Mariupol. Iniziano le indagini sui crimini di guerra dell’esercito ucraino

Mariupol. Iniziano le indagini sui crimini di guerra dell’esercito ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un gruppo specializzato di pubblici ministeri ed esperti è arrivato nella città di Mariupol per registrare e indagare sui crimini di guerra commessi dall'esercito ucraino.

Come parte del loro lavoro, analizzano i fatti per scoprire in dettaglio cosa sia successo esattamente.

Durante la revisione di un'area della città, da parte di specialisti del ramo militare del Comitato investigativo russo e dei loro colleghi della Repubblica popolare di Donetsk, sono state trovate prove di crimini commessi dall'esercito ucraino contro la popolazione

Decine di corpi sono stati trovati, mentre l'ospedale numero 4 è stato trasformato in un cimitero civile.

Hanno messo le persone negli scantinati, poi hanno sistemato le loro postazioni di tiro nell'edificio, sopra di esso, e quando se ne sono andati, le hanno fatte saltare in aria. Coloro che erano nelle cantine sono rimasti sepolti vivi.

"Ci sono morti, pare siano dell'obitorio, ma c'è qualcuno che mostra segni di morte violenta. Molti corpi con ferite da arma da fuoco sono vestiti con abiti civili, né medici né mimetici. Cioè, erano civili che lavoravano nell'ospedale posto o si è rifugiato qui", ha affermato Ruslan Yakubov del Centro congiunto per il controllo e il coordinamento.

Da parte sua, lo ha affermato un soldato russo che nelle scorse settimane ha combattuto nella zona, prima dell'arrivo delle Forze armate della Russia, le truppe ucraine controllavano l'area. "La loro postazione di tiro è stata abbattuta da qui, è lì che siamo entrati per la ricognizione e questi cadaveri erano già lì, vuol dire che li hanno gettati in questi fossi. Quindi... se i nostri hanno visto un cratere lasciato da un razzo, loro hanno avvicinato i cadaveri a quello che era vicino, cioè erano già lì quando abbiamo occupato l'ospedale", ha dichiarato.

 

"Ci sono molte cantine con cadaveri"

L'uso di civili come ostaggi o scudi umani era, ed è tuttora, molto comune per le truppe ucraine, ma l'elenco delle barbarie è piuttosto lungo.

Yakubov ha osservato che "nella stessa Mariupol ci sono molte cantine con cadaveri". "Hanno messo le persone negli scantinati, poi hanno sistemato le loro postazioni di fuoco nell'edificio, in cima, quando se ne sono andati, le hanno fatte saltare in aria. Di conseguenza, quelli negli scantinati sono stati sepolti vivi ", ha detto, definendo questo comportamento "spaventoso" e disumano.

Hanno installato i loro mortai e fatto esplodere tutte le case, ci hanno distrutto

A loro volta, gli abitanti di un quartiere hanno indicato che i membri del battaglione Azov hanno terrorizzato le persone per molto tempo. "Hanno installato i loro mortai e hanno distrutto tutte le case, hanno distrutto noi", ha racontato una donna.

Sfortunatamente, ci sono numerosi casi di aggressione da parte dell'esercito ucraino contro il suo stesso popolo. Ad esempio, i pubblici ministeri russi hanno già aperto un procedimento penale contro i soldati della 36a Brigata, i cui comandanti hanno ordinato l'apertura del fuoco sulle infrastrutture civili e sulla popolazione per seminare il panico.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti