Natale ortodosso, Messaggio di G.A. Zyuganov, Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa

Natale ortodosso, Messaggio di G.A. Zyuganov, Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“…Gli eventi in Ucraina e in Terra Santa mostrano ai nostri sguardi, nel giorno di Natale che il mito della leadership della civiltà occidentale sta franando davanti ai nostri occhi…Duemila anni dopo, i nostri occhi sono nuovamente puntati sulla Palestina, non solo a causa delle celebrazioni natalizie, ma perché questa terra intrisa di sangue geme di nuovo dal dolore e trema dall’orrore. La Natività di Cristo è nuovamente accompagnata da un'inaudita strage di neonati. Allora il re Erode diede l'ordine segreto di uccidere tutti i bambini sotto i due anni nella città di Betlemme dove, come avevano annunciato i Magi, sarebbe nato un nuovo re della Giudea. Un ordine simile è di nuovo in esecuzione. Ma ora è compiuto da nuovi Erode, globalisti abituati ad arricchirsi con la guerra. Nuovamente oggi stanno uccidendo migliaia di bambini palestinesi…”.

 Un contributo per la riflessione

Con questo discorso/Augurio nel giorno del Natale ortodosso, lo storico leader comunista russo, che rappresenta quasi 11 milioni di russi e circa il 20% dei voti, ha proiettato, con le sue parole, in modo profondo e come orizzonte, quale può essere nel concreto un mondo multipolare, dove l’arroganza e protervia occidentale non avranno più possibilità di essere. Un mondo dove ogni popolo, ogni paese, possa avere nelle proprie scelte, radici e storia, la possibilità di viverle e difenderle.

Un mondo dove ciascun popolo e paese sia trattato alla pari, dove qualsiasi tradizione e identità venga rispettata, difesa, onorata, seppur diversa. Dove ciascuno abbia la possibilità di trattare, di confrontarsi sulla base dei propri interessi nazionali di sviluppo, di indipendenza, di dignità nazionale. Come ha detto l’anziano e mai ammansito leader comunista russo: “…solo dopo essersi sbarazzati dei nuovi Petain, Quisling, Pavelic e Mannerheim di piccolo calibro coniati a tavolino, i paesi del Vecchio Mondo potranno acquisire la loro sovranità e si potrà ripristinare la pace e l'armonia nel continente e nel mondo…”.

Penso sia un messaggio di speranza e rivolto al futuro, su cui, soprattutto in occidente occorrerebbe riflettere, visto che i quattro quinti dell’umanità, in tutte le immaginabili sfaccettature politiche, religiose, culturali, già hanno intrapreso questa strada, al di là di partiti, religioni, storie o tradizioni diverse, ma fondate sul rispetto reciproco e la non ingerenza.

 

Cari amici, compagni, fratelli e sorelle!

 

Ancora una volta, insieme alle nostre famiglie, a tutto il Paese, a tutto il mondo russo, a tutto il mondo ortodosso, celebriamo il Natale. Secondo Giovanni Crisostomo questa è “ la madre di tutte le feste, il loro inizio e fondamento”. La cosa fondamentale è che siamo uniti, perché “ ogni città o casa divisa in parti fra loro contrarie non può reggere” (Matteo 12:25). 

Duemila anni fa lì, “in una remota provincia in riva al mare”, avvenne un evento che cambiò il mondo, gettando le basi per un'altra civiltà umana, quella cristiana, di cui viviamo ancora oggi l'eredità. 

E ora, duemila anni dopo, i nostri occhi sono nuovamente puntati sulla Palestina, non solo a causa delle celebrazioni natalizie, ma perché questa terra intrisa di sangue geme di nuovo dal dolore e trema dall’orrore. La Natività di Cristo è nuovamente accompagnata da un'inaudita strage di neonati. Allora il re Erode diede l'ordine segreto di uccidere tutti i bambini sotto i due anni nella città di Betlemme dove, come avevano annunciato i Magi, sarebbe nato un nuovo re della Giudea. Un ordine simile è di nuovo in esecuzione. Ma ora compiuto da altri nuovi Erode, globalisti abituati ad arricchirsi con la guerra. Nuovamente oggi stanno uccidendo migliaia di bambini palestinesi.

Per noi questo è un Medio Oriente molto vicino, sia dal punto di vista geografico che storico, perché la nostra cultura ha le sue radici in quella terra sofferente. Da Betlemme al Golgota, dieci chilometri. E, ricordando in questi giorni di Natale i 33 anni del ministero terreno di Cristo, ci rivolgiamo alla Via Crucis del Salvatore accompagnati con il tormento, il tradimento e la forza d’animo della Madre e dei discepoli. Scrutiamo queste storie bibliche, come nell'anima della Russia nella sua esistenza millenaria. E troviamo connessioni con il tempo presente. Con questo periodo di un'operazione militare speciale, dove "combattiamo con il sangue fino ai piedi, con i morti, resuscitati per un nuovo funerale", per liberare il popolo fraterno dell'Ucraina dai vili spiriti maligni nazisti, che hanno intrappolato l'intero paese. 

I nostri combattenti non combattono contro, ma per l’Ucraina, combattendo contro cinquanta paesi che “offrono munizioni” affinché il sangue del trino popolo russo possa scorrere. Stanno combattendo contro i mercenari della NATO. Si oppongono agli agenti della CIA e dell'MI6, che hanno riempito l'Ucraina di armi, che consentono loro di compiere attacchi terroristici selvaggi e combattere contro la nostra comune Patria.

Nello spazio della Rus’ storica, stiamo combattendo i servi dell’Occidente provenienti dall’incubatrice politica di Soros, che hanno inondato sia l’Ucraina che noi con libri di testo e manuali russofobi e antisovietici. Hanno avvelenato i cervelli di un'intera generazione per trasformare le nazioni in un gregge panurgico, che ha smarrito un idea di futuro e di cambiamento sociale. Sfortunatamente, nell’Ucraina di oggi, il verme del nazismo si è trasformato in un drago. E lei stessa si è immersa nell'oscurità dell'incoscienza, rinunciando al passato e non compiangendosi per le famiglie distrutte, le madri e vedove inconsolabili, i bambini non ancora nati. 

Gli eventi in Ucraina e in Terra Santa mostrano ai nostri sguardi che il mito della leadership della civiltà occidentale sta franando davanti ai nostri occhi. “ ..Il cielo è nuvoloso, la notte è nuvolosa...” Il globalismo è crollato. Il mondo si sta frammentando in regioni e sta diventando multipolare. L’Europa è ora sull’orlo di un abisso che minaccia di trasformarsi in disastro. I suoi protettori americani stanno attirando le imprese tecnologicamente più avanzate oltreoceano, condannando gli europei alla regressione e alla disoccupazione. Avendo abbandonato le risorse energetiche della vicina Russia, costretta a pagare prezzi esorbitanti per gli idrocarburi allo Zio Sam, l'Unione Europea ha perso il basamento della sua economia e si sta trasformando anche in un deserto spirituale. 

Nelle vaste steppe della Nuova Russia e del Donbass, i nostri soldati stanno nuovamente combattendo per un Europa immemore, proprio come otto decenni fa. La nostra inevitabile vittoria e la sconfitta della NATO porteranno alla liberazione dell’Europa, questa volta dal giogo americano. E, dopo essersi sbarazzati dei nuovi Petain, Quisling, Pavelic e Mannerheim di piccolo calibro coniati a tavolino, i paesi del Vecchio Mondo acquisiranno la loro sovranità e verrà ripristinata la pace e l'armonia nel continente.

Sappiamo fermamente che il futuro del mondo viene in gran parte deciso qui e ora, in Russia . E dipende da noi. Sappiamo e crediamo che ciò accadrà.…Come cantava la nostra cantante folk Klavdiya Shulzhenko nel 1941: “…Odessa ci accoglierà nuovamente come ospiti. Le stelle della regione del Mar Nero brilleranno per noi. Gloriosa Kakhovka, città di Nikolaev. Un giorno ricorderemo questi giorni…" 

Il compito di garantire un esito favorevole e positivo dell’operazione militare speciale che stiamo conducendo in Ucraina è fondamentale. E possiamo vincere alle condizioni indispensabili della massima mobilitazione di tutte le forze e risorse, dello sviluppo del potenziale scientifico e tecnologico e dell’unità della società in nome della vittoria. 

Stiamo pensando al futuro del mondo russo e non solo. E questo mondo, come ha definito Sua Santità il Patriarca Kirill al XXV Consiglio Mondiale del Popolo Russo, è “…l'unità della cultura, consistente nella consapevolezza dei popoli di un comune destino storico e di comuni valori spirituali e morali”. È questa comunità, unita nella diversità, che porta giustizia e armonia al mondo intero. 

Il centro formativo e di collegamento del nostro potere è il popolo russo, che in tutte le prove ne sopporta il peso…Per conservare e sviluppare il vasto territorio lasciato in eredità dai nostri antenati, è necessario correggere la situazione demografica. Coltivare i valori della famiglia e fornire le condizioni per creare famiglie numerose. Ciò richiede risorse materiali…

Vediamo tutti che si è creata una situazione in cui da un lato della bilancia storica pende la prospettiva tragica del degrado finale del paese e della società. E dall'altro, il compito del rilancio morale, sociale ed economico, che può essere affrontato solo migliorando tutte le sfere della nostra vita. In queste condizioni, siamo obbligati a sviluppare una strategia e un nuovo corso per lo sviluppo del Paese, pensando al tipo di mondo in cui vivranno i nostri figli e nipoti. 

Dalla mangiatoia di Betlemme ha avuto inizio la Via Crucis del Salvatore al Golgota. Sia all'inizio che alla fine di questo percorso c'era una luce di speranza per il superamento. Quindi oggi, nelle prove che ci attendono, siamo pieni di speranza, fiducia che resisteremo e rinasceremo. 

Auguro ai nostri valorosi soldati di superare difficoltà e ottenere vittorie. Pace e gioia a tutte le famiglie del nostro Paese e del mondo. Buona infanzia ai nostri figli. Esami di successo per studenti e studentesse. Prosperità ai veterani. Nuove scoperte per gli scienziati. Eccellenti progressi per tutti i lavoratori della Russia. Gioia e felicità alle persone di buona volontà. Come cantavano i nostri antenati nei canti natalizi: "…Pace e gioia a tutti adesso. Pace e gioia in ogni cuore, Betlemme è in ogni cuore."

Sì, il Natale è la madre di tutte le festività e la famiglia è l'inizio di tutti gli inizi e il fondamento del futuro, la garanzia che supereremo, resisteremo e vinceremo. Buon Natale! 

Zyuganov Gennady Andreevich, Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa, Capo della frazione del Partito comunista alla Duma di Stato della Federazione Russa            

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti