Per il Corriere Draghi pronto ad emanare "l'allarme" energetico

Per il Corriere Draghi pronto ad emanare "l'allarme" energetico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Governo italiano, annunzia il Corriere della Sera è pronto ad emanare "lo stato di allarme" in relazione al gas e al problema energetico.

Evidentemente hanno deciso di non ottemperare a quelle che è il meccanismo studiato dai russi e che prevede doppio conto corrente in Russia (uno in euro nel quale l'importatore versa) e uno in rubli dove è la banca a trasferire e cambiare i soldi.

Sembrava una soluzione che salvava la faccia a tutti (e lo era) ma se il governo emana l'allarme evidentemente non vogliono ottemperare.

Anche la Commissione Europea (ormai ridotta ad organo del Comecon Occidentale che dipende esclusivamente dalla Nato) ha detto di non seguire il meccanismo-schema studiato dai russi.

Vogliono insomma, che le petrolifere occidentali continuino a versare presso il C/C della Gazprom Bank del Lussemburgo e che quei soldi li rimangano, di fatto non nella disponibilità dei russi ma degli europei che possono congelarli quando vogliono.

Nessuno può dire che non ne siano capaci visto che hanno congelato (derubato) 300miliardi di dollari alla banca centrale russa...Qui siamo al banditismo e alla pirateria allo stato puro.

Banditismo e pirateria ovviamente sulle spalle dei popoli che rischiano di ritrovarsi senza l'energia necessaria per vivere.

Ultima speranza è quella che si ribellino le organizzazioni datoriali e dei lavoratori dei paesi e dei popoli più coriacei e combattivi d'Europa (penso ai tedeschi non certo agli italiani).

Altrimenti qui rimaniamo senza gas e si va al razionamento. Su quello che accadrà alle attività produttive meglio non pensarci. E la cosa peggiore e che queste sono mosse propedeutiche all'allargamento della guerra, ovviamente.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti