"Pensano di essere il governo del mondo": López Obrador rigetta il rapporto statunitense sui diritti umani

"Pensano di essere il governo del mondo": López Obrador rigetta il rapporto statunitense sui diritti umani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il rapporto annuale sui diritti umani degli Stati Uniti ha scatenato un'ondata di critiche. Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ritiene che il rapporto redatto dal Dipartimento di Stato USA "sia ‘politicheria’ pura”. 

"Non è vero, stanno mentendo", ha detto il presidente, respingendo il testo in cui si fa riferimento a casi di abusi e impunità in Messico.

Dalle strutture dell'Ottava Regione Militare di Oaxaca, López Obrador ha sottolineato che questo rapporto è un segno che il governo statunitense "non vuole abbandonare la Dottrina Monroe, e prima ancora il cosiddetto Destino Manifesto". 

"Non vogliono cambiare, quindi pensano di essere il governo del mondo", ha denunciato il leader messicano. 

Nel rapporto sui diritti umani, gli Stati Uniti accusano il presidente messicano di aver "screditato" giornalisti e organizzazioni della società civile nelle sue conferenze stampa quotidiane.

"Vedono solo la pagliuzza nell'occhio di qualcun altro e non la trave nel proprio, e non c'è nulla per cui arrabbiarsi, sono fatti così, sono bugiardi”.

In questo senso, ha fatto un'analogia sulla validità del documento: "È come se li stessimo valutando qui". Più in dettaglio, si è chiesto perché, se gli Stati Uniti "parlano di giornalismo e libertà, mantengono Assange in prigione; se parlano di atti di violenza, com'è possibile che un giornalista pluripremiato negli Stati Uniti sostenga che il governo USA ha sabotato il gasdotto dalla Russia all'Europa?”. 

Tra le altre cose, il Rapporto nazionale sulle pratiche in materia di diritti umani 2022 afferma che in Messico sono state segnalate "uccisioni illegali o arbitrarie da parte di polizia, militari e altri funzionari governativi; sparizioni forzate da parte di agenti statali; torture o trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti da parte delle forze di sicurezza".

D'altra parte, sottolinea la mancanza di indagini sulla violenza di genere e sui crimini che coinvolgono le persone LGBTIQ+.

Il rapporto sottolinea che "l'impunità e i tassi di perseguimento estremamente bassi rimangono un problema per tutti i crimini, comprese le violazioni dei diritti umani e la corruzione".

Non solo il Messico ha rispedito al mittente le pretestuose e ipocrite critiche contenute nel rapporto di fabbricazione statunitense. 

Il governo boliviano ha respinto le accuse e definito “unilaterale” il rapporto. In un comunicato del Ministero degli Affari Esteri si legge che "non riconosce questo tipo di documento emesso in maniera unilaterale, che rappresenta una pratica di ingerenza negli affari interni ed è redatto senza alcuna base oggettiva a sostegno". 

A questo proposito, il Ministero ha sottolineato che "la Bolivia aderisce al multilateralismo e ai suoi meccanismi di valutazione per la garanzia, la protezione e l'adempimento dei diritti umani, nel quadro dei trattati e delle convenzioni internazionali che ha ratificato in materia".

Ha inoltre ricordato che in precedenza sono state effettuate una serie di visite nel Paese da parte di diversi organismi per i diritti umani, come il Gruppo interdisciplinare di esperti indipendenti (GIEI), oltre ad altre autorità di organizzazioni multilaterali.

Il Ministero degli Esteri ha annunciato che tra il 27 e il 30 marzo, la Commissione interamericana per i diritti umani (CIDH) visiterà il Paese, con l'obiettivo di conoscere la situazione dei diritti umani in diverse regioni del Paese.

Da parte sua, il viceministro della Comunicazione, Gabriela Alcón, ha affermato che il rapporto è "unilaterale e non ufficiale" da parte degli Stati Uniti, poiché "ignora la sovranità di ogni Stato e dei popoli del mondo".

Ha inoltre ricordato che il governo ha firmato trattati e convenzioni di protezione e garanzia, che il giusto processo è rispettato e che non ci sono prigionieri politici.

Il funzionario ha assicurato che "il governo garantisce la libertà di espressione di tutti i boliviani nel territorio nazionale".

Come Messico e Bolivia, il governo venezuelano ha espresso il suo categorico rifiuto del rapporto sui diritti umani. Il Ministero del Potere Popolare Venezuelano per gli Affari Esteri ha affermato in una dichiarazione rilasciata lunedì sera che il governo statunitense "nonostante mantenga un'aggressione permanente contro i diritti del popolo venezuelano, cerca di qualificare le azioni di altri governi".

Il Venezuela ha espresso, a questo proposito e nel quadro del 20° anniversario della guerra condotta dagli Stati Uniti in Iraq (20 marzo 2003), che per il governo statunitense "i diritti umani sono semplicemente uno strumento utilizzato per la sua convenienza politica".

Il governo venezuelano ha indicato nel suo comunicato che durante l'invasione dell'Iraq, le forze statunitensi hanno usato "metodi di tortura" e "armi da guerra contro i civili".

Il governo venezuelano ha sostenuto che mentre gli Stati Uniti pubblicano un rapporto per "attaccare Paesi sovrani", all'interno dei loro confini "non riescono a mitigare la brutalità del razzismo istituzionalizzato della polizia", così come la povertà.

Sulla questione dei diritti umani, il governo venezuelano evidenzia che, pur squalificando altre nazioni, "gli Stati Uniti non hanno firmato o ratificato accordi importanti", tra cui lo Statuto di Roma e la Convenzione sui Diritti dell’infanzia.

"Continuano ad applicare misure coercitive illegali e unilaterali contro almeno il 30% della popolazione mondiale”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti