Pace, BRICS e multipolarismo: il viaggio di Lula in Cina che mira a riposizionare la leadership del Brasile (aggiornamento)

Pace, BRICS e multipolarismo: il viaggio di Lula in Cina che mira a riposizionare la leadership del Brasile (aggiornamento)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo aver rinviato il suo viaggio di un giorno a causa di una lieve polmonite, Luiz Inácio Lula da Silva, parte questa domenica per una delle sue visite più importanti e ambiziose, in Cina, il principale partner commerciale del Brasile dal 2009 e uno dei suoi maggiori investitori. 

A differenza della sua recente visita negli Stati Uniti, durata solo 24 ore, il presidente brasiliano rimarrà nel gigante asiatico fino al 31 marzo. Durante questi giorni, Lula manterrà un'intensa agenda ufficiale, in cui è previsto che incontri il presidente cinese, Xi Jinping, il primo ministro, Li Qiang, e il presidente dell'Assemblea nazionale del popolo, Zhao Leji, martedì.

Con un flusso commerciale record di 150 miliardi di dollari tra i due Paesi entro il 2022, il governo di Lula vuole espandere la vendita di prodotti brasiliani in Cina.

Il presidente brasiliano sarà accompagnato da una folta delegazione di uomini d'affari: più di 200 imprenditori, di cui almeno 90 rappresentano il potente settore agroalimentare.

Il Brasile ha esportato in Cina più di 89,7 miliardi di dollari in prodotti come la soia e i minerali, e ha importato 60,7 miliardi di dollari di materiali di consumo, con un saldo commerciale positivo.

Prima dell'arrivo della delegazione presidenziale, e con un chiaro gesto di buone intenzioni, il governo cinese ha riaperto giovedì il mercato della carne bovina brasiliana, dopo che un mese fa era stato sospeso a causa di un caso "isolato" e "atipico" di mucca pazza in Brasile.

In Cina, la delegazione brasiliana affronterà temi legati alla tecnologia, al cambiamento climatico, alla transizione energetica e alla lotta contro la fame, quest'ultimo uno degli impegni più urgenti nell'agenda del leader progressista. 

Tra gli oltre 20 accordi che verranno firmati ci sono lo scambio di tecnologie per i semiconduttori, il 5G, il 6G e la costruzione del CBERS-6, un satellite fabbricato tra i due Paesi che permetterà di monitorare la deforestazione nella foresta amazzonica, anche se coperta dalle nuvole.

La visita dovrebbe portare anche all'arrivo in Brasile dell'azienda cinese di auto elettriche BYD, che occuperà le strutture in cui operava la fabbrica Ford a Bahia. Secondo il quotidiano Valor, sarà inoltre finalizzata la vendita di 20 aerei Embraer E-190 all'aviazione cinese.

Lula si recherà anche a Shanghai per visitare la Nuova Banca di Sviluppo (NDB) del gruppo BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica). In concomitanza con questa visita, l'ex presidente brasiliano Dilma Rousseff dovrebbe prestare giuramento come nuovo presidente della banca la prossima settimana.

La delegazione comprenderà un importante gruppo di governatori, senatori, deputati e sei ministri. Il presidente brasiliano vuole consolidare la sua politica estera e riconquistare la rilevanza internazionale che il Brasile aveva durante i suoi precedenti mandati, dopo il deterioramento avvenuto sotto la presidenza di Jair Bolsonaro, che molti hanno definito il "Trump tropicale" per la sua devozione allo statunitense Donald Trump.

Nei suoi quattro anni al potere, l'esponente dell'estrema destra ha ripetutamente criticato la Cina, rifiutando il vaccino del Paese contro il Covid-19 e insinuando addirittura che Pechino abbia causato di proposito la pandemia. Uno dei figli di Bolsonaro si è spinto fino ad accusare apertamente Pechino di spionaggio attraverso la tecnologia 5G, provocando una forte tensione politica tra i due Paesi.

Lula ha già detto questa settimana che intende discutere del conflitto in Ucraina con Xi, che ha visitato la Russia questa settimana e ha proposto un piano di pace al presidente Vladimir Putin.

"La Russia non è un Paese qualsiasi, non è insignificante. La Russia è molto importante per garantire che la pace nel mondo prevalga per molti secoli a venire", ha detto Lula.

Il ministro degli Esteri brasiliano, Mauro Vieira, ha dichiarato in un'intervista al Financial Times che Lula proporrà a Xi di creare un "Club della pace" per mediare la fine del conflitto in Ucraina.

"Siamo molto interessati a promuovere o aiutare a generare un qualche tipo di incontro che porti a un processo di pace", ha dichiarato Vieira.

Alla sua terza visita ufficiale in Cina da presidente - anche se la prima di questo mandato - Lula completa con questo viaggio la sua agenda ufficiale con i suoi principali partner commerciali: Pechino, Washington e Buenos Aires.

"Le relazioni tra i due Paesi sono buone, ricche e dense", ha dichiarato il segretario per la regione Asia-Pacifico del Ministero degli Esteri brasiliano, Eduardo Paes Saboia. "È un momento in cui Brasile e Cina parlano al mondo", ha aggiunto.

Ai microfoni di Sputnik il politolo colombiano che vive in Brasile, Daniel Prieto, ha affermato: “La proposta di Lula, a cui sta lavorando da quando si è insediato, mira a far sì che la Cina, data la sua posizione nel Consiglio di Sicurezza e la sua influenza globale attraverso il sistema di relazioni commerciali, possa avere un posto preponderante in quello che lui ha definito il Club della Pace”. 

Il presidente brasiliano ha infatti insistito sulla creazione di un organismo internazionale composto da vari Paesi con l'obiettivo di negoziare la pace tra Russia e Ucraina.

Secondo Prieto, la Cina sarebbe "l'attore principale a questo tavolo negoziale", in quanto "potrebbe facilitare il coinvolgimento di altri Paesi, tra cui gli stessi Stati Uniti". Inoltre, ha aggiunto, il presidente brasiliano cercherà di coinvolgere anche il suo Paese in questo meccanismo.

"Indubbiamente questo sforzo per raggiungere il Club della Pace ha bisogno del peso di una potenza mondiale che fa parte del Consiglio di Sicurezza [dell'ONU] ed è per questo che il ruolo della Cina sarà fondamentale per determinare se questa proposta è fattibile o meno".

Inoltre Prieto ha sottolineato che il tentativo di riavvicinamento del Brasile alla Cina si inserisce nel quadro dei BRICS, un blocco che riunisce i governi di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. In questo senso, ha sostenuto che questa associazione commerciale "è la base principale per comprendere le relazioni commerciali tra Asia e America Latina e perché il Brasile visita la Cina".

Allo stesso tempo, la politica estera che Xi Jinping ha impresso alla Cina negli ultimi anni significa che per il Paese asiatico è fondamentale "mantenere una buona relazione diplomatica, commerciale e a tutto tondo" con gli altri membri dei BRICS.

Prieto ha avvertito che, se realizzata, la partecipazione della Cina a favore della pace tra Russia e Ucraina potrebbe avere un impatto sull'economia globale.

"La partecipazione della Cina è importante perché può riaggiustare alcune relazioni commerciali che sono state danneggiate nell'ultimo anno", a causa del conflitto e delle sanzioni contro la Russia imposte dall'Occidente. 

L'analista ha spiegato che la Cina non sta cercando di posizionarsi solo nell'area del commercio, che è stata la sua punta di diamante in politica estera, ma anche in termini di relazioni diplomatiche. "L'agenda cinese è un pendolo tra il commerciale e il diplomatico", ha detto. In questi due ambiti, ha aggiunto, il legame con la Russia "è fondamentale".

Secondo Prieto, la Cina è impegnata ad essere un nuovo tipo di potenza mondiale, orientata anche alla risoluzione dei conflitti armati. Il suo ruolo non si limiterebbe alla promozione della pace nel conflitto russo-ucraino, ma potrebbe essere esteso a vari conflitti che colpiscono parte della popolazione in America Latina e nei Caraibi, così come in Africa e in Medio Oriente.

"La Cina potrebbe mostrarci una nuova sfaccettatura della propria politica estera ed è proprio questo che segnerà il nuovo mandato di Xi Jinping”. 

Il rafforzamento della presenza del Brasile sulla scena internazionale è stata una caratteristica dei governi di Lula. Nei suoi precedenti mandati (2003-2006 e 2007-2011), il leader del Partito dei Lavoratori aveva già chiesto l'ampliamento del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per includere nuovi Paesi in via di sviluppo come membri permanenti.

Sia quella proposta che quella attuale sono in linea con "la stessa logica di incorporare il Brasile nel sistema di relazioni internazionali di portata globale", ha spiegato Prieto.

Ha aggiunto che Lula sta cercando di "rompere l'isolamento internazionale che, secondo il governo, è stato una conseguenza della politica estera di Jair Bolsonaro (2019-2023), alla ricerca di una reintegrazione regionale".

Su questo concorda anche Andrés del Río, un politologo argentino che vive in Brasile. Consultato da Sputnik, ha affermato che il viaggio in Cina rappresenta "il primo passo nella ricostruzione del ritorno del Brasile sulla scena internazionale come attore rilevante".

Entrambi gli analisti hanno sottolineato l'impulso che il Brasile ha dato alle relazioni internazionali: ha tenuto incontri nel Mercosur con i leader dei governi uruguaiano e argentino, ha incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e i rappresentanti del Parlamento europeo.

"Ora la nuova mossa è quella di muoversi verso l'Asia, il che implica negoziati con la Cina e forse un prossimo incontro con la Russia", ha aggiunto Prieto.

Parlando con Sputnik, il politologo brasiliano Clayton Mendonça Cunha Filho ha escluso che la risoluzione del conflitto russo-ucraino sia la "principale preoccupazione" di Lula e ha sottolineato che il governo ha più preoccupazioni interne. Secondo l'esperto, il Paese latinoamericano sta cercando di rafforzare i partenariati con la Cina per attrarre maggiori investimenti da questo Paese.

Allo stesso modo, ha affermato che, sebbene Lula abbia assicurato che parlerà con Xi Jinping per mitigare il conflitto internazionale, "l'influenza e le capacità del Brasile non sono ancora abbastanza grandi per questo tipo di intervento".

In ogni caso, il Brasile di Lula è tornato sulla scena internazionale, e ha intrapreso decisamente la strada della costruzione del nuovo mondo multipolare insieme alle potenze eurasiatiche in ascesa.

 

Aggiornamento:

Il Presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva ha deciso di rinviare il suo viaggio in Cina per motivi di salute. Il rinvio è già stato comunicato alle autorità del Paese asiatico con la reiterazione della volontà di programmare la visita in una nuova data.

Lula da Silva è stato ricoverato nel reparto dell'Ospedale Sirio-Libanês di Brasilia, con sintomi influenzali. Dopo la valutazione clinica, è stata fatta una diagnosi di broncopolmonite batterica e virale dovuta all'influenza A ed è stato iniziato il trattamento.

Mentre nella giornata di venerdì, il governo aveva annunciato che la data del viaggio sarebbe stata spostata da sabato a domenica. Tuttavia, dopo la rivalutazione di sabato, e nonostante il miglioramento clinico, il servizio medico della Presidenza della Repubblica raccomanda di rimandare il viaggio in Cina fino alla fine del ciclo di trasmissione virale, ha riferito il Segretario di stampa della Presidenza della Repubblica, secondo quanto riferisce teleSUR.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti