Manovre della Marina russa nel Mediterraneo con i caccia MiG-31K dopo il "fiasco epico" britannico

Manovre della Marina russa nel Mediterraneo con i caccia MiG-31K dopo il "fiasco epico" britannico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I caccia MiG-31K con possibilità di essere armati dei missili ipersonici Kinzhal si sono uniti alle manovre della Marina russa nel Mar Mediterraneo, secondo quanto riferito dal ministero della Difesa russo.

"Nel corso delle manovre congiunte della task force permanente del Mediterraneo della Marina russa e degli aerei della Forza aerospaziale russa che hanno preso il via nel Mediterraneo orientale il 25 giugno, gli equipaggi degli aerei MiG-31K in grado di essere armati con gli ultimi missili ipersonici Kinzhal - arrivati alla base aerea russa di Hmeymim nella Repubblica araba siriana l'altro giorno - hanno iniziato a svolgere i compiti di controllo dello spazio aereo nella zona marittima”, informa il ministero in una nota.

I caccia MiG-31K sono arrivati per la prima volta presso la base aerea russa di Hmeymim in Siria, a seguito dell'aggiornamento e dell'estensione della seconda pista con la sostituzione completa della superficie della pista e l'installazione di nuovi impianti di illuminazione per la navigazione e apparecchiature radio-tecniche.

"Anche i bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 hanno effettuato i loro voli di addestramento sul Mar Mediterraneo", ha affermato il ministero della Difesa.

Complessivamente, le esercitazioni coinvolgono cinque navi da guerra russe, tra cui l'incrociatore missilistico Moskva, le fregate Admiral Essen e Admiral Makarov e i sottomarini Stary Oskol e Rostov-on-Don. Gli aerei della Forza aerospaziale russa sono rappresentati nelle manovre congiunte da aerei da guerra antisommergibile Tu-142MK e Il-38, bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 e caccia MiG-31K, ha specificato il ministero.

"L'ipotetico nemico con le caratteristiche designate è stato simulato elettronicamente dal sistema di controllo degli armamenti di bordo", afferma la dichiarazione.

Nemici e provocatori sono avvisati: la Russia è pronta a far fronte a ogni minaccia che dovesse trovarsi a fronteggiare. Il Regno Unito con la sua provocazione al largo della Crimea ha già avuto modo di saggiare la determinazione russa nel difendere i propri confini. 

Le forze di confine russe hanno sparato colpi di avvertimento sulla rotta del cacciatorpediniere britannico Defender, prima che questo cambiasse rotta ed uscisse dalle acque territoriali russe. 

Secondo il ministero della Difesa russo la provocazione del cacciatorpediniere britannico Defender nel Mar Nero è un "fiasco epico" che rimarrà a lungo una macchia sulla reputazione delle forze navali britanniche. 

Il viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha inoltre affermato che le autorità britanniche e degli Stati Uniti stanno distorcendo la situazione con il cacciatorpediniere Defender, che ha invaso il territorio della Federazione Russa. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti