Perché la Cina ha votato contro la risoluzione Onu sulla Palestina

Perché la Cina ha votato contro la risoluzione Onu sulla Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Jingjing Li - Post X

La Cina non è affatto indifferente alle sofferenze della popolazione di Gaza. Ciò a cui la Cina si oppone è che il progetto di risoluzione evita selettivamente di fare riferimento alle cause profonde dell’attuale crisi umanitaria a Gaza, e non riesce a sollecitare Israele a revocare l’assedio totale e a revocare l’ordine di evacuazione per il nord di Gaza. Un approccio così evasivo e inefficace non farà altro che accelerare la caduta di Gaza in una catastrofe umanitaria ancora più grande. La Cina non nega affatto le preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza.

 Al contrario, la Cina ha sempre sostenuto con forza che si dovrebbe prestare uguale attenzione alle preoccupazioni di sicurezza e ai diritti legittimi sia di Israele che della Palestina. Ciò a cui la Cina si oppone è che il progetto di risoluzione tenta di stabilire una nuova narrazione sulla questione palestinese, ignorando il fatto che il territorio palestinese è occupato da molto tempo ed eludendo la questione fondamentale dello stato indipendente per il popolo palestinese.

Vale la pena vigilare sul fatto che la bozza si discosta dallo spirito delle precedenti risoluzioni ONU e incorpora la pericolosa logica dello scontro di civiltà e la giustificazione della guerra e dell’uso della forza.

La Cina non è affatto indifferente agli atti che danneggiano i civili. Ciò a cui la Cina si oppone è che il progetto di risoluzione non invita le parti interessate a fermare l’uso indiscriminato e asimmetrico della forza, né richiede un’indagine approfondita sugli attacchi atroci come quello all’ospedale Al-Ahli. Un’applicazione così selettiva del diritto internazionale e dei doppi standard non farà altro che spingere sempre più civili innocenti sull’orlo della morte. In termini di contenuto, il progetto è gravemente sbilanciato e confonde giusto e sbagliato.

 La Cina non si oppone affatto all’azione del Consiglio. Ciò a cui la Cina si oppone è che il progetto di risoluzione è evasivo sulla questione più urgente: porre fine alle ostilità. Non è mai stata in grado di chiedere un cessate il fuoco immediato in termini chiari e inequivocabili. Se una risoluzione del Consiglio è ambigua sulla questione della guerra, della pace, della vita e della morte, non solo è irresponsabile, ma anche estremamente pericolosa. In termini di approccio, il progetto è stato presentato in fretta e non ha avuto il consenso che meritava. In termini di effetti, la bozza non riflette le richieste più forti del mondo per un cessate il fuoco e la fine dei combattimenti, e non aiuta a risolvere la questione.

Ecco perché la Cina ha posto il veto!

 

Dichiarazione di voto dell'Ambasciatore Zhang Jun sul progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite riguardante la situazione israelo-palestinese

 
 

Signor Presidente,

La Cina ha votato contro il progetto di risoluzione. La nostra posizione si basa sui fatti, sulla legge, sulla coscienza, sulla giustizia e sui forti appelli del mondo intero, in particolare dei paesi arabi.

Ricordiamo tutti che mercoledì scorso un progetto di risoluzione incentrato sulla situazione umanitaria del conflitto israelo-palestinese, che sottolineava la protezione dei civili e sostenuto dalla stragrande maggioranza dei membri del Consiglio, non è stato adottato a causa del ricorso al veto. Sabato sera, gli Stati Uniti hanno presentato un nuovo progetto di risoluzione che metteva da parte il consenso dei membri, includeva molti elementi che erano ancora profondamente divisivi e andava ben oltre la sfera umanitaria. Molti membri del Consiglio, tra cui Cina, Russia, Emirati Arabi Uniti e Brasile, hanno proposto emendamenti al testo. Tuttavia, il promotore, ignorando le principali preoccupazioni dei membri interessati, ha apportato solo modifiche estetiche alla bozza prima che il testo fosse messo in blu per affrettare il Consiglio a votarlo. In termini di contenuto, il progetto è gravemente sbilanciato e confonde giusto e sbagliato. In termini di approccio, il progetto è stato presentato in fretta e non ha avuto il consenso che meritava. In termini di effetti, la bozza non riflette le richieste più forti del mondo per un cessate il fuoco e la fine dei combattimenti, e non aiuta a risolvere la questione. Sulla base di quanto sopra, il progetto di testo evidentemente non è in grado di essere adottato.

Signor Presidente,

La Cina non si oppone in alcun modo all’azione del Consiglio. Al contrario, abbiamo sempre chiesto con forza che il Consiglio svolga un ruolo responsabile. Ciò a cui ci opponiamo è che il progetto di risoluzione sia evasivo sulla questione più urgente: porre fine alle ostilità. Non è mai stata in grado di chiedere un cessate il fuoco immediato in termini chiari e inequivocabili. In questo momento, il cessate il fuoco non è solo un termine diplomatico; significa la vita e la morte di molti civili. Se una risoluzione del Consiglio è ambigua sulla questione della guerra, della pace, della vita e della morte, non solo è irresponsabile, ma anche estremamente pericolosa. Ciò equivale ad aprire la strada ad azioni militari su larga scala e a dare il via libera ad un’ulteriore escalation della guerra.

La Cina non è affatto indifferente agli atti che danneggiano i civili. Al contrario, abbiamo condannato fermamente, alla prima occasione, tutte le violenze e gli attacchi contro i civili, e abbiamo chiesto sforzi diplomatici per promuovere il rilascio anticipato degli ostaggi. Ciò a cui ci opponiamo è che il progetto di risoluzione non invita le parti interessate a fermare l’uso indiscriminato e asimmetrico della forza, né richiede un’indagine approfondita sugli attacchi atroci come quello all’ospedale Al-Ahli. Un’applicazione così selettiva del diritto internazionale e dei doppi standard non farà altro che spingere sempre più civili innocenti sull’orlo della morte.

La Cina non è affatto indifferente alle sofferenze della popolazione di Gaza. Al contrario, abbiamo sempre chiesto con forza l’apertura di corridoi umanitari, la garanzia dell’accesso umanitario e l’evitamento di disastri umanitari. Ciò a cui ci opponiamo è che il progetto di risoluzione eviti selettivamente di fare riferimento alle cause profonde dell’attuale crisi umanitaria a Gaza, e non riesca a esortare Israele a revocare il suo assedio totale su Gaza e a revocare l’ordine di evacuazione per il nord di Gaza. Un approccio così evasivo e inefficace non farà altro che accelerare la caduta di Gaza in una catastrofe umanitaria ancora più grande.

La Cina non nega affatto le preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza. Al contrario, abbiamo sempre sostenuto con forza che si dovrebbe prestare pari attenzione alle preoccupazioni sulla sicurezza e ai diritti legittimi sia di Israele che della Palestina. Ciò a cui ci opponiamo è che il progetto di risoluzione tenti di stabilire una nuova narrazione sulla questione palestinese, ignorando il fatto che il territorio palestinese è stato occupato per molto tempo ed eludendo la questione fondamentale dello stato indipendente per il popolo palestinese. Vale la pena vigilare sul fatto che la bozza si discosta dallo spirito delle precedenti risoluzioni ONU e incorpora la pericolosa logica dello scontro di civiltà e la giustificazione della guerra e dell’uso della forza. Se adottata, annullerebbe completamente la prospettiva della soluzione dei due Stati e getterebbe i popoli palestinese e israeliano in un circolo vizioso di odio e confronto.

Signor Presidente,

La Cina non ha interessi egoistici sulla questione della Palestina. Qualsiasi iniziativa che contribuisca alla pace riceverà il convinto sostegno della Cina. Qualsiasi sforzo che faciliti la riconciliazione israelo-palestinese sarà perseguito dalla Cina con tutti gli sforzi possibili. Dallo scoppio dell’ultima ondata di conflitto, la Cina ha sostenuto attivamente che il Consiglio intraprendesse azioni significative e prendesse decisioni vincolanti il ??prima possibile. Sottolineiamo inoltre che le azioni e le decisioni del Consiglio devono rispettare i fatti e la storia, prendere la giusta direzione e mostrare la dovuta responsabilità, in modo da garantire che superino la prova della moralità e della coscienza. Siamo pronti a continuare a lavorare con i membri del Consiglio e con la comunità internazionale per svolgere un ruolo costruttivo nel porre fine alle ostilità, proteggere i civili, evitare ulteriori catastrofi umanitarie e realizzare una soluzione globale, giusta e duratura alla questione della Palestina.

La ringrazio, signor Presidente. 

Traduzione de l'AntiDiplomatico

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti