Nuova proposta shock da Davos: "Miliardi di persone smettano di mangiare carne per combattere il cambiamento climatico"

Nuova proposta shock da Davos: "Miliardi di persone smettano di mangiare carne per combattere il cambiamento climatico"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nuove surreali e ipocrite proposte "ambientaliste" dal Forum di Davos. Oggi è il turno di Jim Hagemann, presidente di Siemens AG che ha invitato un miliardo di persone a "smettere di mangiare carne" per combattere il cambiamento climatico.

Queste le sue parole rese note da Fox News. "Se un miliardo di persone smettessero di mangiare carne, vi dico, avrebbe un grande impatto. Non solo sull'attuale sistema alimentare, ma ispirerà anche l'innovazione e avrebbe un grande impatto anche sul cambiamento climatico", ha dichiarato.

Il presidente di Siemens sostiene di essere stato "ispirato" in questa sua proposta dalla figlia ventiquattrenne che gli ha chiesto come avrebbe potuto sostenere "catene del valore a zero emissioni di carbonio" e continuare a mangiare prodotti a base di carne.

"E così, ho smesso di mangiare carne", ha detto.

Lo stesso Hagemann nel proseguo del suo intervento nota come la matematica mostri che una persona che smette di mangiare carne per 11 anni avrebbe lo stesso impatto di un volo aereo in termini di inquinamento. "Ma se miliardi facessero la stessa cosa stimolerebbe un enorme cambiamento". Secondo il presidente di Siemens, in futuro, il mondo avrà accesso ad altre proteine che avranno un sapore "ancora migliore" della carne. "Saranno a zero emissioni di carbonio e molto più sani del tipo di cibo che mangiamo oggi", ha affermato.

Che i veri responsabili dell'inquinamento siano coloro che pontificano a Davos lo mostra l'ultimo rapporto di Greenpeace International che evidenzia come le élite viaggiao in gran parte alla conferenza annuale del WEF tramite jet privati. L'analisi - pubblicata alla fine della scorsa settimana da Greenpeace e dalla società di ricerca ambientale CE Delft - ha mostrato che durante il vertice del 2022 c'è stato un aumento significativo dei voli di jet privati, molti dei quali a breve distanza, verso gli aeroporti vicino alla sede del WEF a Davos, in Svizzera. 

Tra i relatori di Davos più bersagliati per le sue parole c'è sicuramente l'inviato presidenziale speciale per il clima John Kerry, deriso online per aver definito gli sforzi delle élite per combattere il cambiamento climatico come "quasi extraterrestre".

"Quando inizi a pensarci, è piuttosto straordinario che noi - un gruppo selezionato di esseri umani a causa di qualsiasi cosa ci abbia toccato ad un certo punto della nostra vita - siamo in grado di sederci in una stanza e riunirci e parlare davvero di salvare il pianeta", ha osservato Kerry. "Voglio dire, è quasi extraterrestre pensare a 'salvare il pianeta'", ha affermato. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti