"Prima vennero a prendere i senzatetto... ora tacca agli studenti"

"Prima vennero a prendere i senzatetto... ora tacca agli studenti"

In qualità di operatori sanitari, vediamo delle inquietanti somiglianze nell'uso del potere di polizia potenziato e nella strumentalizzazione della salute e della sicurezza pubblica per criminalizzare il dissenso e controllare i gruppi di persone oppresse.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di GHULAM KARIM KHAN*; JENNIFER K. BRODY; AVIK CHATTERJEE* ; JORDANA LAKS ---- COMMONDREAMS

 

Le persone in tutto il mondo guardano con orrore le scene di repressione violenta delle proteste pacifiche degli studenti che arrivano nei telegiornali e sui social media. Gli studenti che protestano contro il ruolo dell'America nell'uccisione di massa dei palestinesi da parte di Israele devono affrontare la polizia in tenuta antisommossa che brandisce manganelli.

A Boston, mentre la polizia si avvicinava, Amina Adeyola, una studentessa del College Emerson che lavora con centinaia di manifestanti, ha pronunciato un discorso appassionato per esortare il sindaco a richiamare la polizia della città. Ha sottolineato che l'ordinanza comunale utilizzata dalla polizia per arrestare i manifestanti era la stessa che era stata concepita per rimuovere le persone non alloggiate da un grande accampamento pochi mesi prima.

Subito dopo il suo discorso, è stata arrestata. Le scene degli studenti di Emerson trascinati, colpiti, con gli effetti personali strappati dalle mani, sono state trasmesse in diretta streaming sui social media. Gli studenti hanno riportato gravi ferite.

Gli studenti manifestanti ci invitano a vedere l'interconnessione delle lotte globali per la libertà contro l'oppressione sistemica e la forza autoritaria.

Come medici che si occupano di persone senza fissa dimora a Boston, conosciamo bene l'ordinanza antisfratti usata per arrestare gli studenti. Il contesto era diverso, ma la repressione rapida in nome della salute e della sicurezza pubblica era la stessa. Vediamo le stesse inquietanti somiglianze nell'uso dell'espansione del potere di polizia e dell'arma della salute e della sicurezza pubblica per criminalizzare il dissenso e controllare i gruppi oppressi.

Solo pochi mesi prima, di fronte alla crisi dei senzatetto e all'aumento dei costi degli alloggi, Boston aveva emanato una nuova ordinanza che vietava il campeggio nelle tende in tutta la città. Il sindaco ha invitato la polizia a controllare gli accampamenti delle comunità di senzatetto e a multare le persone che vivono all'aperto. L'ordinanza prevedeva che la polizia offrisse prima di tutto un deposito per gli effetti personali e un letto per il ricovero, ma questo sembrava poco serio. I rifugi più grandi di Boston erano già pieni, con persone che abitualmente dormivano sul pavimento.

Ci siamo opposti a gran voce a questa misura, basandoci sia sull'esperienza personale che sulle prove raccolte negli accampamenti di tutto il Paese. Dopo le precedenti retate, i nostri pazienti che ricevevano farmaci salvavita, tra cui trattamenti per l'HIV e altre infezioni gravi, sparivano: in prigione, spinti in un accampamento più lontano o morti, spesso non lo sapevamo. Le immagini inquietanti delle precedenti rimozioni di accampamenti erano fresche nella nostra mente: sedie a rotelle confiscate e schiacciate, farmaci e altri oggetti fondamentali sottratti con la forza ai pazienti. Le ricerche sulla salute pubblica dimostrano che i controlli a tappeto delle forze dell'ordine sugli accampamenti dei senzatetto non portano salute e sicurezza. Non portano a una diminuzione della violenza. Non riducono il consumo di droga. Si traducono in una disconnessione dai servizi di riduzione del danno e dalle cure mediche salvavita. E provocano un aumento dei ricoveri e delle overdosi mortali.

Sentire i funzionari comunali, compresi i medici, citare "salute e sicurezza" come motivazione dell'ordinanza è stato profondamente sconvolgente. Il benessere delle persone non alloggiate, che alla fine sono state arrestate o spinte in zone meno visibili della città, non è mai stato la preoccupazione principale. Invece di investire il denaro e il tempo necessari per affrontare problemi difficili - la mancanza di alloggi a prezzi accessibili, i cicli di incarcerazione e povertà, il trattamento inadeguato delle dipendenze - la città ha scelto di espandere il potere della polizia contro un gruppo già emarginato.

Oggi vediamo questa stessa ordinanza usata contro gli studenti che chiedono il disinvestimento dal genocidio di Israele a Gaza. Per difendere l'azione della polizia, il sindaco Michelle Wu ha citato la "salute e la sicurezza" dei bostoniani. La mattina successiva alla repressione della protesta dell'Emerson College, gli operai della città hanno ripulito dal sangue il luogo della protesta. È difficile conciliare la vista del sangue dei manifestanti sui marciapiedi, frutto della violenza della polizia, con l'appello alla salute e alla sicurezza. Come hanno potuto farlo?

Come ha astutamente sottolineato Adeyola, abbiamo dato loro gli strumenti.

Invece di finanziare gli alloggi e altri servizi necessari per prevenire la mancanza di una casa, i nostri leader eletti usano i soldi delle nostre tasse per finanziare la polizia e le prigioni, che sono piene di persone senza casa. Piuttosto che rivelare e disinvestire dall'apartheid, dall'occupazione e dal genocidio israeliani, i leader universitari invitano le forze di polizia (spesso militarizzate dalla Forza di Difesa israeliana) nel campus in nome della sicurezza degli studenti, per brutalizzare e arrestare gli studenti e i loro docenti e sostenitori della comunità.

Gli studenti manifestanti ci implorano di vedere l'interconnessione delle lotte globali per la libertà contro l'oppressione sistemica e la forza autoritaria. Ci chiedono di non chiudere gli occhi di fronte al brutale disprezzo dei nostri leader per la vita dei palestinesi nel falso nome della sicurezza israeliana. Come operatori sanitari, abbiamo l'obbligo di parlare contro la deliberata distruzione delle infrastrutture critiche di Gaza e l'omicidio di massa degli operatori sanitari che cercano disperatamente di salvare vite civili.

Come operatori sanitari impegnati per la salute e il benessere autentico di tutti - che si tratti di persone non alloggiate, di studenti manifestanti o della popolazione di Gaza - dobbiamo denunciare ovunque l'uso della violenza di Stato in nome della sicurezza. E al di là della retorica, dobbiamo proteggere e sostenere i più vulnerabili che parlano e chiedono un mondo più giusto. Non possiamo abbandonare i nostri giovani a rischiare tutto da soli. Gli operatori sanitari devono essere al loro fianco, inondando ogni accampamento di studenti in tutta la nazione.

In questi tempi bui per la democrazia, noi medici che assistiamo agli attacchi prima ai senzatetto e ora agli studenti che protestano, ci ricordiamo che il nostro silenzio e la nostra inazione collettiva mettono in pericolo tutti noi.

Traduzione de l’AntiDiplomatico

* Ghulam Karim Khan, MD, è un medico specializzato in malattie infettive e dipendenze che lavora principalmente con persone senzatetto a Boston, Massachusetts.

Jennifer Brody, MD, MPH, è un medico di base e di medicina delle dipendenze che si prende cura principalmente delle donne senzatetto a Boston, Massachusetts.

* Avik Chatterjee, MD, MPH, è un ricercatore e medico di base e di medicina delle dipendenze presso diverse cliniche con sede a Boston, Massachusetts.

* Jordana Laks, MD, MPH, è un medico di base e di medicina delle dipendenze che si prende cura principalmente delle donne senzatetto a Boston, Massachusetts.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti