Lukashenko incontra Xi in Cina: i presidenti si impegnano a rafforzare i legami Cina-Bielorussia

Lukashenko incontra Xi in Cina: i presidenti si impegnano a rafforzare i legami Cina-Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Importante incontro a Pechino tra il presidente bielorusso Alexandr Lukashenko e il suo omologo cinese Xi Jinping. In questa occasione tra i tanti temi affrontati c’è stato anche quello inerente alla velocità di attuazione dei piani di cooperazione tra i due paesi, come riporta l’agenzia di stampa bielorussa BelTA. 

Il leader bielorusso ha osservato che nel cercare gli argomenti di discussione non è emerso un solo tema su cui non ci siano stati progressi e avanzamenti nei rapporti così come nella cooperazione.

Lukashenko ha descritto i tempi attuali come così stretti e compressi che molti Paesi sono in ritardo e non riescono a tenere il passo. "È così in tutto il mondo. E chi sarà il primo a raggiungere il suo obiettivo sarà quello in cima", ha affermato il presidente.

"Il presidente [della Cina] e io siamo amici di lunga data. Abbiamo le stesse opinioni sulla situazione mondiale e sulle prospettive globali. Dopo il nostro incontro, i negoziati sono proseguiti a livello di vice primi ministri. Tutte le nostre grandi ambizioni e i nostri accordi devono essere messi in pratica, devono essere tradotti in progetti specifici. Su istruzioni di Xi Jinping e su mie istruzioni, i vice premier stanno facendo esattamente questo", ha affermato.

Ha inoltre sottolineato la necessità di intensificare la comunicazione tra i popoli dei due Paesi: "Il presidente cinese ha posto un'enfasi particolare su questo aspetto oggi. Abbiamo bisogno di una comunicazione più intensa tra i gruppi di giovani, i giovani in generale, perché sono il nostro futuro".

Secondo Aleksandr Lukashenko, durante l'incontro con Xi Jinping si è parlato anche di scambi di studenti. "Dobbiamo aumentare i programmi di scambio di studenti. Dobbiamo espandere la cooperazione al di là delle biotecnologie, alla chimica, alla fisica, alla matematica... La Cina è interessata a questo tipo di cooperazione", ha sottolineato il presidente.

Aleksandr Lukashenko ha poi reso noto che durante la sua visita in corso ha parlato per circa quattro ore con il suo buon e vecchio amico, il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping. "Ha ricordato il nostro primo incontro a Minsk. All'epoca era vicepresidente. Mi ha fatto molto piacere scoprire che ricorda i dettagli del nostro incontro". 

La Cina considera sempre le relazioni con la Bielorussia da una prospettiva strategica e a lungo termine, sostiene fermamente la Bielorussia nel perseguire un percorso di sviluppo adatto alle sue condizioni nazionali e si oppone alle interferenze esterne negli affari interni della Bielorussia, ha dichiarato da parte sua Xi Jinping.

"La Cina è disposta a continuare a rafforzare il coordinamento strategico con la Bielorussia, a sostenersi fermamente a vicenda, a promuovere la cooperazione pratica e ad approfondire le relazioni bilaterali", ha dichiarato Xi.

Xi ha sottolineato che oltre 150 Paesi hanno firmato documenti di cooperazione per la Belt and Road Initiative un decennio dopo aver proposto l'iniziativa, aggiungendo che non molto tempo fa ha annunciato otto passi importanti che la Cina avrebbe intrapreso per sostenere il perseguimento congiunto di una cooperazione di alta qualità sulla Belt and Road. "La Cina accoglie con favore la Bielorussia affinché continui a partecipare attivamente e ne tragga opportunità di sviluppo più tangibili".

Xi ha invitato in due paesi a realizzare progetti come il Parco industriale Cina-Bielorussia, a spingere per ottenere maggiori risultati nella cooperazione industriale e a facilitare ulteriormente i trasporti transfrontalieri per promuovere gli scambi commerciali e di personale.

Le due parti, spiega il leader cinese, dovrebbero espandere la cooperazione nei settori dell'istruzione, della sanità, dello sport e del turismo, sostenere gli scambi e la cooperazione tra i giovani e rafforzare la comprensione e l'amicizia tra i due popoli.

Osservando che la Cina e la Bielorussia sono forze importanti nella riforma e nello sviluppo del sistema di governance globale, Xi ha affermato che la Cina è disposta a rafforzare il coordinamento e la cooperazione con la Bielorussia nell'ambito di meccanismi multilaterali come le Nazioni Unite e l'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, a promuovere l'attuazione dell'Iniziativa per lo Sviluppo Globale, dell'Iniziativa per la Sicurezza Globale e dell'Iniziativa per la Civilizzazione Globale e a far progredire la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità.

Lukashenko ha affermato che sotto la guida del Presidente Xi, la Cina ha raggiunto grandi risultati nel suo sviluppo e oltre 1,4 miliardi di cinesi vivono una vita felice, dando un importante contributo al mondo.

La Bielorussia spera sinceramente che la Cina si rafforzi, favorendo la pace e il progresso nel mondo, ha aggiunto Lukashenko.

La Bielorussia è impegnata a sviluppare relazioni amichevoli con la Cina ed è disposta a mantenere stretti scambi ad alto livello con la Cina, a sostenersi reciprocamente con fermezza, ad approfondire la cooperazione reciprocamente vantaggiosa, a rafforzare il coordinamento strategico internazionale e multilaterale e a spingere per un maggiore sviluppo del partenariato strategico globale per tutte le stagioni.

Lukashenko ha infine affermato che la Bielorussia è fermamente convinta che le iniziative proposte dal Presidente Xi raccolgano davvero il consenso e la cooperazione internazionale e continuerà a parteciparvi attivamente.

I due capi di Stato hanno anche avuto uno scambio di opinioni sulla crisi ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti