Nuova Via della Seta. La Cina migliora i rapporti con il Giappone e salva 5 mila posti di lavoro in Serbia

Nuova Via della Seta. La Cina migliora i rapporti con il Giappone e salva 5 mila posti di lavoro in Serbia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mentre il Giappone di Shinzo Abe si dice disponibile ad estendere la cooperazione con la Cina sul versante della Nuova via della seta  - queste alcune sue parole: "This year marked the first time that the city of Yiwu, China and the United Kingdom were connected by a freight train, which crossed the English Channel. The “One Belt, One Road” initiative holds the potential to connect East and West as well as the diverse regions found in between" - aprendo la possibilità di un rapporto meno conflittuale tra le due potenze asiatiche, un segnale più piccolo ci racconta del cambiamento magmatico che avviene sul piano internazionale: l'acquisto da parte di una azienda statale cinese della fabbrica di acciaio serba di Smeredevo (un investimento di poco interesse economico) prima di proprietà Usa, rientra a pieno nella strategia globale della Cina quale potenza pronta ad intervenire anche nel Vecchio Continente, soprattutto nel parte orientale. 

Va aggiunto che questo "insignificante" ha salvato una fabbrica in declino, garantendo il lavoro a oltre 5mila persone.



Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti