Pepe Escobar - I BRICS e la Palestina

Pepe Escobar - I BRICS e la Palestina

La gravità della nuova costellazione dei BRICS sta attirando gli aderenti arabi, musulmani e del Sud Globale verso il messaggio dell'influente gruppo sul diritto internazionale, la Palestina e la cessazione delle guerre eterne.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

MOSCA – Il 23 maggio a Mosca è accaduto un fatto di straordinaria portata. Il re del Bahrein Hamad bin Isa Al Khalifa aveva chiesto personalmente al presidente russo Vladimir Putin di contribuire all'organizzazione di una conferenza di pace sulla Palestina, alla quale la Russia sarebbe stata la prima nazione non araba invitata.

Al-Khalifa e Putin hanno avuto due serie di colloqui – uno dei quali chiuso – durante i quali l'attenzione principale è sempre stata rivolta alla Palestina. Il monarca del Bahrein ha osservato che, in una rara dimostrazione di unità, il mondo arabo si è finalmente riunito per porre fine alla guerra a Gaza. È stato sottinteso che la Russia è stata poi scelta come il mediatore più affidabile per porre fine al brutale conflitto.

Il Bahrein – e la Lega Araba – riconoscono che la posizione russa è incentrata su quella che Putin aveva precedentemente definito la "formula ONU": uno Stato palestinese indipendente con capitale a Gerusalemme Est.

Si dà il caso che questa sia la posizione dei Paesi BRICS-10 e praticamente dell'intera Maggioranza Globale. E, cosa fondamentale, è anche la posizione comune della Cina e del mondo arabo, ribadita a Pechino solo una settimana dopo l'incontro Russia-Bahrain.

Il problema è come attuare la "formula" quando l'egemone statunitense, alleato incondizionato di Israele, ha una morsa virtuale sulle Nazioni Unite.

Nel 2020, mentre Tel Aviv annunciava apertamente l'inevitabile annessione della Cisgiordania, gli Accordi di Abraham stavano infrangendo un importante tabù arabo sul sostegno aperto a Israele, attraverso gli accordi di normalizzazione firmati a Washington DC da Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Marocco e Sudan.

Nove mesi fa, la Palestina era virtualmente isolata e destinata all'estinzione attraverso le silenziose politiche israeliane di espulsione progressiva. Ma non bisogna mai sottovalutare il potere di un genocidio commesso in pieno giorno, in video. Oggi, il partenariato strategico Russia-Cina, i BRICS e la Maggioranza Globale si sono mobilitati per sancire la Palestina come Stato sovrano – fedele al recente voto a super-maggioranza dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite per accettare la Palestina come membro dell'ONU.

Sarà una strada lunga, tortuosa e spinosa che ha il potenziale di spaccare il mondo in due.

 

Lavrov mette le cose in chiaro

Il forum di San Pietroburgo della scorsa settimana ha offerto tre messaggi cruciali alla Maggioranza Globale, incentrati sui BRICS. Il fulcro delle sessioni potrebbe essere stato la geoeconomia, ma un messaggio ormai inevitabile di sostegno alla Palestina si è insinuato a margine.

Dopo un panel che apparentemente discuteva della domanda e dell'offerta di petrolio e gas, e che ha toccato il ruolo di principio dello Yemen nel Mar Rosso contro il genocidio di Gaza, il sostegno alla Palestina tra sorrisi amichevoli (ma in via ufficiosa), è stato enfatizzato da tutti – dal segretario generale dell'OPEC Haitham al-Ghais al ministro dell'Energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Mohamed al-Mazrouei.

Lo stesso ha fatto il ministro del Commercio Qais bin Mohammed bin Moosa al-Yousef in un panel Russia-Oman.

All'inizio della settimana, la tragedia palestinese è stata affrontata in dettaglio – ai punti 34 e 35 – nella dichiarazione congiunta dei ministri degli Esteri dei BRICS 10, che per la prima volta si sono seduti allo stesso tavolo a Nizhny Novgorod, preparandosi all'importantissimo vertice annuale dei BRICS che si terrà il prossimo ottobre a Kazan, sotto la presidenza russa. In quell'occasione sono stati espressi tre punti molto importanti:

In primo luogo, i ministri hanno "riaffermato il loro rifiuto di qualsiasi tentativo di spostare, espellere o trasferire con la forza il popolo palestinese dalla sua terra". In secondo luogo, hanno collettivamente "espresso seria preoccupazione per la continua e palese inosservanza da parte di Israele del diritto internazionale, della Carta delle Nazioni Unite, delle risoluzioni dell'ONU e delle ordinanze della Corte". In terzo luogo, i dieci ministri degli Esteri…

 

    "… hanno riaffermato il loro sostegno alla piena adesione della Palestina alle Nazioni Unite e hanno ribadito il loro incrollabile impegno alla visione della soluzione dei due Stati basata sul diritto internazionale, comprese le pertinenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e l'Iniziativa di pace araba, che include la creazione di uno Stato di Palestina sovrano, indipendente e vitale, in linea con i confini internazionalmente riconosciuti del giugno 1967, con Gerusalemme Est come capitale, che viva fianco a fianco in pace e sicurezza con Israele."

 

Questo è il BRICS che parla con una sola voce – compresi, in modo cruciale, i rappresentanti dei principali Stati a maggioranza musulmana: Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Egitto.  

Poi il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, in una sessione BRICS allargata definita BRICS+/BRICS Outreach, ha offerto un ulteriore, importante, contesto.

    "Abbiamo tenuto un incontro intra-palestinese a Mosca. Lo abbiamo fatto ripetutamente. L'ultima volta, tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo di quest'anno, erano presenti tutte le fazioni palestinesi, comprese Hamas e Fatah. Per la prima volta, un evento di questo tipo si è concluso con l'adozione di una dichiarazione congiunta in cui tutti, compreso Hamas, hanno espresso la loro disponibilità a unire i ranghi palestinesi sulla base della piattaforma dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina. In precedenza, non era stato possibile raggiungere questo obiettivo."

Lavrov ha spiegato perché, per la Russia, è essenziale ripristinare l'unità palestinese:

 

    "Solo una Palestina unita può essere un partner nei negoziati volti a raggiungere il massimo risultato desiderato. Finché i palestinesi sono divisi, è improbabile che questo funzioni. Ora, senza palestinesi, stanno iniziando a pensare a cosa fare con la Striscia di Gaza: o stabilire una sorta di protettorato dei Paesi arabi, o introdurre una sorta di forza di pace, o dichiarare artificialmente che questi saranno territori governati dall'Autorità nazionale palestinese. Sono tutte iniziative imposte da attori esterni."

 

E questo ci porta al nocciolo della posizione russa: "La componente più importante della nostra politica a lungo termine in quest'area sarà quella di sostenere il movimento per la creazione di uno Stato palestinese nel pieno rispetto delle risoluzioni delle Nazioni Unite."

 

Come rispondere "simmetricamente"

Tutto ciò riassume la posizione ufficiale russa, attentamente calibrata. Mosca detesta l'escalation irrazionale e senza sosta di Israele, mentre le proposte di cessate il fuoco non mancano. Allo stesso tempo, non si schiera – né con Hamas né con Ansarallah dello Yemen. È un consenso che diplomatici e analisti russi esprimono abitualmente: La Russia non entrerà in una guerra a migliaia di chilometri di distanza quando sta combattendo una minaccia esistenziale USA/NATO proprio al suo confine occidentale.

Dopo le risposte di Putin nel Q&A successivo al suo discorso alla sessione plenaria di San Pietroburgo, il dibattito si è scatenato su quale tipo di risposte "simmetriche" il Ministero della Difesa russo avrebbe elaborato per contrastare il via libera della NATO agli attacchi con missili a lungo raggio all'interno della Federazione Russa.  

L'Asia occidentale, com'è prevedibile, figura nello scenario preferito: armi d'attacco avanzate dispiegate in Siria, descritte come "armi siriane" per rispecchiare il sotterfugio delle "armi ucraine" dell'Occidente. Queste armi andrebbero ad aggiungersi a quelle già dispiegate nelle basi russe di Khmeimim e Tartus – che coprono il Mediterraneo orientale, il Libano, Israele e le basi statunitensi in Giordania, nella Siria occupata e nell'Iraq occupato – e sarebbero gestite da personale russo, proprio come il personale USA/NATO gestisce le armi "ucraine".

 

Una spina per i BRICS

Veniamo ora alla spina nella composizione floreale dei BRICS – l'Arabia Saudita.

La Casa Bianca e lo Stato profondo degli Stati Uniti sembrano aver trovato una formula per distogliere Riyadh dal suo nuovo ruolo di attore forte dei BRICS: un trattato di difesa epocale, denominato Accordo di Alleanza Strategica, in attesa che Riyadh formalizzi le sue relazioni con Tel Aviv.

L'Accordo di alleanza strategica dovrebbe ottenere una maggioranza di due terzi al Senato degli Stati Uniti. Tuttavia, l'insistenza sulla "normalizzazione con Israele" potrebbe far fallire l'accordo, poiché il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman (MbS) ha ora delle opzioni da considerare attentamente, non solo per quanto riguarda la tragedia di Gaza, ma anche per le sue nuove alleanze con i BRICS.

La posizione ufficiale di Riyadh sulla Palestina è legata ai BRICS: fine della guerra/genocidio a Gaza e creazione di uno Stato palestinese. E ogni granello di sabbia nelle terre dell'Islam è pienamente consapevole che una Tel Aviv governata da una folla etnocentrica di estremisti non accetterà una soluzione a due Stati.

Inoltre, un'alleanza militare saudita-statunitense è totalmente incompatibile con una partecipazione di Riyadh come membro influente dei BRICS. Le mosse dello scacchiere puntano invece a una possibile alleanza militare della Maggioranza Globale per contrastare l'escalation della guerra USA/NATO – ibrida e non – contro l'alba di un mondo multipolare multinodale, policentrico e, nella terminologia di Putin a San Pietroburgo, "armonico".  

A ciò si aggiunge la scadenza, all'inizio di questa settimana, dell'accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita, firmato 50 anni fa per stabilire il petrodollaro, essenzialmente in cambio della protezione militare statunitense.

Già l'anno scorso Riyadh ha chiarito che l'accordo non sarebbe stato rinnovato quando ha concluso un accordo con la Cina basato sul commercio di energia utilizzando il petroyuan.

In teoria, quindi, stiamo avanzando sulla strada della scomparsa del petrodollaro e dell'espansione dello yuan digitale. La Banca centrale dell'Arabia Saudita è ora un “partecipante a pieno titolo” del Progetto mBridge, che riunisce l'Innovation Hub della BRI, la Banca centrale della Thailandia, la Banca centrale degli Emirati Arabi Uniti, la People's Bank of China e l'Autorità monetaria di Hong Kong.

In sostanza, mBridge è una piattaforma di valuta digitale multi-banca centrale (CBDC) condivisa tra le banche centrali e le banche commerciali, che consente pagamenti e regolamenti transfrontalieri istantanei. La Thailandia, ad esempio, acquista petrolio dagli Emirati Arabi Uniti utilizzando mBridge.

Ci sono non meno di 26 osservatori di mBridge – un gruppo piuttosto eterogeneo, che comprende la Banca d'investimento per le infrastrutture asiatiche (AIIB) guidata dalla Cina, la Banca centrale europea, il FMI e la Banca Mondiale.

Mentre l'Arabia Saudita si unisce a mBridge, Saudi Aramco – dopo essersi aperta agli investitori stranieri con un'enorme IPO – ha appena ceduto un ulteriore 0,64% del suo capitale, con il 60% degli acquirenti americani. Aramco è un'enorme fonte di dividendi per gli azionisti: quest'anno ammonterà a ben 141 miliardi di dollari.

Indovinate chi sono i nuovi investitori più importanti? Le Tre Grandi – Vanguard, BlackRock e State Street – che ora sguazzano nel petrolio saudita.

 

Arabi, CENTCOM e Israele: a letto insieme?

E ora il fattore di complicazione definitivo.

Lunedì scorso, ufficiali militari di Bahrein, Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Giordania – tra cui tre membri dei BRICS e il Bahrein, amico della Russia – si sono incontrati con Herzi Halevi, Capo di Stato Maggiore dell'IDF, per discutere di... cooperazione in materia di difesa.

L'incontro è stato facilitato nientemeno che dal CENTCOM statunitense. Anche se di basso profilo, l'incontro è comunque trapelato, data la giustapposizione del genocidio di Gaza con una riunione di alti leader arabi seduti con i peggiori nemici del mondo arabo.

Un epigono postmoderno dei cinici che vivessero nell'Agorà dell'Antica Grecia avrebbe osservato che con "amici" arabi del CENTCOM come questi – tre dei quali membri dei BRICS – la Palestina non avrebbe bisogno di nemici.

Nel frattempo, la tragedia persiste a molti livelli. Mentre gli studenti delle scuole superiori cinesi in tutto lo Stato civile mostrano il loro sostegno alla Palestina dopo aver sostenuto gli esami di ammissione all'università, l'asse USA-Israele omogeneizza il terrorismo, legato alla debacle del Progetto Ucraina, insieme all'uccisione senza sosta dei palestinesi.

Tutto viene risucchiato nel buco nero del terrorismo – con la NATO che ora riarma apertamente il battaglione neonazista Azov e Kiev che prende di mira i civili a Belgorod con i droni e sparge mine nei parchi dove giocano i bambini.

Tutti i componenti della Legione Straniera del Terrore, alimentata dall'Egemone, si stanno unendo, in sintonia con Israele, che è essenzialmente l'ISIS con armi nucleari. Ma per tutti i loro nobili ideali e la loro sacra fede nelle Nazioni Unite, i BRICS non hanno ancora elaborato una strategia solida e pratica per combattere l'orrore.


-----

L'ANTIDIPLOMATICO ED EDIZIONI Q RACCOLGONO FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI UMANITARI ATTRAVERSO L'ASSOCIAZIONE GAZZELLA ONLUS.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti