Paolo Maddalena - Per costituzione le spiagge dell'Italia devono restare agli italiani

Paolo Maddalena - Per costituzione le spiagge dell'Italia devono restare agli italiani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Commissione Europea ha inviato una lettera di “costituzione in mora” all’Italia in merito alla mancata messa a “gara europea” delle concessioni balneari. Il suo obiettivo è fornire a tutti i “prestatori di servizi” europei, attuali e futuri, “la possibilità di competere per l’accesso” a questa nostra importante risorsa economica, costituita dalla “gestione” delle “spiagge”. Benché questo atteggiamento, di pura matrice neoliberista, che aiuta i ricchi a carico dei poveri, sia stata ribadita anche da una sentenza della Corte di giustizia europea (cause riunite C-458/14 e C-67/15), è agevole controbattere che essa è in palese contrasto con gli intoccabili “principi e diritti fondamentali” sanciti nella nostra Costituzione, i quali, come costantemente affermato dalla giurisprudenza costituzionale cosiddetta dei “contro limiti”, “prevalgono” sul diritto europeo.

Sorprendente è peraltro l’atteggiamento che su questo argomento sembra abbiano assunto la Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni e il Ministro delle infrastrutture Matteo Salvini, i quali, secondo notizie di stampa, vorrebbero risolvere il problema posto dalla Commissione Europea, lasciando in vita le “concessioni” già in atto e ponendo “a gara europea”, soltanto quelle poche “spiagge libere”, che sono rimaste a disposizione degli italiani. Una inaccettabile scelta che, mantenendo fede agli ignobili principi neoliberisti, che avvantaggiano i ricchi e danneggiano i poveri, toglierebbe ai cittadini meno abbienti, che non sono in grado di pagare gli esosi prezzi imposti dai “concessionari”, l’uso comune e diretto delle “spiagge libere”. 

La verità è che, sia alla Commissione europea, sia ai nominati esponenti del nostro governo, è sfuggito un fatto estremamente importante: la circostanza che, con il passaggio, sancito in Costituzione, dallo Stato persona, soggetto singolo e astratto, allo Stato comunità, soggetto plurimo e concreto, anche il concetto di “appartenenza” ha cambiato il suo schema di riferimento, che non può essere più quello della “proprietà privata” (che può essere compressa, ad esempio, dalla costituzione di un usufrutto),  ma la “proprietà pubblica”, da considerare, come subito notò il Giannini all’indomani dell’avvento della Costituzione, “una proprietà collettiva demaniale”, come tale non “svuotabile del suo contenuto” e cioè della “gestione” e dei conseguenti “profitti” che questa produce, poiché quello che è di tutti non può, evidentemente, essere dato a un singolo soggetto.

E non è chi non veda come, in questo nuovo assetto costituzionale, l’istituto della “concessione” dei beni demaniali, non ha più cittadinanza giuridica, poiché, come appena accennato, la sua attuazione comporterebbe una “compressione” della “proprietà pubblica demaniale” del Popolo, una compressione che è esplicitamente vietata dall’ articolo 42 della Costituzione, che, nel sancire che “la proprietà è pubblica o privata”, chiaramente si riferisce a una proprietà pubblica “piena”, nonché dal successivo articolo 43 Cost., secondo il quale “i servizi pubblici essenziali (tra i quali rientrano i servizi balneari), le fonti di energia e le situazioni di monopolio” devono essere in mano pubblica o di comunità di lavoratori o di utenti.

In altri termini, nell’attuale assetto costituzionale, i beni demaniali devono restare (con i loro cospicui  guadagni) nell’ambito della “pubblica Amministrazione”, che è da ritenere l’”organo” del quale si serve lo Stato comunità, per il perseguimento dei suoi fini , tra i quali primeggia quello della “eguaglianza economica e sociale”, come solennemente  prescrive il secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione. 

Dunque, si potrà parlare di contratti di appalto per la prestazione dei singoli servizi, come quelli di ristorazione, di uso di sedie a sdraio o di spogliatoi, per realizzare le cosiddette “spiagge attrezzate”, ma non si potrà di certo costituire un pressoché gratuito “diritto di impresa” ai “concessionari dei servizi balneari”.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti