NYT - Come la Cia ha preso possesso dell'Ucraina golpista

NYT - Come la Cia ha preso possesso dell'Ucraina golpista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Un segreto strettamente custodito per un decennio." Con un lungo reportage di Entous e Schwirtz, che come l'AntiDiplomatico abbiamo tradotto nella sua interezza per l'importanza, il New York Times svela esplicitamente come dopo il golpe di Maidan del 2014 la Cia ha preso possesso dell'Ucraina golpista e preparato tutte le scelte aggressive contro la Russia.

Quello che per il NYT era un "segreto custodito", per chi ha fatto informazione senza le veline di Washington ma cercando di capire le dinamiche era palese dall'inizio. L'AntiDiplomatico ve lo ha raccontato sin dall'inizio. 10 anni dopo ci arriva anche il New York Times. Repubblica e il Corriere quando?

Segue la traduzione completa del testo del Nyt (per le foto e le fonti citate si rimanda al link originale)

 

di Adam Entous e Michael Schwirtz - New York Times

 

Immersa in una fitta foresta, la base militare ucraina appare abbandonata e distrutta, il suo centro di comando è una carcassa bruciata, una vittima di un bombardamento missilistico russo all'inizio della guerra.

Ma questo è quello rimasto sopra il suolo.

Non lontano, un passaggio discreto scende verso un bunker sotterraneo dove team di soldati ucraini tracciano i satelliti spia russi e intercettano conversazioni tra comandanti russi. Su uno schermo, una linea rossa seguiva il percorso di un drone esplosivo che si insinuava attraverso le difese aeree russe da un punto nell'Ucraina centrale a un obiettivo nella città russa di Rostov.

Il bunker sotterraneo, costruito per sostituire il centro di comando distrutto nei mesi successivi all'invasione russa, è un centro nervoso segreto delle forze armate ucraine.

C'è anche un'altra segretezza: la base è quasi interamente finanziata, e in parte attrezzata, dalla C.I.A.

"Al cento e dieci per cento," ha affermato il generale Serhii Dvoretskiy, un alto comandante dell'intelligence, in un'intervista.

Entrando ora nel terzo anno di una guerra che ha causato centinaia di migliaia di morti, la partnership di intelligence tra Washington e Kiev è un cardine della capacità dell'Ucraina di difendersi. La C.I.A. e altre agenzie di intelligence statunitensi forniscono informazioni per colpi mirati di missile, tracciano gli spostamenti delle truppe russe e aiutano a sostenere le reti di spionaggio.

Ma questa partnership non è una creazione bellica, né l'Ucraina è l'unico beneficiario.

Ha avuto origine dieci anni fa, prendendo forma a tratti sotto tre presidenti USA molto diversi, spinta avanti da individui chiave che spesso hanno corso rischi audaci. Ha trasformato l'Ucraina, le cui agenzie di intelligence erano a lungo considerate completamente compromesse dalla Russia, in uno dei partner di intelligence più importanti di Washington contro il Cremlino oggi.

I dettagli di questa partnership di intelligence, molti dei quali vengono rivelati per la prima volta dal New York Times, sono stati un segreto strettamente custodito per un decennio.

In più di 200 interviste, attuali ed ex funzionari in Ucraina, negli Stati Uniti e in Europa hanno descritto una partnership che rischiava di naufragare per la reciproca diffidenza prima di espandersi costantemente, trasformando l'Ucraina in un centro di raccolta informazioni che intercettava più comunicazioni russe di quanto inizialmente potesse gestire la stazione della C.I.A. a Kiev. Molti funzionari hanno parlato a condizione di anonimato per discutere questioni di intelligence e delicate questioni diplomatiche.

Ora queste reti di intelligence sono più importanti che mai, dato che la Russia è sull'offensiva e l'Ucraina dipende sempre più da sabotaggi e attacchi missilistici a lungo raggio che richiedono spie ben oltre le linee nemiche. E sono sempre più a rischio: se i repubblicani al Congresso terminano il finanziamento militare a Kiev, la C.I.A. potrebbe dover ridimensionare le sue operazioni.

Per cercare di rassicurare i leader ucraini, William J. Burns, direttore della C.I.A., ha fatto una visita segreta in Ucraina lo scorso giovedì, la sua decima visita dall'invasione.

Fin dall'inizio, un nemico comune — il presidente Vladimir V. Putin della Russia — ha unito la C.I.A. e i suoi partner ucraini. Ossessionato dal "perdere" l'Ucraina verso l'Occidente, il signor Putin interferiva regolarmente nel sistema politico ucraino, selezionando i leader che credeva avrebbero mantenuto l'Ucraina nell'orbita della Russia, ma ogni volta ha avuto l'effetto contrario, spingendo i manifestanti per strada.

Da tempo il signor Putin accusa le agenzie di intelligence occidentali di manipolare Kiev e seminare sentimenti anti-russi in Ucraina.

Verso la fine del 2021, secondo un alto funzionario europeo, il signor Putin stava valutando se lanciare la sua invasione su larga scala quando si è incontrato con il capo di uno dei principali servizi segreti russi, il quale gli ha riferito che la C.I.A., insieme al MI6 britannico, stavano controllando l'Ucraina e la stavano trasformando in una testa di ponte per operazioni contro Mosca.

Ma l'inchiesta del Times ha rilevato che il signor Putin e i suoi consiglieri hanno interpretato male una dinamica critica. La C.I.A. non ha forzato la sua strada in Ucraina. Gli ufficiali statunitensi erano spesso riluttanti ad impegnarsi completamente, temendo che gli ufficiali ucraini non potessero essere fidati e preoccupati di provocare il Cremlino.

Eppure un ristretto cerchio di funzionari dell'intelligence ucraina ha corteggiato assiduamente la C.I.A. e gradualmente si è reso indispensabile agli statunitensi. Nel 2015, il generale Valeriy Kondratiuk, all'epoca capo dell'intelligence militare dell'Ucraina, arrivò a un incontro con il vice capo della stazione della C.I.A. e senza preavviso consegnò un mucchio di file top secret.

Quella tranche iniziale conteneva segreti sulla Flotta del Nord della Marina russa, incluso dettagliate informazioni sui più recenti progetti di sottomarini nucleari russi. In breve tempo, squadre di agenti della C.I.A. lasciavano regolarmente il suo ufficio con zaini pieni di documenti.

"Abbiamo capito che dovevamo creare le condizioni della fiducia", afferma il generale Kondratiuk.

Man mano che la partnership si approfondiva dopo il 2016, gli ucraini diventavano impazienti per quello che consideravano la cautela eccessiva di Washington, e iniziarono a organizzare assassini e altre operazioni letali, violando i termini che la Casa Bianca pensava che gli ucraini avessero accettato. Infuriati, gli ufficiali a Washington minacciarono di interrompere il supporto, ma non lo fecero mai.

"Le relazioni si sono solo rafforzate sempre di più perché entrambi i lati vedevano il valore in essa, e l'Ambasciata degli Stati Uniti a Kiev è diventata la migliore fonte di informazioni, segnali e tutto il resto, sulla Russia", ha detto un ex alto funzionario nordamericano. "Non ne avevamo mai abbastanza". 

Questa è la storia mai raccontata di come è successo tutto questo.

 

Un inizio cauto

La partnership della CIA in Ucraina può essere fatta risalire a due telefonate nella notte del 24 febbraio 2014, otto anni prima dell’invasione su vasta scala della Russia.

Milioni di ucraini avevano appena rovesciato il governo filo-Cremlino e il presidente, Viktor Yanukovich, e i suoi capi di spionaggio erano fuggiti in Russia. Nel tumulto, un fragile governo filo-occidentale prese rapidamente il potere.

Il nuovo capo dello spionaggio governativo, Valentyn Nalyvaichenko, è arrivato al quartier generale dell’agenzia di intelligence nazionale e ha trovato nel cortile una pila di documenti fumanti. All'interno, molti computer erano stati formattati o erano stati infettati da malware russo.

“Era vuoto. Niente luci. Nessuna leadership. Non c'era nessuno", ha dichiarato il signor Nalyvaichenko in un'intervista.

Andò in un ufficio e chiamò la C.I.A. capo della stazione e capo locale dell'MI6. Era quasi mezzanotte ma li convocò nell'edificio, chiese aiuto per ricostruire l'agenzia da zero e propose una partnership a tre. “È così che è iniziato tutto”, ha detto Nalyvaichenko.

La situazione è rapidamente diventata più pericolosa. Il signor Putin ha occupato la Crimea. I suoi agenti hanno fomentato ribellioni separatiste che sarebbero diventate una guerra nell'est del paese. L'Ucraina era sul piede di guerra, e il signor Nalyvaichenko ha fatto appello alla C.I.A. per immagini aeree e altre informazioni di intelligence per aiutare a difendere il suo territorio.

Con la violenza in aumento, un aereo non contrassegnato del governo degli Stati Uniti ha toccato terra in un aeroporto di Kiev trasportando John O. Brennan, all'epoca direttore della C.I.A. Disse a Nalyvaichenko che la C.I.A. era interessata a sviluppare una relazione ma solo a un ritmo con cui l'agenzia si sentisse a suo agio, secondo funzionari nordamericani e ucraini.

Per la C.I.A., la domanda era per quanto tempo il signor Nalyvaichenko e il governo filo-occidentale sarebbero rimasti al potere. La C.I.A. era già stata bruciata in precedenza in Ucraina.

Dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica nel 1991, l'Ucraina ha ottenuto l'indipendenza e poi ha oscillato tra forze politiche concorrenti: quelle che volevano rimanere vicine a Mosca e quelle che volevano allinearsi con l'Occidente. Durante un precedente mandato come capo dei servizi segreti, il signor Nalyvaichenko avviò una partnership simile con la C.I.A., poi dissolta quando il paese è tornato verso la Russia.

Ora Brennan spiega che per ottenere l'assistenza della C.I.A. gli ucraini dovevano dimostrare di poter fornire informazioni di intelligence di valore agli USA. Dovevano anche eliminare le spie russe; l'agenzia di spionaggio interna, il S.B.U., ne era infestata. (A conferma di ciò: i russi hanno rapidamente appreso della visita del signor Brennan, suppostamente segreta. I media di propaganda del Cremlino hanno pubblicato un'immagine photoshoppata del direttore della C.I.A. con una parrucca da clown e trucco.)

Il signor Brennan torna a Washington, dove i consiglieri del presidente Barack Obama erano profondamente preoccupati di provocare Mosca. La Casa Bianca ha elaborato regole segrete che hanno infuriato gli ucraini e che alcuni all'interno della C.I.A. consideravano come dei lacci. Le regole proibivano alle agenzie di intelligence di fornire qualsiasi supporto all'Ucraina che potesse "ragionevolmente essere atteso" avere conseguenze letali.

Il risultato è stato un delicato gioco di equilibri. La C.I.A. avrebbe dovuto rafforzare le agenzie di intelligence dell'Ucraina senza provocare i russi. Le linee rosse non sono mai state precisamente chiare, il che ha creato una tensione persistente nella partnership.

A Kiev, Nalyvaichenko scelse un suo collaboratore di lunga data, il generale Kondratiuk, come capo del controspionaggio e crearono una nuova unità paramilitare da schierare dietro le linee nemiche per condurre operazioni e raccogliere informazioni che la C.I.A. o l'MI6 non avrebbero fornito loro.

Conosciuta come Quinto Direttorato, questa unità era composta da ufficiali nati dopo l'indipendenza dell'Ucraina.

"Non avevano alcun legame con la Russia", ha detto il generale Kondratiuk. "Non sapevano nemmeno cosa fosse l'Unione Sovietica".

Quell'estate, il volo 17 della Malaysia Airlines, in volo da Amsterdam a Kuala Lumpur, esplose a mezz'aria e si schiantò nell'Ucraina orientale, uccidendo quasi 300 persone tra passeggeri ed equipaggio. Il Quinto Direttorato ha prodotto intercettazioni telefoniche e altre informazioni di intelligence a poche ore dall'incidente che hanno rapidamente attribuito la responsabilità ai separatisti sostenuti dalla Russia.

La C.I.A. è rimasta impressionata e ha assunto il suo primo impegno significativo fornendo attrezzature per comunicazioni sicure e addestramento specializzato ai membri del Quinto Direttorato e ad altre due unità d'élite.

"Gli ucraini volevano un pesce e noi, per ragioni politiche, non potevamo consegnarlo", ha detto un ex funzionario nordamericano, riferendosi all'intelligence che avrebbe potuto aiutarli a combattere i russi. "Ma siamo stati felici di insegnare loro a pescare e di consegnare attrezzature per la pesca a mosca".

Un Babbo Natale segreto

Nell'estate del 2015, il presidente ucraino, Petro Poroshenko, ha dato una scossa ai servizi interni e ha insediato un alleato al posto di Nalyvaichenko, partner fidato della C.I.A.. Ma il cambiamento ha creato un'opportunità altrove.

Nel rimpasto, il generale Kondratiuk è stato nominato capo dell'agenzia di intelligence militare del Paese, nota come HUR, dove anni prima aveva iniziato la sua carriera. Sarebbe stato un primo esempio di come i legami personali, più che i cambiamenti politici, avrebbero approfondito il coinvolgimento della C.I.A. in Ucraina.

A differenza dell'agenzia nazionale, l'HUR aveva l'autorità di raccogliere informazioni al di fuori del Paese, anche in Russia. Ma gli statunitensi non avevano ritenuto utile coltivare l'agenzia perché non produceva informazioni utili sui russi e perché era vista come un bastione di simpatizzanti russi.

Cercando di creare fiducia, il generale Kondratiuk organizzò un incontro con la sua controparte nordamericana alla Defense Intelligence Agency e consegnò una pila di documenti segreti russi. Ma gli alti funzionari della D.I.A. erano sospettosi e scoraggiavano la creazione di legami più stretti.

Il generale doveva trovare un partner più disponibile.

Mesi prima, mentre era ancora in servizio presso l'agenzia nazionale, il generale Kondratiuk aveva visitato il quartier generale della C.I.A. a Langley, in California. In quell'occasione, incontrò un ufficiale della C.I.A. con un atteggiamento allegro e una barba folta, che era stato scelto per diventare il prossimo capo della stazione di Kiev.

Dopo una lunga giornata di riunioni, la C.I.A. portò il generale Kondratiuk a una partita di hockey dei Washington Capitals, dove lui e il capo stazione entrante si sedettero in un palco di lusso e fischiarono a gran voce Alex Ovechkin, la stella russa della squadra.

Il capo della stazione non era ancora arrivato quando il generale Kondratiuk consegnò alla C.I.A. i documenti segreti sulla Marina russa. "Ce ne sono altri", promise, e i documenti furono inviati agli analisti di Langley.

Gli analisti conclusero che i documenti erano autentici e, dopo l'arrivo del capo stazione a Kiev, la C.I.A. divenne il partner principale del generale Kondratiuk.

Il generale Kondratiuk sapeva di aver bisogno della C.I.A. per rafforzare la propria agenzia. La C.I.A. pensava che il generale avrebbe potuto aiutare anche Langley. La C.I.A. faticava a reclutare spie all'interno della Russia perché i suoi agenti erano sottoposti a una forte sorveglianza.

"Per un russo, lasciarsi reclutare da uno statunitense significa commettere il massimo del tradimento", ha detto il generale Kondratiuk. "Ma per un russo che si lascia reclutare da un ucraino, sono solo amici che parlano davanti a una birra".

Il nuovo capo della stazione iniziò a visitare regolarmente il generale Kondratiuk, il cui ufficio era decorato con un acquario in cui pesci gialli e blu - i colori nazionali dell'Ucraina - nuotavano intorno al modello di un sottomarino russo affondato. I due uomini sono diventati molto amici, il che ha rafforzato le relazioni tra le due agenzie e gli ucraini hanno dato al nuovo capo della stazione un soprannome affettuoso: Babbo Natale.

Nel gennaio 2016, il generale Kondratiuk è volato a Washington per un incontro a Scattergood, una tenuta nel campus della C.I.A. in Virginia, dove l'agenzia ospita spesso personaggi di rilievo in visita. L'agenzia ha accettato di aiutare l'HUR a modernizzarsi e a migliorare la sua capacità di intercettare le comunicazioni militari russe. In cambio, il generale Kondratiuk accettò di condividere tutte le informazioni grezze con gli USA.

Ora la partnership era reale.

Operazione Goldfish

Oggi, la stretta strada che porta alla base segreta è delimitata da campi minati, seminati come linea di difesa nelle settimane successive all'invasione della Russia. I missili russi che hanno colpito la base sembravano averla chiusa, ma solo poche settimane dopo gli ucraini sono tornati.

Con denaro e attrezzature forniti dalla C.I.A., le squadre sotto il comando del Generale Dvoretskiy hanno iniziato a ricostruire, ma sottoterra. Per evitare di essere individuati, lavoravano solo di notte e quando i satelliti spia russi non erano in sovrastante. I lavoratori parcheggiavano anche le loro auto a distanza dal cantiere.

Nel bunker, il Generale Dvoretskiy ha indicato l'equipaggiamento di comunicazione e i grandi server informatici, alcuni dei quali finanziati dalla C.I.A. Ha detto che le sue squadre stavano usando la base per hackerare le reti di comunicazione sicure del network militare russo.

"Questo è ciò che irrompe nei satelliti e decodifica conversazioni segrete," ha spiegato il Generale Dvoretskiy a un giornalista del Times durante un tour, aggiungendo che stavano hackerando anche i satelliti spia di Cina e Bielorussia.

Un altro ufficiale ha posto due mappe recentemente prodotte su un tavolo, come prova di come l'Ucraina stia tracciando l'attività russa in tutto il mondo.

La prima mostrava le rotte aeree dei satelliti spia russi che viaggiavano sopra l'Ucraina centrale. La seconda mostrava come i satelliti spia russi stessero passando sopra installazioni militari strategiche - incluso un impianto di armi nucleari - negli Stati Uniti orientali e centrali.

La C.I.A. ha iniziato a inviare attrezzature nel 2016, dopo l'incontro cruciale a Scattergood, ha detto il generale Dvoretskiy, fornendo radio criptate e dispositivi per intercettare le comunicazioni segrete del nemico.

Oltre alla base, la C.I.A. ha anche supervisionato un programma di addestramento, svolto in due città europee, per insegnare agli agenti dei servizi segreti ucraini come camuffarsi in modo convincente in falsi personaggi e rubare segreti in Russia e in altri Paesi che sono abili a stanare le spie. Il programma è stato chiamato Operazione Goldfish, che deriva da una barzelletta su un pesce rosso di lingua russa che offre a due estoni dei desideri in cambio della sua libertà.

La battuta finale prevedeva che uno degli estoni colpisse la testa del pesce con un sasso, spiegando che non ci si poteva fidare di tutto ciò che parlava russo.

Gli ufficiali dell'Operazione Goldfish furono presto dislocati in 12 basi operative avanzate di nuova costruzione, costruite lungo il confine russo. Da ogni base, secondo il generale Kondratiuk, gli ufficiali ucraini gestivano reti di agenti che raccoglievano informazioni all'interno della Russia.

Gli ufficiali della C.I.A. hanno installato apparecchiature nelle basi per aiutare a raccogliere informazioni e hanno anche identificato alcuni dei più abili diplomati ucraini del programma Operazione Goldfish, lavorando con loro per avvicinare potenziali fonti russe. Questi diplomati hanno poi addestrato agenti dormienti sul territorio ucraino, destinati a lanciare operazioni di guerriglia in caso di occupazione.

Spesso ci vogliono anni prima che la C.I.A. sviluppi una fiducia sufficiente in un'agenzia straniera per iniziare a condurre operazioni congiunte. Con gli ucraini ci sono voluti meno di sei mesi. La nuova partnership iniziò a produrre così tante informazioni grezze sulla Russia che dovettero essere spedite a Langley per essere elaborate.

Ma la C.I.A. aveva delle linee guida. Non avrebbe aiutato gli ucraini a condurre operazioni offensive letali.

"Abbiamo fatto una distinzione tra le operazioni di raccolta di informazioni e le operazioni di attacco", ha detto un ex alto funzionario degli Stati Uniti.

‘Questo è il nostro Paese’


Una distinzione che ha irritato gli ucraini.

In primo luogo, il generale Kondratiuk si infastidì quando gli statunitensi si rifiutarono di fornire immagini satellitari dall'interno della Russia. Subito dopo, ha chiesto l'assistenza della C.I.A. per pianificare una missione clandestina che prevedeva l'invio di commando HUR in Russia per piazzare ordigni esplosivi nei depositi ferroviari utilizzati dall'esercito russo. Se l'esercito russo avesse cercato di conquistare altro territorio ucraino, gli ucraini avrebbero potuto far esplodere gli esplosivi per rallentare l'avanzata russa.

Quando il capo stazione informò i suoi superiori, questi "impazzirono", come disse un ex funzionario. Brennan, il direttore della C.I.A., chiamò il generale Kondratiuk per assicurarsi che la missione fosse annullata e che l'Ucraina rispettasse le linee rosse che vietavano le operazioni letali.

Il generale Kondratiuk ha annullato la missione, ma ha anche tratto una lezione diversa. "In futuro, abbiamo lavorato per non discutere di queste cose con i vostri ragazzi", ha detto.

Alla fine dell'estate, le spie ucraine scoprirono che le forze russe stavano schierando elicotteri d'attacco in un campo d'aviazione nella penisola di Crimea occupata dai russi, forse per organizzare un attacco a sorpresa.

Il generale Kondratiuk decise di inviare una squadra in Crimea per piazzare degli esplosivi al campo d'aviazione, in modo che potessero esplodere se la Russia avesse attaccato.

Questa volta non chiese il permesso alla CIA. Si rivolse all'Unità 2245, la forza di commando che riceveva un addestramento militare specializzato dal gruppo paramilitare d'élite della C.I.A., noto come Dipartimento di terra. L'intento dell'addestramento era quello di insegnare tecniche difensive, ma gli ufficiali della C.I.A. capirono che, a loro insaputa, gli ucraini avrebbero potuto usare le stesse tecniche in operazioni offensive letali.

All’epoca, il futuro capo dell’agenzia di intelligence militare ucraina, il generale Budanov, era una stella nascente dell’Unità 2245. Era noto per le audaci operazioni dietro le linee nemiche e aveva profondi legami con la CIA. L'agenzia lo aveva addestrato e aveva anche compiuto il passo straordinario di mandarlo per la riabilitazione al Walter Reed National Military Medical Center nel Maryland dopo che era stato colpito al braccio destro durante i combattimenti nel Donbass.

Travestito in uniformi russe, allora tenente. Il colonnello Budanov guidò i commando attraverso uno stretto golfo su motoscafi gonfiabili, sbarcando di notte in Crimea.

Ma un commando russo d’élite li stava aspettando. Gli ucraini reagirono, uccidendo diversi combattenti russi, compreso il figlio di un generale, prima di ritirarsi sulla costa, tuffandosi in mare e nuotando per ore verso il territorio controllato dall'Ucraina.

È stato un disastro. In un discorso pubblico, il presidente Putin ha accusato gli ucraini di aver pianificato un attacco terroristico e ha promesso di vendicare la morte dei combattenti russi.

“Non c’è dubbio che non lasceremo passare queste cose”, disse.

A Washington, la Casa Bianca di Obama era furiosa. Joseph R. Biden Jr., allora vicepresidente e sostenitore dell’assistenza all’Ucraina, chiamò il presidente ucraino per lamentarsi con rabbia.

“Causa un problema gigantesco”, affermava Biden nella chiamata, la cui registrazione è trapelata e pubblicata online. "Tutto quello che ti sto dicendo come amico è che il mio discutere qui è molto più difficile ora". 

Alcuni consiglieri di Obama volevano chiudere il programma della C.I.A., ma Brennan li ha convinti che farlo sarebbe stato autolesionista, dato che il rapporto stava iniziando a produrre informazioni sui russi mentre la C.I.A. stava indagando sull'ingerenza russa nelle elezioni.

Brennan si mise al telefono con il generale Kondratiuk per sottolineare ancora una volta le linee rosse.

Il generale era sconvolto. "Questo è il nostro Paese", ha risposto, secondo un collega. "È la nostra guerra e dobbiamo combattere".

Il contraccolpo di Washington è costato il posto al generale Kondratiuk. Ma l'Ucraina non si è tirata indietro.

Un giorno successivo alla rimozione del Generale Kondratiuk, un'esplosione misteriosa nella città di Donetsk, nell'Ucraina orientale occupata dai russi, devastò un ascensore che trasportava un comandante separatista russo di alto rango di nome Arsen Pavlov, conosciuto con il suo pseudonimo di guerra, Motorola.

La C.I.A. presto apprese che gli assassini erano membri della Quinta Direzione, il gruppo di spionaggio che aveva ricevuto addestramento dalla C.I.A. L'agenzia di intelligence interna dell'Ucraina aveva persino distribuito distintivi commemorativi a coloro che erano coinvolti, ognuno cucito con la parola "Lift", il termine britannico per un ascensore.

Di nuovo, alcuni consiglieri di Obama erano furiosi, ma erano anatre zoppe - le elezioni presidenziali tra Donald J. Trump e Hillary Rodham Clinton erano a tre settimane di distanza - e gli assassinii continuarono.

Una squadra di agenti ucraini installò un lanciamissili a spalla non pilotato in un edificio nei territori occupati. Era proprio di fronte all'ufficio di un comandante ribelle di nome Mikhail Tolstykh, meglio conosciuto come Givi. Utilizzando un grilletto remoto, azionarono il lanciamissili non appena Givi entrò nel suo ufficio, uccidendolo, secondo funzionari statunitensie ucraini.

Una guerra ombra era ora in piena attività. I russi usarono una bomba in auto per assassinare il capo dell'Unità 2245, la forza d'élite dei commando ucraini. Il comandante, il Colonnello Maksim Shapoval, stava andando a un incontro con gli ufficiali della C.I.A. a Kiev quando la sua auto esplose.

Al funerale del colonnello, l'ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, Marie Yovanovitch, si trovava in lutto accanto al capo della stazione della C.I.A. Successivamente, gli ufficiali della C.I.A. e i loro colleghi ucraini brindarono al Colonnello Shapoval con bicchieri di whisky.

"Per tutti noi", disse il Generale Kondratiuk, "fu un colpo".

In punta di piedi contro Trump

L'elezione di Trump nel novembre 2016 mise in agitazione gli ucraini e i loro partner della C.I.A..

Trump elogiava Putin e respingeva il ruolo della Russia nelle interferenze elettorali. Era sospettoso nei confronti dell'Ucraina e in seguito ha cercato di fare pressione sul suo presidente, Volodymyr Zelensky, affinché indagasse sul suo rivale democratico, Biden, provocando il primo impeachment di Trump.

Ma qualsiasi cosa Trump abbia detto e fatto, la sua amministrazione è andata spesso nella direzione opposta. Questo perché il Presidente Trump aveva messo i falchi contro la Russia in posizioni chiave, tra cui Mike Pompeo come direttore della C.I.A. e John Bolton come consigliere per la sicurezza nazionale. Questi hanno visitato Kiev per sottolineare il loro pieno sostegno alla partnership segreta, che si è estesa fino a includere programmi di addestramento più specializzati e la costruzione di ulteriori basi segrete.

La base nella foresta è cresciuta fino a comprendere un nuovo centro di comando e caserme, ed è passata da 80 a 800 agenti dell'intelligence ucraina. Impedire alla Russia di interferire nelle future elezioni statunitensi era una delle massime priorità della C.I.A. in questo periodo, e gli ufficiali dei servizi segreti ucraini e nordamericani unirono le forze per sondare i sistemi informatici delle agenzie di intelligence russe per identificare gli agenti che cercavano di manipolare gli elettori.

In un'operazione congiunta, una squadra dell'HUR inganna un ufficiale dei servizi segreti militari russi, inducendolo a fornire informazioni che hanno permesso alla C.I.A. di collegare il governo russo al cosiddetto gruppo di hacker Fancy Bear, che era stato collegato a tentativi di interferenza elettorale in diversi Paesi.

Il generale Budanov, che Zelensky ha designato per guidare l'HUR nel 2020, ha detto della partnership: "Si è solo rafforzata. È cresciuta sistematicamente. La cooperazione si è estesa ad altri ambiti ed è diventata più ampia".

Il rapporto ha avuto un tale successo che la C.I.A. ha voluto replicarlo con altri servizi segreti europei che condividono l'obiettivo di contrastare la Russia.

Il capo della Russia House, il dipartimento della C.I.A. che supervisiona le operazioni contro la Russia, organizzò un incontro segreto all'Aia. In quella sede, i rappresentanti della C.I.A., dell'MI6 britannico, dell'HUR, dei servizi olandesi (un alleato critico dell'intelligence) e di altre agenzie hanno deciso di iniziare a mettere insieme un maggior numero di informazioni sulla Russia.

Il risultato fu una coalizione segreta contro la Russia, di cui gli ucraini erano membri fondamentali.

Marcia verso la guerra

Nel marzo 2021, l'esercito russo ha iniziato ad ammassare truppe lungo il confine con l'Ucraina. Con il passare dei mesi e l'aumento delle truppe che circondavano il Paese, ci si chiedeva se Putin stesse facendo una finta o si stesse preparando alla guerra.

A novembre e nelle settimane successive, la C.I.A. e l'MI6 hanno trasmesso un messaggio unificato ai loro partner ucraini: la Russia si stava preparando a un'invasione su larga scala per decapitare il governo e installare a Kiev un fantoccio che avrebbe eseguito gli ordini del Cremlino.

Secondo i funzionari statunitensi, le agenzie di intelligence statunitensi e britanniche disponevano di intercettazioni a cui le agenzie di intelligence ucraine non avevano accesso. Le nuove informazioni elencavano i nomi dei funzionari ucraini che i russi stavano pianificando di uccidere o catturare, così come gli ucraini che il Cremlino sperava di installare al potere.

Il Presidente Zelensky e alcuni dei suoi principali consiglieri non sembravano convinti, anche dopo che Burns, il direttore della C.I.A., si era precipitato a Kiev nel gennaio 2022 per informarli.

Con l'avvicinarsi dell'invasione russa, gli ufficiali della C.I.A. e dell'MI6 hanno fatto le ultime visite a Kiev con i loro colleghi ucraini. Uno degli ufficiali dell'M16 ha pianto di fronte agli ucraini, per la preoccupazione che i russi li uccidessero.

Su sollecitazione di Burns, un piccolo gruppo di ufficiali della C.I.A. è stato esentato dall'evacuazione degli Stati Uniti e trasferito in un complesso alberghiero nell'Ucraina occidentale. Non volevano abbandonare i loro partner.

Nessuna partita finale

Dopo che Putin ha lanciato l'invasione il 24 febbraio 2022, gli ufficiali della C.I.A. nell'hotel sono stati l'unica presenza del governo USA sul posto. Ogni giorno, all'hotel, si incontravano con i loro contatti ucraini per passare informazioni. Le vecchie manette sono state tolte e la Casa Bianca di Biden ha autorizzato le agenzie di spionaggio a fornire supporto di intelligence per operazioni letali contro le forze russe in territorio ucraino.

Spesso i briefing della C.I.A. contenevano dettagli scioccanti e specifici.

Il 3 marzo 2022 - l'ottavo giorno di guerra - il team della C.I.A. fornì una panoramica precisa dei piani russi per le due settimane successive. I russi avrebbero aperto un corridoio umanitario fuori dalla città assediata di Mariupol quello stesso giorno, per poi aprire il fuoco sugli ucraini che lo avrebbero utilizzato.

Secondo la C.I.A., i russi avevano pianificato di accerchiare la strategica città portuale di Odessa, ma una tempesta ha ritardato l'assalto e i russi non hanno mai preso la città. Il 10 marzo, poi, i russi intendevano bombardare sei città ucraine e avevano già inserito le coordinate nei missili da crociera per questi attacchi.

I russi stavano anche cercando di assassinare alti funzionari ucraini, tra cui Zelensky. In almeno un caso, la C.I.A. ha condiviso informazioni con l'agenzia interna ucraina che hanno contribuito a smantellare un complotto contro il presidente, secondo un alto funzionario ucraino.

Quando l'assalto russo a Kiev si è fermato, il capo della stazione della C.I.A. si è rallegrato e ha detto alle sue controparti ucraine che stavano "dando un pugno in faccia ai russi", secondo un ufficiale ucraino presente nella stanza.

Nel giro di poche settimane, la C.I.A. era tornata a Kiev e l’agenzia ha inviato decine di nuovi ufficiali per aiutare gli ucraini. Un alto funzionario USA ha detto della considerevole presenza della CIA: “Stanno premendo i grilletti? No. Stanno aiutando con il targeting? Assolutamente".

Alcuni ufficiali della C.I.A furono schierati nelle basi ucraine. Hanno esaminato gli elenchi dei potenziali obiettivi russi che gli ucraini si stavano preparando a colpire, confrontando le informazioni che gli ucraini avevano con l’intelligence nordamericana per assicurarsi che fossero accurate.

Prima dell’invasione, la C.I.A. e l’MI6 avevano addestrato le loro controparti ucraine sul reclutamento di fonti e sulla costruzione di reti clandestine e partigiane. Nella regione meridionale di Kherson, occupata dalla Russia nelle prime settimane di guerra, queste reti partigiane entrarono in azione, secondo il generale Kondratiuk, assassinando i collaboratori locali e aiutando le forze ucraine a prendere di mira le posizioni russe.

Nel luglio 2022, le spie ucraine hanno visto convogli russi prepararsi ad attraversare un ponte strategico sul fiume Dnipro e hanno informato l'MI6. Gli ufficiali dell’intelligence britannica e USA hanno quindi rapidamente verificato l’intelligence ucraina, utilizzando immagini satellitari in tempo reale. L'MI6 ha trasmesso la conferma e l'esercito ucraino ha aperto il fuoco con i razzi, distruggendo i convogli.

Nel bunker sotterraneo, il generale Dvoretskiy ha detto che un sistema antiaereo tedesco ora difende dagli attacchi russi. Un sistema di filtraggio dell'aria protegge dalle armi chimiche ed è disponibile un sistema di alimentazione dedicato, in caso di guasto della rete elettrica.

La domanda che alcuni ufficiali dell’intelligence ucraina stanno ora ponendo alle loro controparti statunitensi – mentre i repubblicani alla Camera valutano se tagliare miliardi di dollari in aiuti – è se la CIA. li abbandonerà. “È già successo in Afghanistan e ora succederà in Ucraina”, ha affermato un alto ufficiale ucraino.

Riferendosi alla visita del signor Burns a Kiev la scorsa settimana, un agente della C.I.A. ha dichiarato: “Abbiamo dimostrato un chiaro impegno nei confronti dell’Ucraina per molti anni e questa visita è stata un altro segnale forte che l’impegno degli Stati Uniti continuerà”.

La C.I.A. e l'HUR hanno costruito altre due basi segrete per intercettare le comunicazioni russe e, combinate con le 12 basi operative avanzate, che secondo il generale Kondratiuk sono ancora operative, l'HUR ora raccoglie e produce più informazioni che in qualsiasi momento della guerra, gran parte delle quali condivide con la C.I.A.

“Non è possibile ottenere informazioni come queste da nessuna parte, tranne che qui e ora”, ha detto il generale Dvoretskiy.

Natalia Yermak ha contribuito al reportage.

Adam Entous è corrispondente investigativo da Washington e vincitore di due premi Pulitzer. Prima di entrare a far parte dell'ufficio di Washington del Times, si è occupato di intelligence, sicurezza nazionale e politica estera per il New Yorker, il Washington Post e il Wall Street Journal. 

Michael Schwirtz è un reporter investigativo della redazione internazionale. Con il Times dal 2006, ha coperto in precedenza i Paesi dell'ex Unione Sovietica da Mosca ed è stato uno dei principali reporter del team che ha vinto il Premio Pulitzer 2020 per gli articoli sulle operazioni di intelligence russe. 

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti