Pepe Escobar – Il futuro dell'Asia prende forma a Vladivostok, il Pacifico russo

Pepe Escobar – Il futuro dell'Asia prende forma a Vladivostok, il Pacifico russo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

https://thecradle.co/Article/Columns/15396

[Tradotto dall'inglese da Nora Hoppe]

Sessantotto paesi si sono riuniti sulla costa orientale della Russia per ascoltare la visione economica e politica di Mosca per l'Asia-Pacifico.

Il Forum economico orientale (EEF) di Vladivostok non è solo una delle pietre miliari annuali indispensabili per seguire il complesso processo di sviluppo dell'Estremo Oriente russo, ma anche uno dei principali esercizi per l'integrazione dell'Eurasia.

Rispecchiando un 2022 immensamente turbolento, il tema attuale di Vladivostok è "Sulla via di un mondo multipolare". Il Presidente russo Vladimir Putin in persona ha posto, in un breve messaggio ai partecipanti del mondo economico e governativo di 68 nazioni, le basi:

"L'obsoleto modello unipolare viene sostituito da un nuovo ordine mondiale basato sui principi fondamentali della giustizia e dell'uguaglianza, nonché sul riconoscimento del diritto di ogni Stato e popolo al proprio percorso di sviluppo sovrano". Potenti centri politici ed economici stanno prendendo forma proprio qui, nella regione Asia-Pacifico, agendo come forza trainante di questo processo irreversibile".

Nel suo discorso alla sessione plenaria dell'EEF, l'Ucraina è stata appena menzionata. La risposta di Putin, quando gli è stato chiesto di parlarne, è stata: "Ma questo Paese fa parte dell'Asia-Pacifico?"

Il discorso è stato in gran parte strutturato come un serio messaggio all'Occidente collettivo, nonché a quella che l'analista di punta Sergei Karaganov chiama la "maggioranza globale". Tra i vari punti chiavi, questi potrebbero essere i più rilevanti:

In nuce: L'Asia è il nuovo epicentro del progresso tecnologico e della produttività.

Non più un "oggetto di colonizzazione"

Avendo luogo solo due settimane prima di un altro fondamentale incontro annuale - il vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) a Samarcanda - non c'è da stupirsi che alcune delle discussioni più importanti all'EEF ruotino attorno alla crescente interpolazione economica tra la SCO e l'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN).

Questo tema è cruciale quanto lo sviluppo dell'Artico russo: con il 41% del territorio totale, è la più grande base di risorse della federazione, distribuita in nove regioni e comprendente la più grande Zona Economica Speciale (ZES) del pianeta, collegata al porto franco di Vladivostok. L'Artico è in fase di sviluppo attraverso diversi progetti di importanza strategica che riguardano le risorse naturali minerarie, energetiche, idriche e biologiche.

È quindi perfettamente appropriato che l'ex ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissel, autodefinitasi "una storica appassionata", abbia commentato il suo interesse per il modo in cui la Russia e i suoi partner asiatici stanno affrontando lo sviluppo della Rotta marittima settentrionale: "Una delle mie espressioni preferite è che le linee aeree e gli oleodotti si stanno spostando verso est. E continuo a ripeterlo da vent'anni."

In mezzo a una serie di tavole rotonde che hanno esplorato ogni aspetto, dal potere del territorio alle catene di approvvigionamento, dall'educazione globale alle "tre balene" [vuol dire: "le tre colonne" - un'espressione russa basata su un antico mito secondo il quale il mondo sarebbe stato sorretto da "tre balene"] (la scienza, la natura, l'uomo), la discussione più importante di questo martedì al forum è stata presumibilmente quella sul ruolo della SCO.

Oltre agli attuali membri a pieno titolo - Russia, Cina, India, Pakistan e quattro Paesi dell'Asia centrale (Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan), più la recente adesione dell'Iran - ben 11 altre nazioni vogliono aderire, dall'osservatore Afghanistan al partner di dialogo Turchia.

Grigory Logvinov, vicesegretario generale della SCO, ha sottolineato come il potenziale economico, politico e scientifico degli attori che compongono il "centro di gravità" dell'Asia - oltre un quarto del PIL mondiale e il 50% della popolazione mondiale - non sia stato ancora pienamente sfruttato.

Kirill Barsky, dell'Istituto Statale di Relazioni Internazionali di Mosca, ha spiegato come la SCO sia in realtà il modello di multipolarità, secondo il suo statuto, rispetto allo sfondo dei "processi distruttivi" lanciati dall'Occidente.

E questo porta all'agenda economica nel progresso dell'integrazione eurasiatica, con l'Unione Economica Eurasiatica (EAEU) guidata dalla Russia che si configura come il partner più importante della SCO.

Barsky identifica la SCO come "la struttura eurasiatica centrale, che forma l'agenda della Grande Eurasia all'interno di una rete di organizzazioni di partenariato". È qui che entra in gioco l'importanza della cooperazione con l'ASEAN.

Barsky non poteva non evocare Mackinder, Spykman e Brzezinski - che consideravano l'Eurasia "come un oggetto su cui agire per volontà degli Stati occidentali, confinato all'interno del continente, lontano dalle coste oceaniche, in modo che il mondo occidentale potesse dominare in un confronto globale di terra e di mare". La SCO, così come si è sviluppata, può trionfare su questi concetti negativi".

E qui si tocca un concetto ampiamente condiviso da Teheran a Vladivostok: L'Eurasia non è più come "oggetto di colonizzazione da parte della 'civile Europa', ma di nuovo come agente della politica globale".

L'India vuole un XXI secolo asiatico

Sun Zuangnzhi dell'Accademia cinese delle scienze sociali (CASS) ha illustrato l'interesse della Cina per la SCO. Si è soffermato sui risultati ottenuti: Nei 21 anni dalla sua fondazione, un meccanismo per stabilire la sicurezza tra Cina, Russia e Stati dell'Asia centrale si è evoluto in "meccanismi di cooperazione multilivello e multisettoriali".

Invece di "trasformarsi in uno strumento politico", la SCO dovrebbe capitalizzare il suo ruolo di forum di dialogo per Stati con una difficile storia di conflitti – “le interazioni sono a volte difficili" – e concentrarsi sulla cooperazione economica "in materia di salute, energia, sicurezza alimentare, riduzione della povertà".

Rashid Alimov, ex segretario generale della SCO, ora professore presso l'Istituto Taihe, ha sottolineato le "grandi aspettative" delle nazioni dell'Asia centrale, il cuore dell'organizzazione. Rimane l'idea originaria, basata sull'indivisibilità della sicurezza a livello transregionale in Eurasia.

Beh, sappiamo tutti come hanno reagito gli Stati Uniti e la NATO quando la Russia, alla fine dello scorso anno, ha proposto un dialogo serio sull'"indivisibilità della sicurezza".

Poiché l'Asia centrale non ha uno sbocco sul mare, è inevitabile, come ha sottolineato Alimov, che la politica estera dell'Uzbekistan privilegi il coinvolgimento nell'accelerazione del commercio intra-SCO. Russia e Cina possono essere i principali investitori, ma ora "anche l'Iran gioca un ruolo importante. Oltre 1.200 aziende iraniane lavorano in Asia centrale".

La connettività, ancora una volta, deve aumentare: "La Banca Mondiale considera l'Asia Centrale come una delle economie meno connesse al mondo".

Sergey Storchak della banca russa VEB ha spiegato il funzionamento del "consorzio interbancario SCO". I partner hanno utilizzato "una linea di credito della Banca di Cina" e vogliono firmare un accordo con l'Uzbekistan. Il consorzio interbancario della SCO sarà guidato a rotazione dagli indiani, che vogliono fare un salto di qualità. Al prossimo vertice di Samarcanda, Storchak si aspetta una road map per la transizione verso l'uso delle valute nazionali nel commercio regionale.

Kumar Rajan, della Scuola di Studi Internazionali dell'Università Jawaharlal Nehru, ha illustrato la posizione indiana. È andato dritto al punto: "L'India vuole un XXI secolo asiatico. È necessaria una stretta collaborazione tra India e Cina. Possono realizzare il Secolo asiatico".

Rajan ha sottolineato come l'India non veda la SCO come un'alleanza, ma si impegni per lo sviluppo e la stabilità politica dell'Eurasia.

Ha sottolineato il punto cruciale della connettività che ruota attorno all'India "che lavora con la Russia e l'Asia centrale con l'INSTC" - il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud, e uno dei suoi snodi chiave, il porto di Chabahar in Iran: "L'India non ha una connettività fisica diretta con l'Asia centrale. L'INSTC vede la partecipazione di una linea di navigazione iraniana con 300 navi, che si collega a Mumbai. Il Presidente Putin, nel recente incontro sul Caspio, ha fatto riferimento direttamente all'INSTC."

È fondamentale che l'India non solo sostenga il concetto russo di Greater Eurasia Partnership [Partenariato della Grande Eurasia], ma sia impegnata nella creazione di un accordo di libero scambio con l'EAEU: Il Primo Ministro Narendra Modi, tra l'altro, ha partecipato al forum di Vladivostok lo scorso anno.

In tutti questi interventi ricchi di sfumature, alcuni temi sono costanti. Dopo il disastro dell'Afghanistan e la fine dell'occupazione statunitense, il ruolo stabilizzatore della SCO non sarà mai abbastanza sottolineato. È indispensabile una road map ambiziosa per la cooperazione, che probabilmente sarà approvata al vertice di Samarcanda. Tutti gli attori dovranno gradualmente passare al commercio in valute bilaterali. La creazione di corridoi di transito sta portando alla progressiva integrazione dei sistemi di transito nazionali.

Che ci sia luce

Un'importante tavola rotonda sulla "Porta per un mondo multipolare" ha approfondito il ruolo della SCO, sottolineando come la maggior parte delle nazioni asiatiche sia "amichevole" o "benevolmente neutrale" nei confronti della Russia dopo l'inizio dell'Operazione militare speciale (OMS) in Ucraina.

Le possibilità di espandere la cooperazione in Eurasia restano quindi praticamente illimitate. La complementarità delle economie è il fattore principale. Ciò porterebbe, tra gli altri sviluppi, a trasformare l'Estremo Oriente russo, come hub multipolare, nella "porta della Russia verso l'Asia" entro il 2030.

Wang Wen, dell'Istituto di studi finanziari di Chongyang, ha sottolineato la necessità per la Russia di riscoprire la Cina, trovando "fiducia reciproca a livello medio e di élite". Allo stesso tempo, c'è una sorta di corsa globale per unirsi ai BRICS, dall'Arabia Saudita e l'Iran all'Afghanistan e l'Argentina:

"Questo significa un nuovo modello di civiltà per le economie emergenti come la Cina e l'Argentina, perché vogliono sollevarsi pacificamente (...) Penso che siamo nella nuova era della civiltà".

  1. K. Sharma della United Service Institution of India è tornato a Spykman che ha etichettato la nazione come uno Stato "rimland" ["terra del bordo"]. Ora non più: L'India ha ora molteplici strategie, dal collegamento con l'Asia centrale alla politica "Act East" [il piano di migliorare la connettività e la comunicazione dell'India con l'Est e il Sudest asiatico]. Nel complesso, si tratta di un avvicinamento all'Eurasia, poiché l'India "non è competitiva e deve diversificarsi per ottenere un migliore accesso all'Eurasia, con l'aiuto logistico della Russia".

Sharma sottolinea come l'India prenda molto sul serio la SCO, i BRICS e i RIC, mentre vede la Russia svolgere "un ruolo importante nell'Oceano Indiano". Sharma precisa le prospettive dell'Indo-Pacifico: L'India non vuole il Quad come alleanza militare, privilegiando invece "l'interdipendenza e la complementarità tra India, Russia e Cina".

Tutte queste discussioni si collegano ai due temi principali di diverse tavole rotonde di Vladivostok: l'energia e lo sviluppo delle risorse naturali dell'Artico.

Pavel Sorokin, primo viceministro russo dell'Energia, ha respinto l'idea di una tempesta o di un tifone sui mercati energetici: "È molto lontano da un processo naturale. È una situazione creata dall'uomo". La maggior parte degli analisti ritiene invece che l'economia russa stia lentamente ma inesorabilmente progettando il suo futuro di cooperazione artico/asiatica, compresa, ad esempio, la creazione di una sofisticata infrastruttura di trasbordo per il gas naturale liquefatto (GNL).

Il Ministro dell'Energia Nikolay Shulginov ha assicurato che la Russia aumenterà effettivamente la sua produzione di gas, considerando l'aumento delle forniture di GNL e la costruzione del "Power of Siberia-2" verso la Cina: "Non ci limiteremo a scalare la capacità dei gasdotti, ma espanderemo anche la produzione di GNL: ha mobilità e ottimi acquisti sul mercato globale".

Sulla Rotta del mare del Nord, l'accento è posto sulla costruzione di una potente e moderna flotta di rompighiaccio, anche una nucleare. Gadzhimagomed Guseynov, primo viceministro per lo sviluppo dell'Estremo Oriente e dell'Artico, è categorico: "La Russia deve fare della Rotta del mare del Nord una rotta di transito sostenibile e importante".

Esiste un piano a lungo termine fino al 2035 per creare infrastrutture per una navigazione sicura, seguendo le "migliori pratiche artiche" e imparando passo dopo passo. NOVATEK, secondo il suo vicepresidente Evgeniy Ambrosov, ha condotto negli ultimi anni una vera e propria rivoluzione in termini di navigazione artica e costruzione di navi.

Kniessel, l'ex ministro austriaco, ha ricordato che quando era attiva nella politica europea (ora vive in Libano) le è sempre mancato il quadro geopolitico più ampio nelle sue discussioni: "Ho scritto del passaggio della torcia dall'atlantismo al Pacifico. Le compagnie aeree, gli oleodotti e le vie d'acqua si stanno spostando verso est. L'Estremo Oriente è in realtà la Russia del Pacifico".

Qualunque cosa ne pensino gli atlantisti, l'ultima parola per il momento potrebbe spettare a Vitaly Markelov, del consiglio di amministrazione di Gazprom: "La Russia è pronta per l'inverno. Ci saranno calore e luce ovunque".

 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità di Gilberto Trombetta L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente di Paolo Pioppi Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti