Ong denuncia il "fuoco aperto" di Israele contro i palestinesi durante le Marce del Ritorno

Ong denuncia il "fuoco aperto" di Israele contro i palestinesi durante le Marce del Ritorno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un rapporto pubblicato oggi, l'organizzazione israeliana per i diritti umani B'Tselem e il Centro palestinese per i diritti umani (CPDH), hanno rivelato che l'entità sionista ha cercato di "coprire la verità" sulla brutale repressione dei palestinesi durante le proteste della Grande Marcia del Ritorno tra il 2018 e il 2019.

Secondo il documento, il regime di Tel Aviv non ha intrapreso alcuna azione contro alti funzionari politici e militari "responsabili della politica illegale del fuoco aperto", che ha causato 200 morti e 800 feriti nella popolazione palestinese.

Israele si è affrettato ad annunciare che sta indagando sulle proteste, principalmente a causa dei procedimenti in corso presso la Corte penale internazionale (ICC) dell'Aia, si legge nel report della ONG.

Condannando l'indifferenza della CPI al riguardo, le ONG israeliane hanno aggiunto che dichiarare che il regime sta conducendo un'inchiesta "non basta per impedire l'intervento della CPI" e denunciano anche che il processo investigativo non è stato né efficace né soddisfatto i requisiti necessari.

Allo stesso modo, hanno assicurato che le indagini si sono concentrate solo sui "soldati di grado inferiore", mentre alcuni dei casi in cui le forze di sicurezza hanno ucciso palestinesi sono stati indagati, tuttavia i vari attacchi in cui ci sono stati feriti "non sono stati indagati. "

Le Marce del Ritorno che si svolsero lungo la recinzione che separava la Striscia di Gaza dai territori occupati, rivendicarono il diritto al ritorno per i profughi palestinesi che lasciarono le loro case o per coloro che dovettero fuggire nel 1948, dopo la fondazione del regime di Tel Aviv.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti