Mini-NATO nel Nord Europa: Danimarca, Finlandia, Svezia e Norvegia uniscono le loro forze aeree

Mini-NATO nel Nord Europa: Danimarca, Finlandia, Svezia e Norvegia uniscono le loro forze aeree

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Danimarca, Finlandia, Svezia e Norvegia hanno deciso di unire gli sforzi di difesa aerea e di sviluppare una struttura di comando integrata per le loro forze aeree. Come annunciato di recente, il 16 marzo i comandanti delle forze aeree dei quattro Paesi nordici hanno firmato un memorandum d'intesa presso la base aerea di Ramstein, in Germania, per gettare le basi di una futura cooperazione, secondo quanto riportato dalla Süddeutsche Zeitung.

Come si legge nel documento, un'alleanza tra più nazioni di questo tipo è "una novità assoluta". Il comandante delle forze aeree svedesi, il generale maggiore Jonas Wikman, ha osservato che il concetto proposto include, "tra le altre cose, la pianificazione congiunta, l'addestramento, le esercitazioni, la consapevolezza comune della situazione e la logistica".
 
Vikman ha inoltre annunciato la creazione di un comando congiunto e di una sorveglianza congiunta dello spazio aereo: "L'obiettivo finale è quello di essere in grado di operare senza soluzione di continuità come un'unica entità, sulla base dei metodi già noti della NATO".
 
Il fatto che l'Islanda sia l'unico Paese nordico a non partecipare a questo processo si spiega con il fatto che la nazione insulare, con una popolazione inferiore ai 400.000 abitanti, nonostante l'appartenenza alla NATO, non ha un proprio esercito e, quindi, una forza aerea.
 
Il capo di stato maggiore dell'aeronautica svedese, colonnello Dennis Hedström, ha definito la mossa una logica continuazione di anni di cooperazione. "Questo processo è iniziato molto tempo fa. Ma con il drammatico cambiamento della situazione della sicurezza nelle immediate vicinanze, è diventato sempre più chiaro che dobbiamo lavorare di più su questi temi", ha dichiarato dopo l'incontro alla base aerea di Ramstein.

Il generale di divisione Rolf Volland, comandante delle forze aeree norvegesi, ha aggiunto che la partnership potrebbe costituire la base per un centro operativo aereo settentrionale congiunto, a cui potrebbero unirsi anche gli Stati Uniti e il Canada come parte di una struttura di comando unificata. In questo modo, il Grande Nord e la regione artica, dove Russia e Cina vengono considerate molto attive, potrebbero essere "meglio protetti e più strettamente monitorati".
 
Il memorandum "non menziona nulla della Russia", sottolinea il giornale teutonico. Tuttavia, il comandante delle forze aeree danesi, il generale maggiore Jan Dam, ha dichiarato che l'iniziativa è stata avanzata in relazione all'operazione speciale della Russia in Ucraina. Secondo il comandante, la flotta aerea congiunta corrisponderà all'incirca alla forza aerea di un "grande Paese europeo".
 
In particolare, si parla di circa 250 aerei da combattimento di vario tipo. La Svezia dispone di circa 70 caccia Saab JAS-39 Gripen. La Norvegia sarà in grado di fornire 52 moderni caccia stealth statunitensi F-35. La Finlandia riceverà presto 64 F-35, mentre la Danimarca ha recentemente ordinato agli Stati Uniti oltre venti caccia stealth dello stesso tipo.
 
Il fatto che la decisione sulla mini-NATO nordica sia stata presa nella base aerea di Ramstein dimostra quanto Washington sia stata attivamente coinvolta. All'incontro era presente anche il generale James Hecker, comandante delle forze aeree statunitensi in Europa e Africa. La scorsa settimana, Hecker ha chiarito che gli Stati Uniti accolgono con favore tali iniziative, affermando di aver sempre detto ai partner della NATO che "devono fare meno affidamento su noi statunitensi e più sugli altri". Il fatto che molti Paesi europei, tra cui Germania e Svizzera, facciano affidamento sull'F-35 rende più facile questa forma di cooperazione militare, ha osservato Hecker.
 
Anche Minna Alander, esperta di sicurezza presso l'Istituto finlandese di affari internazionali, considera questa associazione un "legittimo passo avanti". Ad esempio, Finlandia e Svezia hanno già unità navali congiunte. 

Secondo l'esperta, la Norvegia, la Svezia e la Finlandia discutono di cooperazione tra unità aeree fin dagli anni Novanta. Dal 2009, i Paesi hanno condotto esercitazioni di volo congiunte quasi settimanali nelle loro regioni settentrionali scarsamente popolate. Tuttavia, la cooperazione non è stata in grado di approfondirsi ulteriormente perché Finlandia e Svezia non sono ancora membri della NATO.

A questo proposito è probabile che la situazione cambi presto. Una settimana fa, il Presidente finlandese Sauli Niinistö è riuscito a ottenere dal Presidente turco Recep Tayyip Erdogan la promessa che il Parlamento turco ratificherà i documenti di adesione del Paese prima delle elezioni presidenziali di maggio. La Svezia, dal canto suo, dovrà aspettare: secondo il governo turco, il Paese non è stato "abbastanza attivo" nella lotta al terrorismo. Ankara ha chiesto l'estradizione di presunti terroristi curdi.
 
Oltre alla Turchia, anche l'Ungheria ha bloccato l'adesione dei due Paesi alla NATO. Lo scorso  lunedì, tuttavia, l'Assemblea di Stato ungherese ha ratificato a larga maggioranza i documenti di adesione della Finlandia. L’adesione della Svezia sarà votata separatamente. Quando ciò avverrà, nessuno lo sa ancora.
 
Nelle ultime settimane sui social media si è scherzato sul fatto che la Svezia potrebbe presto unirsi alla Finlandia e quindi entrare anch'essa nella NATO. In ogni caso, i due Paesi hanno trovato un'altra soluzione rapida insieme a Norvegia e Danimarca: il termine "mini-NATO" viene già utilizzato per la nuova alleanza aerea nordica, osserva la Süddeutsche Zeitung.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti