L'Ucraina chiede a Israele un prestito di mezzo miliardo di dollari

L'Ucraina chiede a Israele un prestito di mezzo miliardo di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Ucraina ha chiesto a Israele un prestito di 500 milioni di dollari nel tentativo di superare l'impatto della guerra in corso con la Russia, secondo quanto riportato martedì scorso dai media israeliani.

La richiesta di prestito sarebbe stata presentata a Tel Aviv dal primo ministro ucraino Denys Shmyhal due settimane fa.

"Molti paesi nel mondo hanno già stanziato prestiti per l'Ucraina", ha dichiarato a Israel Hayom Shimon Briman, esperto di legami israelo-ucraini.

Briman ha aggiunto che paesi come Giappone, Germania e Canada hanno concesso prestiti simili all'Ucraina, per un importo di miliardi di dollari, con lunghi periodi di grazia e bassi tassi di interesse annuali.

Dall'insediamento di Joe Biden lo scorso anno, Washington da sola ha fornito all'Ucraina 5,3 miliardi di dollari in "assistenza militare".

I rapporti del mese scorso affermavano che Washington aveva chiesto a Tel Aviv di aumentare anche la sua cooperazione militare con l'Ucraina.

Negli ultimi mesi, le nazioni occidentali hanno inondato l'Ucraina di armi e mercenari, senza quasi nessuna richiesta di un processo di pace globale tra Kiev e Mosca.

Israele ha svolto un ruolo determinante nel fornire all'Ucraina mercenari armati.

Il 2 marzo, l'ambasciatore dell'Ucraina in Israele, Yevgeny Kornichuk, ha confermato che decine di israeliani si sono recati nel suo paese per "combattere le truppe russe".

La rivelazione di Kornichuk è arrivata pochi giorni dopo che l'ambasciata ucraina a Tel Aviv aveva annunciato di aver iniziato a reclutare israeliani per combattere contro l'esercito russo.

Subito dopo l'inizio del conflitto – istigato dall'agenda espansionistica della NATO – il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato la formazione di una “legione internazionale” e ha invitato gli stranieri ad unirsi.

Tel Aviv non ha rilasciato commenti sulla richiesta di prestito di Kiev, poiché i funzionari hanno cercato di bilanciare il loro desiderio di acconsentire ai diktat di Washington con le preoccupazioni per l' ulteriore danno delle relazioni di Israele con la Russia.

In particolare, i timori di Israele derivano dalla presenza militare russa in Siria, dove Tel Aviv sta conducendo una campagna ombra contro Hezbollah e le forze iraniane.

Il più recente attacco di Israele a Damasco ha sostanzialmente paralizzato il principale aeroporto della Siria, ricevendo una forte condanna da Mosca.

Il Cremlino non solo ha preso una posizione dura sugli attacchi di Israele contro la Siria e la loro occupazione delle alture del Golan, ma ha anche criticato Tel Aviv per aver collaborato con il “ regime neonazista ” in Ucraina.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti