Panama: la Corte Suprema dichiara incostituzionale il contratto minerario dopo oltre un mese di proteste

Panama: la Corte Suprema dichiara incostituzionale il contratto minerario dopo oltre un mese di proteste

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Corte Suprema di Giustizia (CSJ) di Panama ha dichiarato incostituzionale la legge 406 del 20 ottobre 2023, che adotta il contratto tra lo Stato e Minera Panama.

La decisione è stata annunciata nella mattinata di questo martedì, 28 novembre 2023, attraverso un messaggio di María Eugenia López Arias, giudice presidente del CSJ - e accompagnata dai suoi otto colleghi - della Camera di Cassazione del giudice Gabriel Elías.Fernández Madrid, nel Palazzo di Giustizia Gil Ponce, situato ad Ancón. Il comunicato è stato diffuso tramite il canale YouTube della Magistratura.

“In qualità di presidente del CSJ, informo il Paese che i giudici che compongono la sessione plenaria hanno deciso all’unanimità di dichiarare incostituzionale l’intera legge 406 del 20 ottobre 2023. Ciò significa che la suddetta legge è espulsa dal sistema.normativo che governa il Paese. Abbiamo incaricato il segretario generale di procedere, in conformità con il Codice giudiziario, alle notifiche corrispondenti. Una volta che la sentenza sarà esecutiva, sarà immediatamente inviata per la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale”, ha affermato il giudice López Arias.

I nove giudici della Corte Suprema si erano riuniti in sessione permanente venerdì scorso, 24 novembre, per analizzare due delle cause intentate contro la norma. Queste sono le cause intentate dagli avvocati Juan Ramón Sevillano e Martita Cornejo Robles.

Il giudice López Arias è stato relatore, ma poiché si trattava di una sessione plenaria in sessione permanente, la partecipazione dei giudici è stata collettiva.

Nelle ultime settimane l'attenzione del Paese si è concentrata sulla Corte. Ambientalisti, insegnanti, operai edili, artisti, agricoltori, studenti, gruppi indigeni, avvocati, accademici, tra gli altri, hanno vegliato davanti al Palazzo di Giustizia Gil Ponce, situato ad Ancón, per chiedere l'incostituzionalità del contratto.

“Questo Paese non è in vendita, questo Paese si difende (…)”, cantavano gli insegnanti, sindacato in sciopero dallo scorso 23 ottobre. Infatti, il Ministero dell’Istruzione (Meduca) ha riferito che a 17.495 insegnanti in tutto il Paese è stato negato lo stipendio corrispondente alla seconda metà di novembre, per aver dichiarato uno sciopero a tempo indeterminato in segno di rifiuto del contratto minerario firmato tra lo Stato panamense e Minera Panamá, S.A.

Il ministero, diretto da Maruja Gorday de Villalobos, ha ribadito di aver lanciato diversi appelli agli insegnanti affinché tornassero nelle aule. Poiché non hanno rispettato quanto era stato richiesto dal dicastero, sono state adottate le misure amministrative corrispondenti, come ad esempio la sospensione del pagamento per la seconda metà di novembre, ha sottolineato Meduca.

Allo stesso modo, più di 1.300 persone sono state arrestate dalla Polizia Nazionale dall’inizio delle manifestazioni contro la suddetta Legge 406.

Il contratto con Minera Panamá è stato autorizzato dal Consiglio di Gabinetto il 10 ottobre 2023; approvato dal controllore generale Gerardo Solís il 13 ottobre; presentato all'Assemblea Nazionale il 16 ottobre, e infine approvato nel terzo dibattito, sancito dal presidente Laurentino Cortizo e promulgato nella Gazzetta Ufficiale il 20 ottobre, il tutto nello stesso giorno.

Dallo scorso 20 ottobre, quando si è conclusa l'approvazione accelerata al Congresso del contratto tra lo Stato e Minera Panamá, filiale della canadese First Quantum Minerals, migliaia di cittadini sono scesi in piazza per manifestare il loro rifiuto.

I detrattori del contratto minerario sostengono che l’attività estrattiva rappresenta una minaccia per la biodiversità del paese centroamericano, mentre allo stesso tempo costituisce una pratica inscritta nei modelli coloniali di saccheggio, incoerente con gli interessi sovrani della nazione.

Così, sebbene le proteste siano state inizialmente indette da gruppi di ambientalisti e leader indigeni, a queste si sono rapidamente uniti studenti, insegnanti, leader sociali e semplici cittadini.

Le autorità sostengono che, sebbene i cittadini abbiano il diritto di esprimere pacificamente il loro malcontento, non sono autorizzati a chiudere strade, distruggere proprietà pubbliche o private, affrontare la polizia o causare danni economici.

I media locali hanno riferito di persistenti scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, in un contesto di crescente repressione e crescente pressione da parte dei gruppi economici.

L’omicidio di due persone durante un picchetto ha elevato il malcontento a un nuovo livello e ha esercitato maggiore pressione sull’amministrazione Cortizo, che ha cercato di sbloccare la situazione proponendo un referendum – respinto dall’organo elettorale – e approvando una legge che vieta di concedere nuove concessioni, senza però ottenere alcun effetto riguardo le proteste.

Da parte sua, Minera Panamá, che sta valutando la possibilità di ridurre le proprie attività a causa dei continui blocchi nella zona del porto internazionale di Punta Rincón, ha chiesto al CSJ di non dichiarare incostituzionale la legge 406, ritenendo che non vi siano ragioni per sostenere la richiesta dei cittadini.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti