentemente imposta dal Lodo Arbitrale di Parigi del 1899 che cerca di espropriarci della nostra Guyana Esequiba?

2) Sostenete l'Accordo di Ginevra del 1966 come unico strumento legale valido per raggiungere una soluzione pratica e soddisfacente per il Venezuela e la Guyana alla disputa sul territorio dell’Esequibo?

3) Siete d’accordo con la posizione storica del Venezuela di non riconoscere la giurisdizione della Corte Internazionale di Giustizia Territoriale per risolvere la disputa territoriale sulla Guyana Esequiba?

4) Siete d'accordo nell'opporvi con ogni mezzo, nel rispetto della legge, alla pretesa della Guyana di disporre unilateralmente di un mare, in attesa di delimitazione, illegalmente e in violazione del diritto internazionale?

5) Siete d'accordo con la creazione dello Stato di Guyana Esequiba e con lo sviluppo di un piano accelerato per l'assistenza completa alla popolazione attuale e futura di questo territorio, che includa, tra l'altro, la concessione della cittadinanza e delle carte d'identità venezuelane, in conformità con l'Accordo di Ginevra e con il diritto internazionale, e di conseguenza l'incorporazione di questo Stato nella mappa del territorio venezuelano?

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti