Partito Comunista russo: L'URSS esiste legalmente, non è scomparsa 30 anni fa

Partito Comunista russo: L'URSS esiste legalmente, non è scomparsa 30 anni fa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) esiste legalmente fino ad oggi e non è scomparsa 30 anni fa, affermano dal Partito Comunista della Federazione Russa.

I membri di questa forza politica descrivono le decisioni prese nel dicembre 1991 come tradimento, quando il presidente Mikhail Gorbaciov si dimise e i leader delle repubbliche sovietiche formarono la Comunità degli Stati Indipendenti. I comunisti russi rivendicano che ciò che il popolo aveva stabilito  in un referendum in quel momento è stato violato .

"I risultati del referendum del marzo 1991 non hanno scadenza e non sono annullati dal tradimento di una parte dell'élite", ha  dichiarato lo scorso 9 dicembre il deputato e segretario del Comitato centrale del partito, Sergei Obújov, nella Tribune della Duma di Stato (la camera bassa del parlamento russo). Pertanto, ha ricordato, i comunisti continuano la "lotta politica per attuare quei risultati" e un nuovo reinserimento gli sembra "inevitabile", cosa che contraddice la posizione ufficiale del  Cremlino che ritiene  "impossibile ricostruire l'Urss" .

La cosiddetta "URSS 2.0" o "Unione Rus"  potrebbe riunire sia le repubbliche slave che le altre repubbliche post-sovietiche "che combattono per l'integrazione", ha spiegato giovedì scorso il politico in un'intervista a RT. Ha anche ricordato che, secondo un sondaggio, "più del 50% dei cittadini russi crede nella rinascita dell'URSS, che sarà ripristinata", aggiungendo che, in Ucraina, "anche, secondo la sociologia ufficiale, più della metà della popolazione lamenta la disintegrazione dell'URSS".

A suo avviso, l'Unione Sovietica “è un'ipostasi della Russia storica, mentre l'attuale federazione è  un moncone sanguinante di quella Russia storica, dalla quale sono stati separati 20 milioni di russi”. Il politico ha anche sottolineato che solo le repubbliche slave dell'URSS disintegrata hanno perso più di 30 milioni di persone della loro popolazione negli ultimi tre decenni.

Cosa rivendicano i comunisti e cosa rimpiangono?

Il deputato Sergey Obukhov ha anche commentato l'ultima volta che la bandiera rossa dell'Unione Sovietica è stata ammainata  dalla cupola del Palazzo del Senato del Cremlino di Mosca, precisamente il 25 dicembre 1991. Il politico spiega che l'insegna dell'URSS è valido anche, dal momento che "viene presentato ufficialmente in Russia come la  bandiera della vittoria " ed è un "grande successo" del gruppo parlamentare del suo partito che  la falce e martello  non siano state rimosse  dallo stendardo della 150a divisione dei fucilieri di Idritsa dell'Armata Rossa, i cui soldati ne issarono uno simile sulla cupola del Reichstag a Berlino il 1 maggio 1945.

Obúkhov è nato nell'Ucraina occidentale e ammette che nel corso di questi 30 anni "il legame vivente"  con quel territorio si è interrotto e si tiene in contatto solo con quegli amici che se ne sono andati. "A volte i miei compagni di scuola mi inviano alcune immagini apolitiche attraverso i social network, ma Dio non voglia che si parli di alcune questioni sociali!", Perché gli  ucraini si sentono sotto pressione dall'ideologia ufficiale del loro stato, denuncia il politico.

Il 30° anniversario delle dimissioni di Gorbaciov è un tema di cui i comunisti russi si rammaricano, e quindi il deputato, così come altri correligionari, celebra un altro cambiamento politico avvenuto 25 anni fa, quando la Duma di Stato russa rese illegittimo l'accordo delle Repubbliche  slave firmate dai presidenti di Russia, Ucraina e Bielorussia, nel dicembre 1991, con clausole riferite allo scioglimento dell'URSS. A causa di quella denuncia nel 1996, l'Unione Sovietica esiste, anche se al momento  non c'è nessun altro al suo interno tranne la Russia, ha concluso Obúkhov.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti