Pepe Escobar - E' lo scontro che volete? Il messaggio di Russia e Cina da Astana è chiaro

Pepe Escobar - E' lo scontro che volete? Il messaggio di Russia e Cina da Astana è chiaro

Entrambi si sono stufati di essere "cortesi". Mo basta. Lo scontro lo volete? Lo scontro è ciò che piglierete.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Pepe Escobar –
Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

All'inizio della settimana è accaduto qualcosa di molto importante ad Astana, durante la riunione del Consiglio dei ministri degli Affari esteri dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO).

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi è andato dritto al punto: ha chiesto ai membri della SCO di "mantenere la loro autonomia strategica" e di "non permettere mai a forze esterne" di trasformare l'Eurasia in una "arena geopolitica".

Wang Yi ha descritto nel dettaglio come "alcuni Paesi stiano perseguendo l'egemonia e il potere, formando piccole cricche, stabilendo regole nascoste, impegnandosi in interferenze e soppressioni, 'disaccoppiando e tagliando i legami' e persino aiutando le 'tre forze' nella regione", tentando così di sopprimere l'autonomia strategica del Sud Globale.

Le "tre forze" sono il codice cinese per indicare il terrorismo, il separatismo e l'estremismo religioso – in realtà le tre ragioni principali per la fondazione della SCO nel 2001, poco prima dell'11 settembre.

La traduzione diretta del messaggio di Wang indica che Pechino è molto consapevole della miriade di tattiche di Guerra Ibrida dell'Egemone ora dispiegate in tutto l'Heartland. Tuttavia, Pechino eccelle in cortesia, chiedendo una cooperazione di sicurezza "comune, completa, cooperativa e sostenibile" e di lavorare con la "comunità internazionale".

Il problema è che la "comunità internazionale" è ostaggio dell'"ordine internazionale basato sulle regole".

 

Ridefinire le "tre forze"

La prossima riunione dei capi di Stato della SCO si terrà ad Astana a luglio – solo un mese dopo una cruciale riunione ministeriale dei BRICS in Russia. Due mesi fa, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev, in occasione di un incontro a Boao, nella provincia cinese di Hainan, ha chiarito che tutti i leader degli Stati membri della SCO non possono proprio saltarlo.

Prima o poi, forse già l'anno prossimo, BRICS e SCO potrebbero lavorare non solo in tandem, ma anche condividere lo stesso tavolo.

Il vertice SCO di quest'anno non è solo cruciale in termini di riorganizzazione di una vera e propria guerra al terrorismo contro le tattiche guidate dall'Egemone – ma anche per l'espansione della SCO e il miglioramento della cooperazione economica e commerciale.

La Bielorussia diventerà membro a pieno titolo della SCO a luglio, come ha già confermato il Presidente Lukashenko. L'anno scorso anche il gabinetto dell'Arabia Saudita ha approvato la decisione di aderire alla SCO.

Solo tre mesi fa a Pechino, durante la celebrazione del 20° anniversario del segretariato della SCO, Wang ha fatto eco al Presidente Xi al termine del suo fatidico incontro faccia a faccia con Putin a Mosca nel 2023: Sono in atto "cambiamenti mai visti in un secolo". Da qui la rinnovata importanza della SCO, di fatto la più grande organizzazione multilaterale non occidentale incentrata sulla cooperazione politica e di sicurezza e uno dei pilastri del multipolarismo.

È inutile sottolineare ancora una volta che la SCO è ignorata, respinta o fraintesa dall'Occidente collettivo – poiché non si basa sull'espansione militare infinita in stile NATO. La SCO si basa totalmente sull'integrazione Sud-Sud. Non è un'impresa da poco avere India, Cina, Pakistan e Iran sullo stesso tavolo a discutere da pari a pari – e rispettando le priorità dei loro partner dell'Asia Centrale/Heartland.

Nel corso degli anni, al tavolo della SCO si è finito per discutere di tutto – ben oltre l'iniziale focalizzazione sulle "tre forze": diplomazia, difesa nazionale, sicurezza, economia, commercio, cultura, istruzione, trasporti, tecnologia, agricoltura.

Per quanto la SCO sia al centro del partenariato strategico multimodale Russia-Cina, essa sta anche guidando la crescente interconnessione economica tra la Cina e gli "stan" dell'Asia centrale.

Nell'Anno della Grande Decisione – in cui la presidenza russa dei BRICS dovrebbe delineare la road map privilegiata per un sistema di relazioni internazionali più equo – gli attori della SCO sembrano essere pienamente consapevoli che le "tre forze" costituiscono non a caso la tattica di guerra Ibrida schierato dall'Impero del Caos per l'agenda Divide et Impera.

Ciò vale non solo per i loschi gruppi jihadisti come l'ISIS-Khorasan, ma anche per la presa imperiale sui racket globali della droga, del traffico di esseri umani e di organi.

Lentamente e inesorabilmente stiamo raggiungendo il livello successivo: la SCO che si impegna a fondo, come organizzazione multilaterale, contro le tattiche di terrore di un Egemone che favorisce persino il genocidio.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov non poteva essere più esplicito al termine del vertice di Astana:

"Il compito di sviluppare approcci comuni per garantire la sicurezza e la cooperazione eurasiatica da parte degli stessi Stati di questo continente è urgente. Abbiamo sottolineato che la SCO può svolgere il ruolo di catalizzatore di questi processi, coinvolgendo altri partner della regione."

In pratica, Lavrov ha parlato di un nuovo impulso per il Comitato esecutivo della Struttura regionale antiterrorismo (RATS). Traduzione: Il RATS amplierà il suo mandato sulla sicurezza delle informazioni, sulla lotta alla criminalità organizzata e sull'approfondimento delle connessioni tra il traffico di droga e il finanziamento del terrorismo.

 

Siete pronti per il confronto che desiderate?

A tutto ciò si aggiunga che il capo dell'FSB, Alexander Bortnikov, è stato più che esplicito in occasione di un vertice della CSI a Bishkek, in Kirghizistan, sulle prossime mosse dell'Impero del Caos e dei suoi vassalli.

I quattro punti salienti:

  1. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e la NATO sono ora in modalità Guerra Ibrida Totale contro la Russia.
  2. La NATO sta facilitando un massiccio trasferimento di terroristi/jihadisti da diverse latitudini verso l'Ucraina, con alcuni di questi, soprattutto di marca ISIS-K, strumentalizzati in tutto l'Heartland. Una Legione Straniera del Terrore – che dovrebbe essere considerata il nemico numero uno della SCO. Bortnikov ha fatto riferimento alla "costante rotazione dei militanti nelle zone siro-irachene e afghano-pakistane, e all'emergere di nuovi campi di addestramento dei militanti vicino ai confini meridionali del Commonwealth".
  3. L'Ucraina è passata al Terrore Totale – con incursioni di sabotaggio non-stop attraverso i confini della Russia.
  4. Una nota positiva: la Maggioranza Globale è in movimento: La Russia collabora sempre più strettamente con decine di nazioni dell'Asia occidentale, dell'Asia allargata, dell'Africa e dell'America Latina.

 

Dopo una serie di straordinarie "coincidenze" nelle ultime settimane, dai tentativi di assassinio "solitari" ai colpi di stato architettati, alle vere e proprie minacce e alle misteriose sparizioni, l'intero ecosistema BRICS-SCO deve essere in stato di massima allerta.

Dopo l'epico vertice Putin-Xi a Pechino e il dramma dell'elicottero di Raisi, più strano della finzione, la rinnovata solidità dei partenariati strategici Russia-Cina-Iran indica che la Russia-Cina stia per togliersi i guanti di velluto.

Putin e Xi, ciascuno a modo suo, hanno già avvertito l'Occidente collettivamente imbecillizzato: se volete il confronto, avrete il confronto. A palate. E a vostro rischio e pericolo.

La Madre di Tutte le Prove, in arrivo quest'estate, è quanto in là si spingerà la NATO quando si tratterà di attaccare direttamente la Federazione Russa. Il primo ministro ungherese Viktor Orban avverte che "l'Europa si sta preparando a iniziare una guerra con la Russia".

Le "élite" politico-militari eurotrash, incolte e non istruite, sono ovviamente del tutto incapaci di comprendere la realtà al di fuori della loro bolla. Inoltre, interpretano la pazienza e l'approccio legalistico russo come debolezza. Ebbene: le fonti di intelligence a Mosca lo stanno dicendo chiaramente – in via ufficiosa; la risposta, se proveranno a fare qualcosa di stupido, sarà devastante.

A livello di BRICS, c'è una sorta di tentativo dell'ultimo minuto di disinnescare l'incandescenza. Wang Yi e il principale consigliere del Presidente Lula per la politica estera, Celso Amorim, hanno rilasciato una dichiarazione in cui si delinea un'"intesa comune" sulla strategia finale in Ucraina.

In sostanza, la dichiarazione recita che "la Cina e il Brasile sostengono l'organizzazione di una conferenza di pace internazionale al momento opportuno, riconosciuta sia dalla Russia che dall'Ucraina, con una partecipazione paritaria di tutte le parti e una discussione equa di tutti i piani di pace". L'Impero del Caos ovviamente la rifiuterà.

Pechino si concentra sulle provocazioni dell'Impero del Caos a Taiwan, mentre Mosca si concentra sulle provocazioni della NATO in Ucraina. Entrambi si sono stufati di essere "cortesi". E' lo scontro che volete? E' lo scontro che otterrete.

----

l'AntiDiplomatico è una testata online regolarmente registrata che subisce la censura su browser e social media per l'azione di una agenzia nordamericana di nome NewsGuard. Se vuoi rimanere tutti i giorni in contatto con il nostro lavoro di informazione clicca qui

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti