Nuova via della seta. Come reagirà la Cina dopo la decisione della Meloni

Nuova via della seta. Come reagirà la Cina dopo la decisione della Meloni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Pasquale Cicalese

I cinesi stanno zitti, non sono soliti manifestare il loro agire, le loro scelte, le loro azioni.

Meloni ha deciso di uscire dalla Via della Seta? Perfetto.

Dopo Russia, viene la Cina. Senonché il XXI secolo avrà come protagonista l'immenso territorio eurasiatico che comprende Russia, Csi, Cina, Vietnam, fino al sud est del Pacifico. Meloni non considera una cosa.

Nel corso di questi decenni circa 100 milioni di espatriati cinesi si sono diffusi nel mondo, spesso mercanti o industriali, legati alla Madrepatria da un patto di ferro. Essi sono in Africa, Mediterraneo, Pacifico, America Latina.

La Cina starà zitta, forse tollererà, ma il mangiatoio futuro il nostro Paese se lo potrà solo sognare, briciole piuttosto, buone per i "siti economici" che incensano il "Made in Italy".

La Russia esce da due anni di blocco commerciale e valutario con 75 miliardi di surplus commerciale, ha praticamente vinto la guerra, la modernizzazione cinese, con alti e bassi, prosegue a tappe forzate, diramandosi nei territori limitrofi.

Il nostro Paese, fulcro del Mediterraneo, si nega il "dialogo" con tutte queste realtà future, proiettandosi ancora una volta nell'immiserita Lega Anseatica e negli Usa dove ci sono 100 milioni di forze lavoro fantasma, la cui unica forza è la potenza militare, che si traduce in potenza finanziaria (in ogni caso "capitale morto" che non si valorizza).

E' la merce la chiave del futuro del XXI secolo, e la merce ce l'hanno Russia e Csi (materie prime, tecnologia militare che stanno "traducendo", negli ultimi tre anni, in tecnologia civile), merci industriali (Cina, Corea, Giappone, India, Indonesia, sud est Pacifico), capitale che si valorizza (principalmente nella massa eurasiatica).

La chiave di volta di questi tre fattori, unita alla modernizzazione della forza militare cinese che avverrà, vedrà fuori il nostro Paese. Ripeto, raccoglierà le briciole, nel mentre i subfornitori continueranno a chiedere soldini pubblici per la "competititività" e ribadendo la deflazione salariale. La Lega Anseatica non è stata sconfitta, come avevo pensato nel 2014, da Usa e Cina, ma dalla Russia, nuova potenza che si affaccia nel XXI sempre piu' pronta a ribadire il suo ruolo plurisecolare storico, unita ai Brics, specie Arabia Saudita e Opec Plus.

Insomma, un capolavoro diplomatico per accontentare fogna varia. Continuate con la vostra ignoranza della storia, dell'economia, delle relazioni internazionali, della diplomazia. Ritornate nelle aule universitarie, anzi, nemmeno quelle, ormai, per la gran parte, lì si insegnano cazzate.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti