L'OPEC+ taglierà la produzione di petrolio di ben 1,5 milioni di barili al giorno

L'OPEC+ taglierà la produzione di petrolio di ben 1,5 milioni di barili al giorno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'OPEC+, organizzazione dei produttori di petrolio organizzazione dei produttori di petrolio allargata ad altri membri non fondatori, Russia compresa, ha deciso un sostanzioso taglio alla produzione di petrolio di ben 1,5 milioni di barili al giorno per invertire il calo dei prezzi. 

Ma non finisce qui. Secondo Bloomberg e il WSJ, l'OPEC+ annuncerà probabilmente un taglio della produzione di oltre un milione di barili al giorno quando si riunirà mercoledì a Vienna.

Questa riduzione drastica, maggiore del previsto, riflette la preoccupazione che le mosse delle banche centrali inneschino una recessione globale, che a sua volta va a paralizzare la domanda di petrolio. 

Secondo le fonti di Bloomberg, la decisione finale sull'entità dei tagli non sarà presa fino a quando i ministri non si riuniranno, mentre il WSJ ha osservato che, poiché la decisione finale sarà oggetto di un acceso dibattito, il gruppo ha deciso di riunirsi di persona a Vienna mercoledì per la prima volta dall'inizio della pandemia. Le altre opzioni prese in considerazione includono una riduzione minore di 500.000 barili al giorno o addirittura di 1,5 milioni di barili al giorno.

Summer Said del WSJ evidenzia che l'opzione di tagliare più di 1 milione di barili al giorno è sostenuta dalla Russia, il principale partner non-OPEC del gruppo. Ma il più grande esportatore del cartello, l'Arabia Saudita, ha alcune riserve sull'entità del taglio. 

Il taglio di questa settimana arriverà dopo che il mese scorso l'OPEC+ ha deciso di ridurre la produzione di petrolio per la prima volta in più di un anno, dichiarando che avrebbe tagliato circa 100.000 barili al giorno tra i timori di una recessione globale. La mossa ha posto fine a un periodo di 18 mesi di aumenti di produzione per l'OPEC+. Il gruppo ha lentamente riportato il greggio sul mercato dopo un brusco taglio durante la pandemia, quando la domanda è crollata.

Il Brent è salito sopra i 125 dollari al barile dopo l’avvio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina. Da allora è sceso a 85 dollari, a causa del disperato svuotamento della riserva petrolifera strategica degli Stati Uniti da parte di Biden, per evitare un crollo dei Democratici alle elezioni di metà mandato, e nel tentativo di frenare i guadagni di Arabia Saudita, Russia, Emirati Arabi Uniti e altri membri della coalizione.

L’alleanza dei produttori si riunirà mercoledì presso la sede centrale di Vienna, ha dichiarato sabato il segretariato dell'OPEC in un comunicato. Il gruppo si riunisce mensilmente online e non era prevista l’organizzazione di un incontro in presenza almeno fino alla fine di quest'anno.

Nelle ultime settimane, banche come JPMorgan hanno affermato che l'OPEC+ potrebbe dover ridurre la produzione di almeno 500.000 barili al giorno per stabilizzare i prezzi. Helima Croft di RBC ha affermato che il gruppo potrebbe optare per un taglio due volte superiore. Ora sembra che il taglio finale sarà ancora maggiore.

Si prevede che visti i tagli decisi dall’OPEC+ e lo stop allo svuotamento della riserva statunitense pari a circa 1 milione di barili al giorno, l’entità del taglio della produzione sarà pari a ben 2,5 milioni di barili. Questo comporterà la fine del calo dei prezzi della benzina. Se i consumatori statunitensi non ridono, stanno ancora peggio quelli europei stretti tra caro bollette, una recensione imminente e un inverno che si preannuncia molto freddo. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti