Mar cinese meridionale. L'alleato chiave di Washington fa aumentare la tensione con la Cina nelle aree contese

Mar cinese meridionale. L'alleato chiave di Washington fa aumentare la tensione con la Cina nelle aree contese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sale la tensione nelle aree contese del mar cinese meridionale. In un comunicato di giovedì, il portavoce del ministero della Difesa cinese, il colonnello maggiore Wu Qian, aveva accusato le Filippine di aver "illegalmente" bloccato una nave nelle acque contese al largo delle isole Spratly e di aver compiuto altre azioni che hanno "seriamente violato" i diritti sovrani della Cina. "Gli Stati Uniti hanno istigato e incoraggiato la parte filippina a violare la sovranità della Cina, con conseguente escalation delle tensioni marittime. La parte cinese si oppone fermamente a tutto questo", aveva affermato Wu. Del resto, è noto come Washington si sia impegnato a sostenere Manila, con il presidente Joe Biden che era arrivato ad affrmare che "l'impegno degli Stati Uniti per la difesa delle Filippine è ferreo".

E oggi la Guardia costiera filippina (PCG) ha inviato due pattugliatori armati per “sorvegliare” un centinaio di imbarcazioni cinesi che, secondo Manila, stavano "ormeggiando" nell'area contesa intorno a una piccola barriera corallina a forma di boomerang nel Mar Cinese Meridionale. Il portavoce regionale del PCG, commodoro Jay Tarriela, ha dichiarato che le navi cinesi non hanno risposto alle chiamate radio e ha aggiunto che la flotta cinese "è ora stimata in più di 135 navi disperse e sparse all'interno del Reef Julian Felipe" creando una piattaforma galleggiante.

Pechino ha ripetutamente respinto le accuse di Manila di pesca "illegale" e raccolta di corallo, insistendo sul fatto che le sue imbarcazioni operano in aree sotto la loro sovranitàà o in acque internazionali.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti