Mosca riceverà il leader di HAMAS, in piena tensione Russia-Israele sull'Ucraina

Mosca riceverà il leader di HAMAS, in piena tensione Russia-Israele sull'Ucraina

Foto Il leader del movimento palestinese HAMAS, Ismail Haniyeh (a destra) e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, a Mosca, 2 marzo 2020.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Poiché le differenze tra Russia e Israele sono accentuate dal conflitto in Ucraina, dal Cremlino sono pronti ad accogliere il leader di HAMAS. Questa eventuale visita è emblematica di come l’Asia occidentale sia un focolaio di tensioni multiple. La questione palestinese, il nucleare iraniano, l’occupazione Usa in Siria con il conseguente furto di risorse naturali, la guerra di aggressione dell’Arabia Saudita allo Yemen.

Intanto, intervenendo a margine del Summit economico internazionale di Kazan 2022, 'Russia e mondo islamico', il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha annunciato che si stanno adottando misure per ricevere il capo della leadership politica del Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) Ismail Haniyeh.

"Siamo pronti a ricevere la delegazione [palestinese], ma la data non è stata ancora concordata", ha aggiunto Bogdanov senza fornire ulteriori dettagli.

Il viceministro degli Esteri russo ha aggiunto che questo tema è stato inizialmente discusso durante la recente visita del vicecapo della direzione politica di HAMAS, Musa Abu Marzuq, a Mosca.

Qualche tempo fa, i media hanno riferito che Haniyeh si sarebbe recato a Mosca il mese prossimo per incontrare le alte autorità russe.

Una delegazione di alto rango di Hamas, guidata da Marzuq, si è recata a Mosca all'inizio di questo mese per colloqui "importanti" con funzionari russi in mezzo alle crescenti tensioni tra il regime israeliano e il gigante eurasiatico.

Perché i rapporti Russia-Israele sono tesi?

Le relazioni tra Mosca e il regime di Tel Aviv stanno attraversando momenti difficili dopo il conflitto in Ucraina dopo che il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha accusato la Russia di aver commesso crimini di guerra durante la sua operazione nel Paese europeo.

Da parte sua, la Russia ha avvertito Israele che se continuerà a sostiene i neonazisti e offrirà aiuti militari all'Ucraina risponderà "di conseguenza".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti