Niger, Burkina Faso e Mali firmano un trattato per diventare confederazione

Niger, Burkina Faso e Mali firmano un trattato per diventare confederazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Burkina Faso, Mali e Niger hanno annunciato la creazione della Confederazione dell'Alleanza degli Stati del Sahel durante il primo vertice dell'istituzione tenutosi sabato, segnando un passo significativo verso la creazione di un blocco economico-militare e l'allontanamento dai Paesi regionali e occidentali dopo una serie di colpi di Stato che godono di un forte sostegno popolare.

In una dichiarazione congiunta, i leader - Ibrahim Traore del Burkina Faso, Assimi Goita del Mali e Abdourahamane Tchiani del Niger - hanno elogiato la sinergia di successo tra i tre Stati nella lotta al terrorismo all'interno dell'area dell'alleanza e hanno sottolineato il loro impegno per una maggiore integrazione tra gli Stati membri. "Considerando il nostro obiettivo comune di una lotta efficace contro il terrorismo nel Sahel, in particolare nella regione di Liptako-Gourma, abbiamo deciso di fare un passo significativo verso una maggiore unità", si legge nella dichiarazione riportata da China Daily.

Situata ai confini con Burkina Faso, Mali e Niger, la regione di Liptako-Gourma è l'epicentro della crisi di sicurezza nella più ampia regione del Sahel, iniziata nel 2012.

Il 16 settembre 2023, i tre paesi hanno firmato la Carta Liptako-Gourma, istituendo l'Alleanza degli Stati del Sahel (AES).

I tre leader hanno lodato l'istituzione di una forza unificata degli Stati del Sahel durante una riunione dei capi di stato maggiore tenutasi a marzo a Niamey, la capitale del Niger. La missione della forza è di attuare un piano trilaterale permanente per combattere i gruppi terroristici armati, il crimine organizzato transnazionale e altre minacce che questi Stati devono affrontare.

Inoltre, i leader hanno deciso di dotare la confederazione di "strumenti indipendenti per il finanziamento delle nostre politiche economiche e sociali" e di creare un meccanismo che faciliti la libera circolazione di persone, beni e servizi all'interno dello spazio AES. Hanno annunciato la creazione di una banca d'investimento all'interno dell'AES e hanno deciso di istituire un fondo di stabilizzazione.

Il Burkina Faso, il Mali e il Niger avevano precedentemente annunciato il loro ritiro dalla Comunità Economica degli Stati dell'Africa Occidentale (ECOWAS) in seguito alla creazione dell'AES. I leader dei tre Paesi hanno riaffermato il loro "impegno nei confronti dei principi e degli obiettivi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite" e hanno ribadito la loro dedizione agli ideali, ai principi e agli obiettivi dell'Unione Africana e del panafricanismo.

Intervenendo al vertice di sabato, Tchiani, presidente del Consiglio nazionale per la protezione della patria del Niger, ha affermato che l'approvazione formale del trattato che istituisce la confederazione AES "realizzerà le aspirazioni delle nostre popolazioni di formare un'unione di Stati all'interno del nostro spazio saheliano, condividendo le stesse sfide, le stesse ambizioni e, in definitiva, lo stesso destino".

"Nell'attuale contesto geopolitico, l'AES rappresenta il gruppo sub-regionale più efficace nella lotta al terrorismo, soprattutto in considerazione del mancato coinvolgimento dell'ECOWAS in questa lotta", ha dichiarato.

L'ECOWAS, uno dei blocchi regionali pilastro dell'Africa, ha sospeso i tre Paesi dopo le rispettive prese di potere militari, avvenute nel luglio 2023 in Niger, nel settembre 2022 in Burkina Faso e nell'agosto 2021 in Mali.

"Di conseguenza, l'AES da sola ci permette di affrontare le minacce terroristiche in un modo che nessun'altra struttura regionale o internazionale ha fatto prima", ha spiegato Tchiani.

I disordini dell'ultimo decennio nel Sahel, una vasta regione semiarida dell'Africa che si estende dal Senegal verso est fino al Sudan, hanno minato la sicurezza in Burkina Faso, Mali, Niger e altri Paesi della regione. Dopo l'intervento militare guidato dalla NATO in Libia nel 2011, che ha rovesciato il presidente Muammar Gheddafi, la regione ha sperimentato un'insicurezza che ha portato a un dilagante traffico di armi, con una crescita significativa dei gruppi armati legati ad Al-Qaeda e allo Stato Islamico.

Secondo un rapporto di Mark A Green, presidente del Wilson Center, un think tank con sede a Washington D.C., il Sahel è responsabile del 43% dei morti per terrorismo nel mondo, più dell'Asia meridionale e della regione del Medio Oriente e del Nord Africa messe insieme, riporta China Daily.

"Dopo la caduta di Gheddafi, il terrorismo è iniziato nella regione del Sahel", ha dichiarato Bella Kamano, analista politica di base a Conakry, in Guinea.

"Le popolazioni del Niger lamentano l'insicurezza nel loro Paese. Non passa una settimana o un mese senza che i terroristi prendano ostaggi e compiano attacchi contro la gente nei villaggi", ha osservato Kamano, aggiungendo che tutti i Paesi della regione del Sahel stanno subendo le conseguenze della guerra libica.

Il peggioramento della situazione della sicurezza ha contribuito all'aumento del sentimento anti-occidentale in Africa occidentale negli ultimi anni. Le truppe francesi sono state gradualmente allontanate dal Mali, dal Niger e dal Burkina Faso, come richiesto dai governi militari di questi Paesi. Allo stesso modo, gli Stati Uniti hanno ritirato la maggior parte delle loro truppe dal Niger in seguito alla decisione di Niamey di porre fine a un accordo militare con Washington.

Persistono le tensioni con l'ECOWAS

Come abbiamo visto, il vertice segna un allontanamento dalla Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS). Le tensioni tra i Paesi del Sahel e l'ECOWAS si sono acuite dopo che il generale Abdourahamane Tiani ha preso il potere dal presidente eletto Mohamed Bazoum con un colpo di stato in Niger lo scorso luglio. In risposta, l'ECOWAS ha imposto sanzioni al Niger e ha minacciato l'intervento, inasprendo ulteriormente le relazioni.

"L'AES (Alleanza degli Stati del Sahel) è ricca di un enorme potenziale naturale che, se adeguatamente sfruttato, garantirà un futuro migliore alle popolazioni di Niger, Mali e Burkina Faso", ha dichiarato Traore.

"Il nostro popolo ha irrevocabilmente voltato le spalle all'ECOWAS", ha dichiarato Tiani ai suoi colleghi leader del Sahel.

I tre Paesi dell'AES accusano l'ECOWAS di essere manipolata dalla Francia, ex dominatrice coloniale, e Tiani ha chiesto che il nuovo blocco diventi una "comunità lontana dalla morsa delle potenze straniere".

I leader militari di Niger, Mali e Burkina Faso hanno tutti respinto l'influenza francese, espellendo le truppe neocoloniali di Parigi dai loro Paesi e rivolgendosi invece a quelli che definiscono i loro "partner sinceri": Russia, Turchia e Iran. Sottolineano la sovranità come principio guida della loro governance e mirano a stabilire anche una moneta comune.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti