Milei rinuncia formalmente all'adesione dell'Argentina ai BRICS

Milei rinuncia formalmente all'adesione dell'Argentina ai BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente argentino, Javier Milei, ha annunciato in una lettera che il suo Paese non entrerà a far parte dei BRICS, secondo quanto reso noto da TN. 

La Casa Rosada ha dichiarato ai media che il presidente argentino ha indicato nel documento che in questo momento non si ritiene opportuno aderire al gruppo. È stato riferito che le lettere con la decisione di Milei sono state inviate ai leader dei Paesi membri dei BRICS.

Nel frattempo, il quotidiano Clarín cita la lettera facendo riferimento a fonti del Ministero degli Esteri. "Come sapete, la posizione in politica estera del governo di cui sono presidente da pochi giorni differisce in molti casi da quella del governo precedente", ha affermato Milei nella missiva, secondo l'articolo.

Il presidente argentino ha indicato che "alcune decisioni prese dalla precedente amministrazione saranno riviste". "A questo proposito, vorrei informarvi che in questo caso l'incorporazione della Repubblica Argentina nei BRICS come membro a pieno titolo a partire dal 1° gennaio 2024 non è considerata opportuna", ha scritto Milei.

"Desidero sottolineare l'impegno del mio governo per l'intensificazione dei legami bilaterali con il Suo Paese, in particolare l'aumento dei flussi commerciali e di investimento", si legge nella lettera indirizzata al presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva.

Se il presidente argentino non avesse espresso il suo rifiuto all'adesione entro il 1° gennaio, il processo di adesione sarebbe iniziato automaticamente.

Lo scorso agosto, durante il 15° vertice dei BRICS, sei nuovi Paesi si sono uniti al gruppo: Argentina, Egitto, Iran, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita ed Etiopia.

Già durante la campagna elettorale, Milei aveva detto chiaramente di rifiutare l'ingresso dell'Argentina nei BRICS, che sarebbe dovuto avvenire ufficialmente il 1° gennaio, assicurando al contempo di voler interrompere i legami del Paese con Brasile e Cina. "Non farò affari con nessun comunista. Sono un difensore della libertà, della pace e della democrazia. I comunisti non lo sono", aveva dichiarato a settembre.

Anche se poi vi erano state alcune dichiarazioni più concilianti, in particolare riguardo ai rapporti con il Brasile. 

A fine novembre, il ministro degli Esteri argentino, Diana Modino, che all'epoca non era ancora in carica, dichiarava che il suo Paese non si sarebbe unito ai BRICS. "Perché tornare indietro? L'ingresso non è mai stato approvato", ha dichiarato Modino. Quando un giornalista le ha accennato al processo di adesione avviato di recente, ha sottolineato: "Non siamo entrati nei BRICS”.

"Restare fuori dai BRICS ci lascia fondamentalmente lontani dal più grande blocco commerciale del mondo, in termini di PIL e popolazione. C'erano infinite possibilità per l'Argentina in termini economici", afferma l'esperto di relazioni internazionali Federico Villanueva in un dialogo con Sputnik.

Ma il fanatico neoliberista Milei ha deciso di agganciare l’Argentina alla parte declinante del mondo. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti