L’Isis è tornato in Libia per sopprimere gli scioperi. Sondaggio semiserio sulla congiura del silenzio su “L’Urlo” e la Libia

L’Isis è tornato in Libia per sopprimere gli scioperi.  Sondaggio semiserio sulla congiura del silenzio su “L’Urlo” e la Libia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nei mesi scorsi è riapparso l’Isis in Libia, con il ritorno in patria di Abdelhakim Belhaj, emiro fuggito alcuni anni fa e ora tornato per finire il lavoro sporco. L’attuale roccaforte si trova  sull’estrema costa occidentale, tra Tripoli e il confine con la Tunisia, tra le città di Zawiyah e Sabratha

Perché è tornato l’ISIS in Libia. Chi lo ha permesso? Chi lo finanzia?

Da oltre un mese infatti i pozzi e i terminali petroliferi della Libia sono chiusi, in seguito alla protesta dei lavoratori libici che non intendono finanziare così le milizie di Tripoli e il governo illegittimo di Dabaiba, sostenuto dalla NATO.

Il Parlamento libico infatti lo scorso febbraio ha votato la fiducia ad un altro premier, Bashagha, il quale per ora ha riparato a Sirte, trovandosi di fronte all’opposizione militare delle milizie che gli impediscono di insediarsi a Tripoli.

E così i lavoratori libici si sono fatti sentire e, nonostante le pressioni internazionali per aumentare la produzione di idrocarburi nel quadro delle sanzioni alla Russia, hanno azzerato la produzione libica.

Questo scenario si è venuto a creare dopo che le elezioni presidenziali dello scorso dicembre sono state improvvisamente e misteriosamente annullate una settimana prima del voto. Motivo? Saif Gheddafi era dato dai sondaggi a più del 50%.

E così la NATO ha deciso ora di rivolgersi all’ISIS per forzare la chiusura dei pozzi libici.

Di come l’Italia e l’Unione Europea abbiano finanziato le milizie di Tripoli negli ultimi anni al fine di saccheggiare il petrolio libico ne parla il film “L’Urlo”, di cui sono regista (guarda il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=ykx_lqVbg6Y&t=3s).

Con la scusa di gestire i migranti, l’Italia ha inviato denaro e soldi per difendere militarmente i governi illegittimi di Tripoli e continuare a sfruttare il petrolio libico.

Petrolio libico la cui produzione però è ora bloccata dai lavoratori libici.

Perché in Italia non se ne parla?

Aiutaci a capirlo rispondendo a questo sondaggio semiserio sulla congiura del silenzio cui sono sottoposti la Libia e il film “L’Urlo”.

 

RISPONDI AL SONDAGGIO

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdgaUsLPthBMtP-Bv7y21m_SKpkBALQqdkLtCcbjgYaNmkJGQ/viewform?vc=0&c=0&w=1&flr=0

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti