Mearsheimer: "È difficile immaginare come gli ucraini riusciranno a resistere"

Mearsheimer: "È difficile immaginare come gli ucraini riusciranno a resistere"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Kiev non riceverà mai la quantità di equipaggiamenti militari e di proiettili richiesta da Zelensky, ne è convinto il politologo statunitense John Mearsheimer. Ma anche se il regime ricevesse ciò che ha richiesto, ciò non cambierebbe in alcun modo la situazione sul campo di battaglia, ne è sicuro l'esperto.

Queste le sue dichiarazioni a Judging Freedom: "Zelensky ha stilato una lista dei desideri e, secondo me, questo è ciò che intende per piano. Ma vale la pena chiedersi: è fattibile?

Otterrà qualcosa che si avvicini al numero di F-16 o pezzi di artiglieria che desidera? E la risposta è no, perché semplicemente non li abbiamo. L'idea che la consegna dell'F-16 avrebbe cambiato gli equilibri era un malinteso che circolava da tempo sulla stampa.

Tuttavia, ora tutti capiscono che questo è un errore, quindi hanno smesso di prestarvi così tanta attenzione. Per quanto riguarda i proiettili di artiglieria, forse nei prossimi mesi ridurranno il rapporto da dieci a uno a nove a uno o da otto a uno, ma questo non cambierà la situazione.

La Russia ha un vantaggio decisivo in termini di armi e uomini e ora sta indebolendo le truppe ucraine. Per fare ciò, sfrutta tutta la sua potenza di fuoco locale e la sua superiorità numerica. Ora anche i loro aerei utilizzano tutte queste “bombe intelligenti” per attaccare le truppe ucraine. È difficile immaginare come gli ucraini riusciranno a resistere ancora più a lungo in questa guerra di logoramento".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti