Oltre 50 parlamentari statunitensi chiedono all'FBI di indagare sull'omicidio della giornalista Shireen Abu Aqla

Oltre 50 parlamentari statunitensi chiedono all'FBI di indagare sull'omicidio della giornalista Shireen Abu Aqla

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, oltre 50 legislatori statunitensi hanno presentato una petizione affinché l'FBI apra un'indagine sull'omicidio della giornalista di Al Jazeera di origine palestinese-americana, Shireen Abu Aqla, da parte delle forze israeliane all'inizio di questo mese.

"Data la situazione tesa nella regione e le notizie contrastanti sulla morte della signora Abu Akla, chiediamo al Dipartimento di Stato e al Federal Bureau of Investigation di avviare un'indagine sulla morte della signora Abu Aqla", i 57 membri della Camera, guidati dal rappresentante Andre Carson, hanno scritto in una lettera indirizzata al Segretario di Stato americano, Anthony Blinken, e al direttore dell'FBI Christopher Wray.

"In quanto americana, la signora Abu Aqla ha diritto alla piena protezione offerta ai cittadini statunitensi che vivono all'estero", si aggiunge nella lettera.

Questo avviene appena due giorni dopo che il media israeliano Haaretz ha riferito che la divisione investigativa criminale della polizia militare dell'esercito di occupazione non ha in programma di indagare sull'omicidio.

Come si legge nell’articolo, le autorità di occupazione ritengono che interrogare le forze israeliane causerà polemiche nell'esercito e nell’opinione pubblica.

L'ambasciatore israeliano a Washington, Michael Herzog, ha commentato la lettera dei legislatori statunitensi, dicendo che non era una rappresentazione “equa” di quanto accaduto.

Abu Aqla è stata deliberatamente presa di mira e colpita alla testa dalle truppe israeliane mentre stava seguendo un'incursione nel campo profughi di Jenin in Cisgiordania.

Sempre Al-Jazeera ha confermato la veridicità di un nuovo video che mostra i momenti precedenti l'omicidio.

Il video corrobora i resoconti di testimoni oculari, secondo i quali non ci sono stati scontri nell'area mentre la squadra di giornalisti si preparava a coprire i raid israeliani a Jenin, contrariamente a quanto riferito da Israele e da numerosi media occidentali dopo l'uccisione.

Di recente, la condanna è cresciuta sulla falsa copertura data dai media occidentali all'omicidio di Abu Aqla, poiché numerosi organi di stampa hanno tentato di mascherare la notizia dell'omicidio riportandola come frutto di casualità in "scontri" o "spari a colpi di arma da fuoco" da parte dei palestinesi, incluso il New York Times (NYT) e Associated Press (AP).

"Invece di riportare i fatti - come confermato da altri giornalisti presenti sulla scena, da filmati e da gruppi per i diritti umani come B'Tselem - i media occidentali hanno semplicemente riprodotto a pappagallo i punti di discussione dell'esercito israeliano", ha lamentato Sonya E Meyerson-Knox, direttrice della comunicazione di Jewish Voice for Peace (JVP).

Parlando con Al Jazeera , Marc Owen Jones, assistente professore di Studi sul Medio Oriente presso l'Università Hamad Bin Khalifa, ha dichiarato: "Lo stato israeliano è molto abituato a gestire queste situazioni di crisi in cui uccidono cittadini palestinesi o giornalisti. Quindi, quello che hanno fatto ha già una narrazione, e quella narrativa è che c'è ambiguità sull'uccisione di Shireen.

Il mese scorso, la Federazione internazionale dei giornalisti (IFJ), il Sindacato dei giornalisti palestinesi (PJS) e il Centro internazionale di giustizia per i palestinesi (ICJP) hanno presentato una denuncia formale alla Corte penale internazionale (ICC) accusando Israele di prendere di mira sistematicamente i giornalisti che lavorano in Palestina.

L'IFJ ha ripetutamente condannato il deliberato attacco da parte di Israele ai giornalisti e alle strutture dei media nella Palestina occupata.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti