López Obrador ribadisce l'offerta di asilo politico per Assange

López Obrador ribadisce l'offerta di asilo politico per Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha ribadito la sua intenzione di dare asilo a Julian Assange e ha assicurato che chiederà al governo degli Stati Uniti di avere un atteggiamento umanitario nei confronti del fondatore di WikiLeaks.

"Abbiamo stabilito la nostra posizione e siamo pronti a offrire asilo ad Assange in Messico, questa è la nostra posizione. Crediamo che il governo degli Stati Uniti debba agire con umanità. Assange è malato e sarebbe una dimostrazione di solidarietà, di fratellanza, consentirgli di ricevere  asilo, nel Paese che Assange ha deciso di vivere, compreso il Messico", ha detto il presidente messicano. 

 

López Obrador ha affermato che le leggi messicane creeranno le condizioni affinché Assange non possa intervenire negli affari esteri se avesse ricevuto asilo.

"Non rappresenta alcun pericolo  Assange in Messico", ha detto il presidente messicano nella sua conferenza stampa di questa mattina, ribadendo il suo impegno a concedere asilo politico ad Assange. Abbiamo stabilito una posizione e siamo pronti a offrire asilo ad Assange. 

López Obrador ha rivelato che durante gli ultimi giorni dell'amministrazione dell'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump, gli ha inviato una lettera in cui chiedeva di perdonare Assange. 

"Prima della fine dell'amministrazione del presidente Donald Trump, gli ho inviato una lettera, chiedendogli di scagionarlo, di perdonarlo", ha aggiunto il presidente messicano.

"Ho inviato quella lettera. Non c'è stata risposta. Ma mi offro di renderlo noto oggi e sottoscrivo l'impegno del Messico a conformarsi offrendo asilo e chiedendo al governo degli Stati Uniti un atteggiamento umanitario", ha ribadito.

Da gennaio 2020, López Obrador ha reso pubblica la sua intenzione di concedere asilo al fondatore di WikiLeaks.

La situazione di Assange

Assange, 50 anni, è accusato dagli Usa di aver pubblicato migliaia di pagine con documenti militari segreti e cablogrammi diplomatici riservati sulle attività del Paese nordamericano nelle guerre in Iraq e Afghanistan, diffuse da WikiLeaks.

L'Alta Corte di giustizia di Londra ha approvato  il 10 dicembre l'estradizione di Assange negli Stati Uniti. Attualmente è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel Regno Unito. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti