MK Bhadrakumar - Hamas come Sinn Fein e IRA

MK Bhadrakumar - Hamas come Sinn Fein e IRA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di M.K. Bhadrakumar - Consortium News*

I diplomatici israeliani si sono guadagnati nel tempo la notorietà di essere una specie unica nel circuito internazionale, che non ha tempo o pazienza per i convenevoli o la correttezza quando Tel Aviv gli ordina di andare alla giugulare del Paese ospitante in cui sono stati assegnati.

La soglia è stata fissata nientemeno che dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu, quando nel 2015 ha strappato ai legislatori di Capitol Hill a Washington un invito a visitare gli Stati Uniti, aggirando il canale appropriato del Presidente Barack Obama, e a parlare a una sessione congiunta del Congresso - cosa che ha fatto con eloquenza per minare i negoziati di Obama con Teheran sull'accordo nucleare.

Si è trattato di una palese interferenza nel sistema politico statunitense. Netanyahu non solo ha sminuito Obama e ha dimostrato che il suo potere presso gli intermediari del potere a Washington era maggiore di quello del Presidente, ma ha anche dettato alla Casa Bianca la politica degli Stati Uniti nei confronti dell'Iran.

L'ha fatta franca perché ha ritenuto, a ragione, che le élite politiche statunitensi fossero sul libro paga della Lobby israeliana.

L'episodio di cui sopra ci viene in mente vedendo le dichiarazioni dell'ambasciatore israeliano a Nuova Delhi, Naor Gilon, che ha chiesto pubblicamente un cambiamento nella politica indiana verso la Palestina, mettendo al bando Hamas come organizzazione "terroristica".

Gilon è un diplomatico di carriera con un curriculum di quasi 35 anni ed è improbabile che ignorasse la prassi di correttezza. È plausibile che Delhi si sia opposta alla richiesta di Gilon di mettere al bando Hamas e che egli abbia deciso di rivolgersi alla lobby israeliana radicata nei media indiani.

Sono tempi in cui la diplomazia israeliana ha un disperato bisogno di una storia di successo, poiché la reputazione del Paese è nel fango dopo la sua barbara crudeltà a Gaza.

La percezione che Israele stia commettendo un genocidio e perpetrando una pulizia etnica sta guadagnando terreno durante questa fase dell'operazione militare dopo la "pausa umanitaria".

A meno che Israele non cambi direzione a causa delle pressioni statunitensi, cosa che sembra improbabile, si prospetta un confronto prolungato con Hamas.

Ma mancano anche pressioni occidentali più ampie. I ministri degli Esteri del G7, nella loro dichiarazione congiunta del 28 novembre, si sono limitati a sostenere "l'ulteriore estensione di questa pausa e le future pause necessarie per consentire l'aumento dell'assistenza e per facilitare il rilascio di tutti gli ostaggi".

La dichiarazione non chiedeva un cessate il fuoco permanente. Ha invece ribadito l'impegno del G7 per "il diritto di Israele a difendere sé stesso e il suo popolo, in conformità con il diritto internazionale, mentre cerca di prevenire il ripetersi degli attacchi del 7 ottobre".

Violenza estrema in vista

Nonostante tutta la spavalderia, l'esercito israeliano non ha dato finora una buona prova di sé e ne sta risentendo. Ma ciò non sorprende, dal momento che Hamas gode di un sostegno di massa a Gaza.

Si prospetta quindi un periodo di estrema violenza. Israele sta chiamando a raccolta le nazioni amiche per farsi valere nella prossima fase della guerra contro Hamas - l'India è una di queste.

Israele sotto Netanyahu ha un passato molto controverso nei confronti di Hamas. Due ex primi ministri, Ehud Olmert e Ehud Barak, hanno recentemente rilasciato interviste a importanti media occidentali sostenendo che Netanyahu è responsabile dell'ascesa di Hamas, avendo finanziato il movimento con fondi del Qatar.

Un ex generale israeliano, responsabile dell'occupazione di Gaza, ha ammesso di aver erogato fondi ad Hamas. Queste sorprendenti rivelazioni da parte di persone responsabili dimostrano che Netanyahu è un uomo dalle molte parti. Quando l'ambasciatore Gilon chiede che Delhi dichiari Hamas un'organizzazione terroristica, tutto dipende a quale fazione di Hamas si riferisce.

Curiosamente, il quotidiano in lingua ebraica pubblicato in Israele con il marchio Ma'ariv Hashavu'a ha appena pubblicato un rapporto sensazionale secondo cui, tra il 2011 e il 2023, Netanyahu avrebbe respinto almeno sei piani presentati dall'agenzia di intelligence israeliana Shin Bet - durante i rispettivi mandati di Yoram Cohen, Nadav Argaman e dell'attuale capo, Ronen Bar - per eliminare il leader dei combattenti di Hamas a Gaza, Yahya al-Sinwar (che pare abbia guidato l'assalto del 7 ottobre) e altri membri di alto livello dell'agenzia. 7 ottobre) e altri membri di alto livello del movimento palestinese.

Curiosamente, il quotidiano in lingua ebraica pubblicato in Israele con il marchio Ma'ariv Hashavu'a ha appena pubblicato un rapporto sensazionale secondo cui, tra il 2011 e il 2023, Netanyahu avrebbe respinto almeno sei piani presentati dall'agenzia di intelligence israeliana Shin Bet - durante i rispettivi mandati di Yoram Cohen, Nadav Argaman e dell'attuale capo, Ronen Bar - per eliminare il leader dei combattenti di Hamas a Gaza, Yahya al-Sinwar (che pare abbia guidato l'assalto del 7 ottobre) e altri alti membri del movimento palestinese. 7 ottobre) e altri membri di alto livello del movimento palestinese.

L'ex ministro della Difesa israeliano Avigdor Liberman ha confermato la veridicità di questa notizia. Secondo Liberman, è stato Netanyahu a garantire "l'immunità" a Sinwar e ad altri leader di Hamas, opponendosi a qualsiasi tentativo di neutralizzarli. "Lo dico non come semplice speculazione, ma come persona che conosce personalmente la questione", ha dichiarato.

In effetti, Netanyahu ha una dubbia esperienza nel rafforzare sistematicamente Hamas per approfondire le divisioni tra le fazioni palestinesi, con l'obiettivo di indebolire l'Autorità Palestinese e il suo presidente, Mahmoud Abbas. Il suo ulteriore obiettivo è stato quello di bloccare ogni processo di pace, guadagnando tempo per completare il progetto della Grande Israele.

Ben Caspit, un importante giornalista israeliano che ha scritto un articolo su  Ma'ariv la scorsa settimana, nel quale ritiene che Netanyahu consideri Hamas come un "tesoro" che lo aiuterà ad affossare la soluzione dei due Stati.

Caspit ha ricordato che il primo favore che Netanyahu ha offerto ad Hamas è stato l'accordo di scambio di prigionieri del 2011, che ha visto il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit in cambio di 1.027 detenuti palestinesi - tra cui Sinwar.

La resistenza non muore mai

È chiaro che l'India dovrebbe stare alla larga dai trucchi di Netanyahu nei confronti di Hamas. La leadership politica di Hamas con sede a Doha ha partecipato alle discussioni top secret a tre della scorsa settimana tra il direttore della C.I.A. in visita e il capo del Mossad da una parte, e i mediatori del Qatar dall'altra, per una prolungata cessazione delle ostilità a Gaza.

La terribile bellezza dei movimenti di resistenza, ovunque, è che non muoiono mai. In ultima analisi, Hamas potrebbe avere un ruolo di primo piano in qualsiasi futura Palestina, come l'African National Congress (ANC), che è stata un'organizzazione vietata dal 1960 al 1990, alla fine ha fatto nel Sudafrica post-apartheid. (L'ANC ha mantenuto un ufficio di rappresentanza a Nuova Delhi a partire dagli anni '60).

È un segreto per nessuno che Netanyahu - con il tacito appoggio degli Stati Uniti e la partecipazione occulta di Egitto e Giordania - abbia sabotato lo svolgimento delle elezioni legislative in Cisgiordania nel maggio 2021 temendo che il movimento Fatah andasse incontro a una sicura sconfitta per mano di Hamas. I sondaggi di opinione indicavano una probabile vittoria schiacciante di Hamas.

Gilon è furbo a metà nel chiedere una mossa reciproca da parte dell'India per il recente divieto imposto da Israele al gruppo terroristico pakistano Lashkar-e-Taiba.  L'analogia è ridicola.

Lashkar-e-Taiba è un'organizzazione terroristica islamica con sede in Pakistan che opera in India e in Afghanistan. È nata alla fine degli anni '80 come ala militante del Markaz-ud-Dawa-wal-Irshad, un'organizzazione islamista influenzata dalla setta wahhabita dell'Islam sunnita che mirava a stabilire il dominio musulmano sull'intero subcontinente indiano.

Hamas, al contrario, è un movimento palestinese autoctono che promuove il nazionalismo palestinese in un contesto islamico.

Afferma che il ruolo dell'Autorità Palestinese dovrebbe essere quello di servire il popolo palestinese e salvaguardare la sua sicurezza, i suoi diritti e il suo progetto nazionale. Hamas sottolinea la necessità di mantenere l'indipendenza del processo decisionale nazionale palestinese e la responsabilizzazione del popolo palestinese.

Se si vuole fare un'analogia con il discorso, la più vicina potrebbe essere quella con il Sinn Fein dell'Irlanda del Nord e la sua ala militante nota come Esercito Repubblicano Irlandese.

Probabilmente, il fatto che la pace si sia mantenuta per un quarto di secolo in Irlanda del Nord, dopo l'Accordo del Venerdì Santo del 1998, dà un raggio di speranza alla Palestina che il fardello della storia possa essere sollevato. Come Stato di civiltà, l'India dovrebbe agire solo con un profondo senso della storia.

Traduzione de l’Antidiplomatico

* https://consortiumnews.com/2023/12/06/hamas-as-sinn-fein-the-ira/

MK Bhadrakumar è un ex diplomatico. Era l'ambasciatore dell'India in Uzbekistan e Turchia.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti