L'Ucraina accetta di tenere colloqui con la Russia in Bielorussia

L'Ucraina accetta di tenere colloqui con la Russia in Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il leader della delegazione russa, Vladimir Medinski, ha dichiarato che la parte ucraina ha accettato di recarsi in Bielorussia per condurre i negoziati tra i due paesi.

Medinski ha indicato che l'incontro si terrà nella provincia di Gomel e si sta scegliendo il luogo più adatto, "dove sarà garantita la massima sicurezza per la parte ucraina".

Da parte sua, il portavoce presidenziale russo, Dmitri Peskov, ha sottolineato che, prima del raggiungimento dell'accordo, il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo ucraino, Vladimir Zelensky. "Dopo questo, il presidente Lukashenko si è rivolto alla parte russa, il presidente Putin, con la richiesta di non ritirare la delegazione russa perché sono stati ricevuti segnali da parte ucraina, esprimendo la propria disponibilità a venire a negoziare nella provincia di Gomel", ha affermato Peskov, aggiungendo che la parte russa "è completamente pronta per i negoziati", riferisce RIA Novosti.

Poco dopo, l'ufficio del presidente ucraino ha riferito che Zelensky e Lukashenko hanno concordato che la delegazione ucraina si incontrerà con la parte russa "senza precondizioni" vicino al fiume Pripyat.

"Alexander Lukashenko si è preso la responsabilità che, durante il trasferimento, i negoziati e il ritorno della delegazione ucraina, tutti gli aerei, elicotteri e missili, schierati sul territorio bielorusso, rimarranno a terra", si legge nella nota.

La delegazione russa arriva in Bielorussia per i negoziati

All'inizio di questa domenica, la delegazione russa è arrivata in Bielorussia per i negoziati con la parte ucraina e Medinski ha affermato che la Russia avrebbe aspettato fino alle 15:00 (ora locale bielorussa) per una risposta dall'Ucraina sulla questione.

Zelenski aveva dichiarato che Kiev vuole la pace ed è pronta a negoziare con la Russia, ma che non l'avrebbe fatto in Bielorussia. "Ora diciamo: Minsk no. Altre città possono essere una piattaforma per l'incontro , certo, vogliamo la pace, vogliamo incontrarci, vogliamo la fine della guerra. Varsavia, Bratislava, Budapest, Istanbul, Baku: tutto questo abbiamo proposto alla parte russa", ha precisato il presidente ucraino. Ha aggiunto che "qualunque altra città ci serve", ma "non il Paese dal cui territorio provengono i missili".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti