ONU: il colombiano Petro condanna l'ipocrisia dell'Occidente che difende l'Ucraina e ignora la Palestina

ONU: il colombiano Petro condanna l'ipocrisia dell'Occidente che difende l'Ucraina e ignora la Palestina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Durante il suo intervento alla 78ª Assemblea generale delle Nazioni Unite (ONU), il presidente della Colombia, Gustavo Petro, ha evidenziato l'ipocrisia dei Paesi occidentali, che oggi condannano il conflitto in Ucraina, ma non difendono la Palestina.

Il leader colombiano ha ricordato che i Paesi che oggi combattono contro le invasioni sono gli stessi che hanno invaso molte volte. 

Ha inoltre sottolineato che le stesse ragioni che usano per difendere il presidente dell'Ucraina, Volodymir Zelenski, sono le stesse che dovrebbero usare per difendere la Palestina.

"Hanno dimenticato che i nostri Paesi sono stati invasi più volte, le stesse persone che oggi parlano di combattere le invasioni”, ha affermato Petro in ripudio all’ipocrisia occidentale. 

Il leader colombiano ha esortato le Nazioni Unite ad accelerare il processo per porre fine alla guerre.

A questo proposito, ha proposto di organizzare due conferenze di pace: una sulla guerra in Ucraina e l'altra sul conflitto in Palestina.

"Propongo che le Nazioni Unite promuovano al più presto due conferenze di pace, una sull'Ucraina e l'altra sulla Palestina, non perché non ci siano altre guerre nel mondo, come nel mio Paese. Ma perché insegnerebbero la pace in tutte le regioni del mondo, perché entrambe e solo entrambe metterebbero fine all'ipocrisia come pratica politica”. 

Secondo la sua proposta, entrambe le conferenze di pace dovrebbero sfociare in azioni concrete per fermare la violenza e salvare il pianeta.

Petro ha ricordato che dal suo ultimo discorso alle Nazioni Unite e fino ad oggi, il mondo ha assistito a un'escalation di guerre. Inoltre, sono aumentati i tassi di povertà e di fame.

"La guerra continua, la povertà e la fame sono in aumento. La crisi climatica mostra quest'anno uno dei livelli più feroci rispetto agli anni precedenti. E gli obiettivi di raggiungere gli SDGs sono più lontani che mai dall'orizzonte dell'umanità", ha dichiarato Gustavo Petro. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti