Privatizzazione Poste Italiane. A l'AntiDiplomatico diamo la parola ai lavoratori

Privatizzazione Poste Italiane. A l'AntiDiplomatico diamo la parola ai lavoratori

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulia Bertotto per l'AntiDiplomatico

La proposta di privatizzazione di Poste Italiane sta riempiendo - e a ragione vista la portata storica, economica e anche democratica che comporta - le prime pagine dei giornali. Poste Italiane venne fondata nel 1862 nell’Italia post-unitaria, originariamente col nome di Ente Poste Italiane (EPI), convertita in società per azioni nel 1998. Nel 2022 presentava un fatturato di 11,8 miliardi di euro.

Il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri per la privatizzazione di Poste Italiane è stato inviato alla Camera per l’esame delle Commissioni competenti. Alla proprietà pubblica resterà una quota minima del 35%. Attualmente Poste Italiane è controllata per il 29,26% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, per il 35% da Cassa Depositi e Prestiti (una SpA controllata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze) e il restante da investitori istituzionali e retail (vendita al dettaglio).

Abbiamo intervistato due dipendenti romani, un portalettere e una addetta ai lavori interni, i quali preferiscono tutelarsi restando anonimi.

La parola a loro. Ai lavoratori. 

Perché volete evitare la privatizzazione di Poste Italiane?

La nostra lotta contro la privatizzazione dei Poste Italiane come cittadini italiani e come lavoratori. Fin dalla sua Fondazione PI è stato un ente che ha avuto un ruolo nell’Unità d’Italia, è quindi un’istituzione storica che ha contribuito anche alla rinascita degli italiani dopo le Guerre, rappresentando un punto di rilancio e forza del nostro paese. Poste Italiane è un baluardo solido per i risparmi della cittadinanza. Inoltre i suoi uffici sono così capillarmente diffusi sul territorio nazionale, che questa privatizzazione significherebbe mettere fisicamente la penisola nelle mani di un privato. In ogni piccolo paese c’è una chiesa, una farmacia, un bar e sicuramente un ufficio postale. Buoni fruttiferi, libretti, conti correnti, PI è una realtà concreta nella nostra vita. Affidare tutto questa ricchezza -o anche una parte di essa- a un privato, è pericoloso, sconcertante. Come lavoratori ipotizziamo che il privato si libererà presto di settori aziendali meno remunerativi (a differenza del ramo finanziario) e che non fanno alti profitti come il recapito. Di conseguenza ipotizziamo minore tutela del lavoratore che comporterà un taglio dei posti e un ulteriore aumento della mole di lavoro. Quindi un futuro “alla Amazon”, con turni disumani, tutele irrisorie, assenza di permessi (il vecchio contratto prevede PIR, mentre gli assunti dal 2019 beneficiano solo di malattia e ferie ma non di permesso retribuito e sono cedibili con il ramo d'azienda). Ricordiamo che il postino che deve uscire in tutte le condizioni comprese pioggia e neve sui motomezzi e che durante il lockdown non ha smesso nemmeno per un giorno di recapitare beni di prima necessita e non a chi era costretto in casa.

Ci saranno svantaggi anche per i cittadini che usufruiscono dei servizi offerti?

Certamente, purtroppo. Poste Italiane oggi è una società che possiede grandissimi utili, il Governo nel 2023 ha preso utili per 600 milioni di euro. Perché PI venderebbe a 3,8 miliardi circa, almeno il 29% delle quote azionarie se ad esempio in sette anni il guadagno sarebbe superiore a quello attuale? La domanda dovrebbe allarmare non solo i lavoratori ma tutti i cittadini. Stanno vendendo un pezzetto di Stato italiano e il rischio è quello di andare oltre perché Cassa Depositi e Prestiti che detiene al momento il 35% delle restanti quote (se vendessero solo quel 29%) è già un tassello di privatizzazione. Cassa Depositi e Prestiti è la banca da cui lo stato attinge per effettuare tutte le sue operazioni, e svendendo PI si svenderà una quota di essa ai privati. Dentro questa percentuale figura anche la Goldman Sachs. Attori privati potranno gestire il denaro pubblico delle nostre tasse e anche dei nostri risparmi.


Il privato accetta il rischio d’impresa, osa, il pubblico ha la priorità e il dovere di tutelare i cittadini, dove finiranno queste garanzie sociali?

La ricaduta sui lavoratori e quindi sulle loro famiglie sarà spietata. Chi ha un vecchio contratto di lavoro forse è più al sicuro ma i nuovi lavoratori assunti con i nuovi contratti non lo sono affatto. Loro sono come dei codici a barre, nel loro contratto c’è scritto che possono essere ceduti a terzi in caso di necessità. PI potrebbe venire divisa in due come è successo ad Alitalia. I report relativi a studi bancari, ad esempio quello di Medio Banca parlano di una vendita già realizzata e di tagli del 25% del personale. Questi sono tutti utili per gli investitori e rendono appetibili le quote. Ma questo non conviene certo ai cittadini che perderanno personale agli sportelli.


Ci sarà ancora il servizio pubblico? Questa è una di quelle domande che dobbiamo porci anche in riferimento al servizio sanitario del nostro paese. Il processo di privatizzazione è un metodo di esproprio alla cittadinanza dalle braccia lunghe...

Sì, coloro che ci governano da sinistra a destra svendono a terzi ciò che a loro neppure appartiene, ma che appartiene alla collettività che paga le tasse. Il servizio pubblico è invece fondamentale dal punto di vista politico perché bilancia i poteri, ma anche sul piano sociale, gli uffici sono una istituzione nella comunità.

Del resto lo slogan PI non è “Il cambiamento siamo noi"?

Lo chiamano “futuro” ma si deve intendere “profitto”. Attribuire ai privati il taglio del personale li solleva agli occhi dell’opinione pubblica che non è informata dei fatti o che non ha compreso l’operazione in corso, dalla responsabilità di una strage sociale.

Come si esprimono i sindacati sulla situazione?

La CGIL, la UIL e i COBAS, si stanno mobilitando attraverso inizi di protesta, rimane fuori la CISL. PI ha 120 mila lavoratori, più della metà sono iscritti alla CISL, sindacato che detiene quindi la maggioranza delle deleghe e dunque costituisce questa grossa fetta di rappresentanza quando va a trattare con gli AD. Vuol dire che se la CISL rimane fuori da questa contrattualizzazione, siamo davanti a un problema. Probabilmente questo sindacato non entrerà in lotta contro la privatizzazione perché nelle prossime elezioni politiche ci sarà un candidato europarlamentare legato all’esecutivo Meloni, quindi andrebbero contro iniziative governative. Questo il quadro fantapolitico intricato e fatale. Il nostro intento è attivare i lavoratori al di là di ogni sigla e dei colori politici. I lavoratori possono fare moltissimo se riescono ad andare oltre le ideologie e ad organizzare un movimento a prescindere dalle bandiere.

----

L'AntiDiplomatico è un giornale online regolarmente registrato al Tribunale di Roma che subisce la censura di "fact-checker" di testate a noi concorrenti e dell'agenzia statunitense NewsGuard. C'è un solo modo per essere sicuri di rimanere sempre aggiornati con il nostro lavoro: cliccando qui.

 

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti