Minsk: «La Bielorussia vieterà l'importazione nel paese di merci provenienti dagli Stati che applicano sanzioni»

Minsk: «La Bielorussia vieterà l'importazione nel paese di merci provenienti dagli Stati che applicano sanzioni»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dichiarazione del Ministero degli affari esteri sulle misure di ritorsione della Repubblica di Belarus alla pressione illegale di sanzioni esterne

In risposta alla pressione illegale di sanzioni esterne volte a minare la sovranità della Bielorussia e a deteriorare il benessere dei cittadini bielorussi, al fine di proteggere gli interessi nazionali il Governo della Repubblica di Belarus ha deciso di vietare l'importazione nel paese di una serie di merci provenienti dagli stati che applicano le sanzioni illegali antibielorusse.


Il relativo decreto sarà firmato quanto prima.

Saranno prese le misure necessarie per densare il mercato interno con merci simili provenienti da paesi amici.

In risposta alle restrizioni illegittime sull'industria dell'aviazione bielorussa, basate sulla concorrenza sleale, il nostro paese adotterà le misure simili nei confronti dei vettori aerei dell'Unione Europea e della Gran Bretagna.

Vanno estesi gli elenchi delle persone il cui ingresso nel territorio della Repubblica di Belarus e dell'Unione Interstatale Belarus-Russia è sgradito, da paesi che discriminano sistematicamente i funzionari, i giornalisti e i rappresentanti delle istituzioni pubbliche bielorusse.

Tra le misure più significative per contrastare la pressione esterna dell'Occidente collettivo e rafforzare la sua sicurezza economica, resterà l’attuazione dalla Repubblica di Belarus dei programmi integrativi economici con la Federazione Russa, nonché l’approfondimento dei forti legami commerciali con i partner dentro l’EAEU e con i paesi di altri continenti del mondo.

Verranno attuati anche altri passaggi di un carattere non pubblico.

Le misure sono di natura reciproca e possono essere annullate se i paesi e i gruppi di paesi abbandonano la logica viziata dei tempi della Guerra Fredda, tornando sulla strada della cooperazione costruttiva nell'interesse del mantenimento della pace e della stabilità nel continente europeo e rispettando pienamente gli obblighi internazionali.

La Bielorussia è pronta a risolvere eventuali dissidi esistenti attraverso un dialogo reciprocamente rispettoso e tenendo conto degli interessi delle parti.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia