Pinochet: Impunità garantita

Pinochet: Impunità garantita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le 06:00 del mattino di martedì 11 settembre 1973 fu il momento scelto dalle Forze Armate cilene per lanciare un'insurrezione militare che avrebbe posto fine ai 3 anni di governo socialista del presidente Salvador Allende (1970-1973).

L'evento, unanimemente considerato come il punto di svolta nella storia recente del paese sudamericano, portò con sé una feroce repressione per sradicare ciò che Augusto Pinochet, comandante in capo dell'esercito cileno divenuto capo della giunta militare insediatasi dopo il rovesciamento, chiamato "cancro marxista".

Per raggiungere questo obiettivo, oltre a mettere fuori legge tutti i partiti politici e a sospendere il Congresso, furono utilizzati metodi feroci di tortura, sparizioni forzate e altri crimini rientranti nel terrorismo di Stato, accompagnati da una riprogettazione della società cilena dalle sue fondamenta, nell’interesse che l'intero ordine sociale costruito dopo l'ascesa al potere di Allende sarebbe, se non annullato, ridotto alla sua minima espressione.

Il famigerato esperimento durò quasi 17 anni e presentava presupposti che ne rendevano possibile la durata e l’efficacia, alcuni pianificati e attuati almeno un decennio fa in vari uffici del governo statunitense.

Le figure dell'orrore

Il regime presieduto da Augusto Pinochet in Cile (1973-1990) è noto in tutto il mondo per le sistematiche violazioni dei diritti umani perpetrate soprattutto contro i militanti di sinistra e, in generale, contro tutte quelle persone sospettate di non essere d'accordo con le idee del movimento dittatura.

Secondo il rapporto finale della Commissione nazionale sulla prigionia politica e la tortura, pubblicato nel 2004 sotto gli auspici dell’amministrazione Ricardo Lagos (2000-2006), è stato riconosciuto che più di 27.000 persone subirono incarcerazione politica  e tortura su un universo di 33.221 di arresti certificati. La differenza, si legge nel documento, corrisponde a casi di violazione dei diritti umani senza apparenti motivazioni politiche.

Secondo i dati ufficiali, 2.125 persone sono state assassinate dalle forze pubbliche nel quadro della repressione, più di  1.100 risultano disperse e circa 200.000 sono state costrette all'esilio per salvaguardare la propria vita. Non è stato possibile determinare esattamente quanti fossero trattenuti nei centri clandestini.

Allo stesso modo, tra il 1974 e il 1988, è stato esplicitamente vietato il ritorno degli esuli, i cui passaporti furono sospesi a livello esecutivo perché costituivano "un pericolo per lo Stato". Quelli con il profilo più alto furono anche privati ??della loro nazionalità.

Inoltre, nei suoi 17 anni di esistenza, la dittatura ha gestito 1.168 centri di detenzione per prigionieri politici in tutto il Cile, che comprendevano strutture militari e di polizia, uffici governativi, centri sanitari, impianti sportivi e numerose enclave clandestine, molte delle quali operavano in aree urbane.

Tra questi, è particolarmente noto lo Stato Nazionale del Cile, che ospitò circa 40.000 prigionieri durante i primi due mesi del regime militare, Villa Grimaldi, Venda Sexy o la Colonia Dignidad, in cui furono perpetrate numerose violazioni dei diritti umani e sparizioni forzate. Come pratica, sia attraverso fosse comuni, sia gettando cadaveri nelle acque dell'Oceano Pacifico, nei cosiddetti 'voli della morte'. 

Inoltre, la lunga mano del pinochetismo, in collaborazione con gli apparati di intelligence di altri regimi militari sudamericani nel contesto del Piano Condor, raggiunse anche alti funzionari del governo Allende, come l’ex comandante dell’esercito Carlos Prats e il ministro della Difesa Orlando Letelier, uccisi in attentati separati a Buenos Aires e Washington, dove si erano rifugiati per sfuggire alle persecuzioni della Direzione nazionale dell'intelligence (DINA), fondata all'inizio del 1974.

L'omicidio di Letelier, ordinato direttamente da Pinochet, fu particolarmente rilevante perché era diventato una voce di spicco – forse la più importante – dell'esilio cileno e costituì il primo attacco terroristico sul suolo americano perpetrato da un altro Stato.

Nel frattempo, gli Stati Uniti, il cui ruolo nel regime change in Cile è ampiamente dimostrato, offrirono sostegno al dittatore e esortarono le dittature militari del Cono Sud a cooperare tra loro per affrontare ciò che l’ex segretario di Stato, Henry Kissinger, chiamava "il problema del terrorismo" - militanti e organizzazioni di sinistra - come affermato in un memorandum declassificato del Dipartimento di Stato del giugno 1976.

Le condizioni di possibilità

Tuttavia, questo sanguinoso apparato di repressione poteva essere installato solo a condizione di avere in anticipo la capacità di creare una struttura molto ben equipaggiata e altamente efficace in un breve periodo di tempo, poiché in poche ore dall’assalto al potere, i militari e polizia – Gli agenti di polizia cileni hanno iniziato a violare in modo massiccio i diritti umani, in un luogo dove tali pratiche non erano comuni e non erano viste favorevolmente dal governo.

È qui che i programmi di “sostegno militare” implementati dalla Casa Bianca nel continente sembrano combattere la minaccia del comunismo. Il Cile non faceva eccezione e Allende sembrava essere a conoscenza di questi movimenti mesi prima del suo rovesciamento, poiché alla fine del 1972 contrastò la chiusura dei crediti internazionali per Santiago, promossa attraverso pressioni e lobby dall’amministrazione Nixon, con l’aumento dei fondi destinati addestrare i soldati cileni sul suolo americano.

Anche se il leader socialista non ha precisato le caratteristiche di tale addestramento, rapporti declassificati del governo statunitense riferiscono che tra il 1970 e il 1974, 1.049 soldati cileni hanno ricevuto addestramento come ricorda la School of the Americas.

A questo proposito, nel suo noto libro 'The Shock Doctrine', la ricercatrice canadese Naomi Klein mette in guardia dalla repressione sistematica applicata dalle dittature civico-militari sudamericane negli anni '70 e '80, poiché in tutti i casi la deprivazione e la distorsione sensoriale, percosse, elettroshock, isolamento, abusi sessuali e altre pratiche spregevoli contro la popolazione presa di mira, i cui effetti furono ampiamente descritti in studi finanziati dalla CIA circa 20 anni prima.

Le testimonianze dei sopravvissuti e di alcuni autori hanno permesso di stabilire chiaramente che il terrorismo di stato esercitato dal regime di Pinochet continuava  senza cambiamenti come affermato nei manuali di tortura scritti nei bunker della CIA  che Klein menziona nel suo lavoro, quindi è impossibile che tali crimini, classificati dalla Giustizia cilena come “contro l'umanità”, sono stati il ??prodotto di azioni individuali, come il pinochetismo si ostinava a dire. 

D’altra parte, anche se le denunce dei parenti dei detenuti-scomparsi hanno cominciato ad acquisire peso nella sfera internazionale a partire dal 1974 e la Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani ha condannato Pinochet per massicce violazioni dei diritti umani nel 1977, in termini pratici ciò non funzionò per influenzare la sua permanenza alla guida dello Stato cileno.

Piuttosto, all'inizio degli anni '80, il generale si era guadagnato due potenti alleati: la "premier" britannico Margaret Thatcher  (1979-1990) e il presidente americano Ronald Reagan  (1981-1989).

A Londra e a Washington poco importava che Pinochet fosse seduto a La Moneda per quasi un decennio senza che un’elezione lo legittimasse, o che gravi accuse di persecuzione politica, detenzioni arbitrarie, torture o sparizioni forzate pesassero sulla sua amministrazione. Al contrario: era considerato un alleato di prim'ordine nella lotta anticomunista nel quadro della Guerra Fredda. 

Un altro complice necessario

Come avverte il filosofo francese Michel Foucault, nessun regime di potere si mantiene esclusivamente sulla base del terrore e della coercizione, nemmeno una dittatura sanguinaria come quella guidata da Augusto Pinochet.

A questo proposito, è ovvio che l’anticomunismo non era una forza marginale in Cile prima dell’ascesa al potere di Allende e che disponeva di molte risorse per diffondere il suo messaggio, in gran parte basato sulla disinformazione, sulla decontestualizzazione e sull’esagerazione.

Dai documenti declassificati da diverse agenzie governative statunitensi risulta che tra il 1970 e il 1972 il gruppo mediatico El Mercurio, di proprietà dell'imprenditore Agustín Edwards Eastman, aveva ricevuto dalla CIA circa 2 milioni di dollari per fare propaganda contro il governo socialista.

Una volta insediata la giunta militare, El Mercurio scelse inizialmente di presentare un'immagine favorevole del governo di fatto, che alla fine si tradusse in un'esplicita complicità nel nascondere le torture, gli omicidi e le sparizioni che cominciavano a verificarsi a partire dall'11 settembre 1973.

Un punto di svolta è stato il cosiddetto caso del ' 119 ’, un’operazione false flag ideata dalla DINA  e sostenuta dal gruppo mediatico Edwards  per offrire una versione ufficiale della sorte dei detenuti-scomparsi, in cui 119 persone, per lo più leader della sinistra, vittime di un’esecuzione perpetrata dai loro compagni combattenti.

La falsa notizia, attribuita ad inesistenti agenzie brasiliane e argentine, fu diffusa all'opinione pubblica con titoli volgari come "Giustiziati dai loro stessi compagni: identificati 60 Miristi assassinati" o "Sterminati come topi", che inizialmente non menzionavano in ogni caso quelle 119 persone, di cui non si sapeva dove si trovassero e che i loro parenti sospettavano che fossero state assassinate dall'apparato repressivo della dittatura.

Questo ruolo centrale dei media legati al regime nella costruzione della storia ufficiale sui detenuti scomparsi è stato riconosciuto poco dopo la partenza di Pinochet dal potere, sotto gli auspici del suo successore, il socialista cristiano Patricio Aylwin (1990-1994), che in La sua giornata giustificò il rovesciamento di Salvador Allende, secondo le dichiarazioni che fece ad un giornalista della televisione spagnola (RTVE) dopo il colpo di stato.

Nel rapporto prodotto dalla Commissione Nazionale per la Verità e la Riconciliazione nel 1991, "la pubblicazione di informazioni non verificate su presunte fughe o scontri che hanno permesso di giustificare all'opinione pubblica la morte di numerose persone è stata identificata come una pratica discutibile, che allo stesso tempo colpisce loro buon nome e dignità” e si sottolinea che “la disinformazione dell’opinione pubblica su questi temi ha indubbiamente contribuito al perdurare delle violazioni dei diritti umani nel Paese”.

Impunità garantita

Per un decennio e mezzo, dentro e fuori il Cile, sono stati fatti vani tentativi di processare direttamente Pinochet per genocidio, tortura e crimini contro l’umanità.

Nei tribunali internazionali, i casi non hanno avuto esito positivo, nonostante le pressioni di diversi paesi europei, del Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura e dell’apparente neutralità del Regno Unito, allora guidato dal leader laburista Tony Blair (1997-2007).

Dopo essere stato arrestato a Londra nel 1998, l'ex dittatore si è presentato davanti ai tribunali locali per far fronte alla richiesta di estradizione verso la Spagna promossa dal giudice Baltasar Garzón per torture e sparizioni.

Tuttavia, nonostante l’iniziale benestare delle autorità britanniche, la Santa Sede ne chiese la liberazione data la stabilità politica del Paese sudamericano e il Senato cileno ha approvato in maniera restrittiva il rispetto della sua immunità diplomatica, poiché la politica costituzionale da lui sancita nel 1980 garantiva dargli un seggio a vita nella Camera Alta.

Una situazione simile si è replicata nel suo Paese, dove è tornato nel 2000 per “motivi umanitari” giustificati da visibili peggioramenti della sua salute.

Pinochet si dimise dalla carica di senatore a vita e il suo caso fu archiviato per problemi mentali il 4 luglio 2002, anche se la Corte Suprema annullò la sentenza e fu nuovamente processato nel 2005 per vari crimini contro l'umanità e gestione fraudolenta della cosa pubblica.

L'anziano generale morì il 10 dicembre 2006 per arresto cardiaco all'età di 91 anni, senza dover affrontare integralmente alcun processo né essere stato in carcere per i molteplici reati in cui la sua responsabilità è chiaramente accertata.

Nessun punto finale

Sebbene le prime indagini sulle accuse di esecuzioni e sparizioni forzate durante i 17 anni della dittatura di Pinochet siano iniziate nel 2010 e da allora siano stati condannati alcuni colpevoli, per lo più militari di basso rango, i vertici delle catene di comando sono riusciti a fuggire giustizia o hanno ricevuto condanne leggere, ad eccezione di alcuni alti funzionari della DINA.

Proprio nel 2022, l’Esercito cileno ha pubblicato un rapporto in cui ammetteva il coinvolgimento di ufficiali militari in crimini contro l’umanità durante l’era Pinochet, che comprendono torture, sparizioni forzate, esecuzioni sommarie e incarcerazioni ingiustificate.

Tra gli altri casi, è stata riconosciuta la partecipazione delle Forze Armate alla Carovana della Morte, come è stata designata la delegazione militare guidata dal generale Sergio Arellano Stark, che ha percorso il Paese da nord a sud dopo il colpo di stato e ha assassinato sul suo cammino ...a centinaia di persone.

È stata accettata anche la responsabilità diretta dell’establishment militare negli attentati che hanno messo fine alla vita dei generali René Schneider e Carlos Prats e dell’ex ministro della Difesa Orlando Letelier, sebbene i tre eventi siano avvenuti fuori dai confini cileni.

Nel frattempo, l'ombra di Pinochet è ancora presente in Cile e la sua eredità è lungi dallo scomparire o dall'essere sinonimo di condanna e rifiuto unanimi. Un recente sondaggio ha rivelato  che circa un cileno su tre ritiene che il colpo di stato militare fosse giustificato e  il 47% ha valutato il regime come “in parte buono e in parte cattivo.”

Pertanto, i progressi compiuti nell’ultimo decennio e mezzo per perseguire i colpevoli, risarcire le vittime e portare alla luce le circostanze di ogni crimine non sembrano sufficienti a recuperare una memoria storica che ha cominciato a sbiadire. Il tempo stringe e la strada da fare è ancora lunga.

 

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti