Pepe Escobar - "Frastornato e confuso" il G7 finisce in terapia intensiva

Pepe Escobar - "Frastornato e confuso" il G7 finisce in terapia intensiva

"Nessuna montagna può fermare il flusso impetuoso di un fiume possente." Con l'aggiunta di sei nuovi membri che aggiungono peso geostrategico e profondità geografica ai BRICS, un tempo in affanno, l'istituzione multilaterale sta ora raccogliendo lo slancio necessario per reimpostare le relazioni internazionali.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Alla fine, la Storia è stata fatta. Superando anche le più grandi aspettative, i Paesi BRICS hanno compiuto un passo da gigante per il multipolarismo, ampliando il gruppo a 11 BRICS. 

A partire dal 1° gennaio 2024, ai cinque membri originari dei BRICS si aggiungeranno Argentina, Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (EAU).

No, non si trasformeranno in un impronunciabile BRIICSSEEAU. Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato che la canzone rimane la stessa, con il familiare acronimo BRICS per l'organizzazione multilaterale Sud Globale o Maggioranza Globale o “Globo Globle” che darà forma ai contorni di un nuovo sistema di relazioni internazionali. 

Ecco la Dichiarazione di Johannesburg II del 15° vertice BRICS. I BRICS 11 è solo l'inizio. C'è una lunga fila desiderosa di aderire; senza fare riferimento alle decine di nazioni (e non solo) che hanno già "espresso il loro interesse", secondo i sudafricani, la lista ufficiale, finora, comprende Algeria, Bangladesh, Bahrein, Bielorussia, Bolivia, Venezuela, Vietnam, Guinea, Grecia, Honduras, Indonesia, Cuba, Kuwait, Marocco, Messico, Nigeria, Tagikistan, Thailandia, Tunisia, Turchia e Siria.

Entro il prossimo anno, la maggior parte di essi diventerà partner dei BRICS 11 o farà parte della seconda e terza ondata di membri a pieno titolo. I sudafricani hanno sottolineato che i BRICS "non si limiteranno a una sola fase di espansione".

 

La leadership Russia-Cina, in effetti

La strada che ha portato ai BRICS 11, durante i due giorni di discussioni a Johannesburg, è stata dura e accidentata, come ha ammesso lo stesso presidente russo Vladimir Putin. Il risultato finale si è rivelato un prodigio di inclusione transcontinentale. L'Asia occidentale è stata aggregata in tutta la sua forza. Il mondo arabo ha tre membri a pieno titolo, così come l'Africa. E il Brasile ha strategicamente esercitato pressioni per incorporare la travagliata Argentina.

Il PIL globale a parità di potere d'acquisto (PPA) dei BRICS 11 è ora del 36% (già più grande del G7) e l'istituzione comprende ora il 47% della popolazione mondiale.



Più che una svolta geopolitica e geoeconomica, i BRICS 11 fa davvero il botto sul fronte dell'energia. Con l'adesione di Teheran, Riyadh e Abu Dhabi, i BRICS 11 diventa immediatamente una potenza del petrolio e del gas, controllando il 39% delle esportazioni globali di petrolio, il 45,9% delle riserve accertate e il 47,6% di tutto il petrolio prodotto a livello globale, secondo InfoTEK.

Una simbiosi diretta BRICS 11-OPEC+ è inevitabile (sotto la guida di Russia e Arabia Saudita), per non parlare della stessa OPEC.

Traduzione: L'Occidente collettivo potrebbe presto perdere il potere di controllare i prezzi globali del petrolio e, di conseguenza, i mezzi per applicare le sue sanzioni unilaterali.

Un'Arabia Saudita direttamente allineata con Russia-Cina-India-Iran offre uno sbalorditivo contrappunto alla crisi petrolifera provocata dagli Stati Uniti all'inizio degli anni '70, quando Riyadh iniziò a sguazzare nei petrodollari. Questo rappresenta la fase successiva del riavvicinamento tra Riyad e Teheran, avviato dalla Russia e finalizzato dalla Cina, recentemente siglato a Pechino.

 

 

E questo è esattamente ciò che la leadership strategica Russia-Cina ha sempre avuto in mente. Questo particolare colpo da maestro diplomatico è ricco di dettagli significativi: i BRICS 11 entrano nella mischia esattamente lo stesso giorno, il 1° gennaio 2024, in cui la Russia assume la presidenza annuale dei BRICS.

Putin ha annunciato che il vertice dei BRICS 11 del prossimo anno si terrà a Kazan, la capitale del Tatarstan russo, e questo sarà un ulteriore colpo alle politiche irrazionali di isolamento e sanzioni dell'Occidente. Il prossimo gennaio, aspettatevi un'ulteriore integrazione del Sud Globale/Maggioranza Globale/Globo Globale, comprese decisioni ancora più radicali, condotte dall'economia russa, sottoposta a sanzioni e in via di oblio – che ora, per inciso, è la quinta più grande del mondo con un PPA di oltre 5.000 miliardi di dollari.

 

G7 in coma

Il G7, a tutti gli effetti, è entrato in una unità di terapia intensiva. Il G20 potrebbe essere il prossimo. Il nuovo G20 "Globo Globale" potrebbe essere i BRICS 11 – e più tardi i BRICS 20 o addirittura i BRICS 40. A quel punto, anche il petrodollaro sarà in terapia intensiva.

L'apice dei BRICS 11 non sarebbe stato raggiunto senza una performance stellare degli Uomini Partita: Putin e il presidente cinese Xi Jinping, supportati dalle rispettive squadre. Il partenariato strategico Russia-Cina ha dominato a Johannesburg e ha definito le linee guida principali. Dobbiamo essere audaci ed espanderci; dobbiamo fare pressione per riformare l'attuale quadro istituzionale – dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU al FMI e all'OMC; e dobbiamo sbarazzarci di quelle istituzioni che sono soggiogate dall'artificiale "ordine internazionale basato sulle regole".    

Non c'è da stupirsi che Xi abbia definito il momento, in via ufficiale, "storico". Putin si è spinto fino a chiedere pubblicamente a tutti i BRICS 11 di abbandonare il dollaro USA e di espandere gli accordi commerciali nelle valute nazionali, sottolineando che i BRICS "si oppongono alle egemonie di qualsiasi tipo" e "allo status eccezionale a cui aspirano alcuni Paesi", per non parlare di "una politica di continuo neocolonialismo".

È importante notare che, mentre la Belt and Road Initiative (BRI) cinese celebrerà il prossimo mese il suo 10° anniversario, Putin ha ribadito la necessità di:

"...istituire una commissione permanente sui trasporti dei BRICS, che si occupi non solo del progetto Nord-Sud [riferendosi al corridoio di trasporto INTSC, i cui membri chiave dei BRICS sono Russia, Iran e India], ma anche, su scala più ampia, dello sviluppo di corridoi logistici e di trasporto, interregionali e globali."

Fate attenzione. Si tratta qua della Russia-Cina in sintonia sui corridoi di connettività e si stanno preparando a collegare ulteriormente i loro progetti di trasporto continentale.

Sul fronte finanziario, le banche centrali degli attuali BRICS sono state incaricate di studiare seriamente e di incrementare il commercio in valute locali.

Putin ha ribadito che bisogna essere molto realisti sulla de-dollarizzazione: "La questione della moneta unica di regolamento è complessa, ma ci muoveremo per risolvere questi problemi in un modo o nell'altro". Questo ha fatto da complemento alle osservazioni del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula Da Silva, che ha indicato come i BRICS abbiano avviato un gruppo di lavoro per studiare la fattibilità di una valuta di riferimento.

Parallelamente, la Nuova Banca di Sviluppo (NDB) dei BRICS ha accolto tre nuovi membri: Bangladesh, Egitto ed Emirati Arabi Uniti. Ma la loro strada verso la ribalta sarà ancora più ripida.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha pubblicamente elogiato la relazione della presidente della NDB Dilma Rousseff sull'istituzione, che ha nove anni, ma la stessa Dilma ha sottolineato ancora una volta che la banca mira a raggiungere solo il 30% dei prestiti totali in valute diverse dal dollaro USA.

Non è certo sufficiente. Perché? Spetta a Sergey Glazyev, ministro della Macroeconomia presso la Commissione economica per l'Eurasia, che opera nell'ambito della UEEA guidata dalla Russia, rispondere alla domanda chiave:

"È necessario modificare i documenti statutari di questa banca. Quando è stata creata, ho cercato di spiegare alle nostre autorità finanziarie che il capitale della banca doveva essere ripartito tra le valute nazionali dei Paesi fondatori. Ma gli agenti americani credevano follemente nel dollaro americano. Di conseguenza, oggi questa banca teme le sanzioni ed è semi-paralizzata".

 

Nessuna montagna può fermare un fiume possente

Quindi sì, le sfide che ci attendono sono immense. Ma la spinta al successo è contagiosa, forse meglio rappresentata dal discorso straordinario di Xi alla cerimonia di chiusura del BRICS Business Forum, letto dal Ministro del Commercio cinese Wang Wentao.

È come se Xi avesse invocato una versione in mandarino del classico pop americano del 1967 "Ain't No Mountain High Enough" ["Nessuna montagna è troppo alta"]. Ha citato un proverbio cinese: "Nessuna montagna può fermare il flusso impetuoso di un fiume possente." E ha ricordato al suo pubblico che la lotta è nobile – e necessaria:

"A prescindere dalle resistenze che possono esserci, i BRICS, una forza positiva e stabile per il bene, continuerà a crescere. Forgeremo un partenariato strategico BRICS più forte, espanderemo il modello 'BRICS Plus', faremo progredire attivamente l'espansione dei membri, approfondiremo la solidarietà e la cooperazione con gli altri EMDC [Paesi emergenti in via di sviluppo], promuoveremo il multipolarismo globale e una maggiore democrazia nelle relazioni internazionali, e contribuiremo a rendere l'ordine internazionale più giusto ed equo."

Ora aggiungiamo questa professione di fede nell'umanità al modo in cui il "Globo Globale" percepisce la Russia. Anche se la parità di potere d'acquisto dell'economia russa è ormai superiore a quella dei vassalli imperiali europei che cercano di schiacciarla, il Sud Globale percepisce Mosca come "uno dei nostri".  Ciò che è accaduto in Sudafrica lo ha reso ancora più chiaro, e l'ascesa della Russia alla presidenza dei BRICS tra quattro mesi lo cristallizzerà.

Non c'è da stupirsi che l'Occidente collettivo, "Frastornato e confuso", ora tremi sentendo la terra – almeno l'85% di essa – muoversi sotto i suoi piedi.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti