Perché i caccia F-35 e F-22 rischiano di essere già obsoleti rispetto ai J-20 della Cina?

Perché i caccia F-35 e F-22 rischiano di essere già obsoleti rispetto ai J-20 della Cina?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I prodotti di punta dell’aviazione militare statunitense sono i caccia stealth F-35 e F-22. Questi velivoli rischiano però di risultare già obsoleti rispetto ai concorrenti cinesi J-20. 

Il gigante aerospaziale Lockheed Martin ha sviluppato i caccia utilizzando telai aerodinamici unici e caratteristiche all'avanguardia. L'aereo da combattimento multiruolo F-35 stealth monoposto, è stato appositamente progettato per eseguire missioni di superiorità aerea e di attacco.

Grazie ai suoi sistemi elettronici, secondo The EurAsian Times, l'F-35 è attualmente l'unico aereo da guerra in grado di affrontare i sistemi di difesa aerea di fabbricazione russa S-400. Temibili missili terra-aria che promettono di colpire qualsiasi bersaglio anche steatlh come F-35 e F-22.

I caccia statunitensi, in ogni caso, fanno troppo affidamento sul missile aria-aria a medio raggio avanzato (AMRAAM) superficie-aria missili.

Attualmente, entrambi i caccia F-22 e F-35 sono equipaggiati con i più recenti missili AIM 120-D. Tuttavia, la presenza di PL-15 e PL-10 sul combattente di quinta generazione più avanzato della Cina, Chengdu J-20, rappresenta un'enorme minaccia per gli Stati Uniti e i suoi alleati.

L'AIM-120 AMRAAM è probabilmente il missile aria-aria oltre il raggio visivo più popolare al mondo. È stato utilizzato per la prima volta nel 1992, quando un F-16D dell'USAF abbatté un MiG-25 iracheno che violava la zona di interdizione al volo.

Da allora ha avuto un record impressionante, avendo abbattuto oltre 14 velivoli, inclusi sei MiG-29, un MiG-25, un MiG-23, un Su-22, un Soko J-21 Jastreb, un UH-60 Black Hawk, un MiG-21 e due Su-24.

D'altra parte, il missile aria-aria a lungo raggio P-15 cinese vanta caratteristiche avanzate, tra cui un radar attivo a scansione elettronica e una portata massima segnalata fino a 300 chilometri.

Il caccia stealth J-20 monoposto, twinjet, di quinta generazione possiede quattro missili PL-15 accompagnati da due missili PL-10 su entrambi i lati.

Sebbene il governo cinese non abbia svelato l’elenco completo delle caratteristiche del J-20, il possesso del P-15 insieme ai missili PL-10 può essere troppo da gestire per qualsiasi paese. L’analista Mark Episkopos osserva che c'è ancora molto di sconosciuto sul J-20, incluso il suo meccanismo di lancio e le specifiche finali del suo motore WS-15 attualmente in fase di sviluppo.

Avverte anche che "la giustapposizione di PL-15 e PL-10 all'interno del telaio del J-20 può diventare una grave preoccupazione per gli Stati Uniti e gli alleati" che continuano a fare affidamento sulla vecchia tecnologia AMRAAM.

Secondo le informazioni note al momento la portata effettiva dei PL-15 potrebbe essere inferiore a 300 km, superiore alla portata dell'AIM-120 AMRAAM di 180 km o meno.

Sebbene si sia parlato molto dei missili PL-15, la presenza del missile aria-aria a infrarossi a corto raggio PL-10 gioca un ruolo chiave nel rendere il caccia J-20 così versatile.

Il missile può essere sparato ad angoli fuori campo di 90 gradi utilizzando il display montato sull'elmetto (HMD) del J-20, che consente al pilota del J-20 di lanciare il missile in qualsiasi direzione usando solo la testa.

Questo, insieme allo status del PL-15, ha sollevato enormi preoccupazioni per l'incapacità del Pentagono di andare oltre gli AMRAAM per superare i missili cinesi.

Insomma, l’avanzata tecnologica della Cina prosegue. Gli USA sembrano in difficoltà sempre maggiore. A questo punto le punte di diamante statunitensi dell’aviazione militare rischiano di diventare già obsolete rispetto ai caccia sviluppati da Pechino. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra