"Linee rosse". La differenza sostanziale tra Cina e Stati Uniti

"Linee rosse". La differenza sostanziale tra Cina e Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Caitlin Johnstone

 

Reagendo all'annuncio della Cina che presenterà una proposta per una soluzione politica per porre fine alla guerra in Ucraina, l'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite ha affermato che se la Cina inizierà ad armare la Russia in quel conflitto, questa sarà una "linea rossa" per il Stati Uniti.

“Accogliamo con favore l'annuncio cinese che vogliono la pace perché è quello che vogliamo sempre perseguire in situazioni come questa. Ma dobbiamo anche essere chiari sul fatto che se ci sono pensieri e sforzi da parte dei cinesi e di altri per fornire un supporto letale ai russi nel loro brutale attacco contro l'Ucraina, ciò è inaccettabile", ha avvertito, domenica scorsa, alla Galileus Web l'ambasciatrice Linda Thomas- Greenfield .

"Sarebbe una linea rossa", ha detto.

 

I commenti dell'ambasciatrice riguardavano un'affermazione infondata fatta domenica dal Segretario di Stato Antony Blinken secondo cui la Cina sta "considerando di fornire un supporto letale alla Russia nella guerra contro l'Ucraina", secondo l'intelligence statunitense.

Gli Stati Uniti hanno fatto affermazioni prive di prove in relazione all'armamento della Cina contro l'Ucraina da parte della Cina sin dall'inizio della guerra. Nel marzo dello scorso anno il New York Times ha riferito che "la Russia ha chiesto alla Cina di fornirle equipaggiamento militare e sostegno per la guerra in Ucraina dopo che il presidente Vladimir V. Putin ha iniziato un'invasione su vasta scala il mese scorso, secondo i funzionari statunitensi". Poi, nell'aprile dello scorso anno, la NBC ha riferito che questa affermazione "mancava di prove concrete" ed era essenzialmente solo una bugia che il governo degli Stati Uniti ha detto ai media "come parte di una guerra dell'informazione contro la Russia".

I mass media hanno partecipato con entusiasmo alla promozione di quest'ultimo riemergere di narrazioni sulla Cina che fornisce armi alla Russia, con il Wall Street Journal che ha pubblicato proprio l'altro giorno un articolo intitolato "I droni cinesi sostengono ancora la guerra della Russia in Ucraina, Trade Data Show " . Ma come ha osservato il commentatore Matthew Petti , sepolto in profondità in quell'articolo c'è un riconoscimento che questi droni con fotocamera fabbricati in Cina non provengono nemmeno dalla Cina; vengono acquistati da intermediari russi in nazioni come gli Emirati Arabi Uniti. In realtà è solo una storia su come la Cina produce molti prodotti, camuffata da qualcosa di scandaloso.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha respinto le affermazioni di Blinken in una conferenza stampa poco dopo che erano state fatte, dicendo che gli Stati Uniti non sono nella posizione di accusare nessuno di aver versato armi nella guerra.

"Sono gli Stati Uniti, non la Cina, che hanno versato armi sul campo di battaglia", ha ricordato. “Gli Stati Uniti non sono nella posizione di dire alla Cina cosa fare. Non tollereremmo mai il dito puntato, o addirittura la coercizione e la pressione da parte degli Stati Uniti sulle nostre relazioni con la Russia”.

In effetti, Washington sta mettendo in guardia Pechino con una "linea rossa" dal fare qualcosa che Washington fa costantemente e che attualmente sta facendo in misura senza precedenti in Ucraina. Gli Stati Uniti inviano armi a forze per procura in tutto il mondo, inclusa l'Arabia Saudita per facilitare le sue atrocità di massa nello Yemen, ad Al Qaeda e le sue forze allineate per facilitare la sporca guerra occidentale contro la Siria e a Israele per facilitare il suo apartheid regime e i suoi continui attacchi contro i suoi vicini. L'Ucraina è ancora la più grande operazione di guerra per procura di Washington, quindi è un po' ridicolo che stia tracciando "linee rosse" dall'altra parte del pianeta riguardo a un'attività per la quale gli Stati Uniti hanno speso 113 miliardi di  dollari lo scorso anno.

E questa è la principale differenza tra gli Stati Uniti e nazioni come la Russia e la Cina. Quando Russia e Cina tracciano linee rosse, è ai propri confini e riguarda i propri interessi di sicurezza nazionale. Quando gli Stati Uniti tracciano linee rosse, sono lontani dai propri confini ed estranei alla sicurezza della nazione.

Durante il periodo che ha preceduto l'invasione dell'Ucraina, Putin ha ripetutamente avvertito che l'occidente stava prendendo troppo  alla leggera le "linee rosse" di Mosca sulla neutralità ucraina, e Washington ha  sfacciatamente respinto  quegli avvertimenti pur continuando a  far balenare la possibilità  di una futura adesione alla NATO per Ucraina.

"Non accetto le linee rosse di nessuno",  aveva detto il presidente Biden alla stampa  nel dicembre del 2021 quando gli è stato chiesto degli avvertimenti.

Alcune settimane dopo Putin ha mantenuto la sua minaccia, lanciando un'orribile guerra che avrebbe potuto essere facilmente prevenuta con un po' di diplomazia e sensibilità.

"Questa è quella linea rossa di cui ho parlato più volte",  ha detto Putin . "L'hanno attraversata".

Allo stesso modo, Pechino ha usato l'espressione “linea rossa” per quanto riguarda Taiwan e le provocazioni in rapida escalation dell'impero statunitense su quel fronte. La Cina l'ha usata più volte  l'anno scorso mettendo in guardia contro la visita dell'allora presidente della Camera Nancy Pelosi sull'isola, che Pechino considera una grave violazione della politica di Washington One China. Come nota spesso Dave DeCamp di Antiwar , questo ha segnato l'inizio di un nuovo livello di ostilità da Pechino che ora vede frequenti attraversamenti militari della linea mediana tra Taiwan e la Cina continentale che prima non erano comuni.

Che tu sia d'accordo o meno con Mosca e Pechino sulle loro “linee rosse”, devi ammettere che c'è una grande differenza tra il modo in cui le disegnano e il modo in cui gli Stati Uniti fanno uso di quel concetto. La Russia e la Cina stanno lanciando questi avvertimenti sulle aree immediatamente adiacenti al proprio territorio, mentre gli Stati Uniti li inviano a chiunque vogliano su ciò che è loro permesso fare con i loro vicini, anche quando gli Stati Uniti stessi si impegnano sempre in quelle stesse attività.

Washington pensa letteralmente a questo intero pianeta come al suo territorio. Crede che sia suo diritto divinamente conferito emanare decreti su ciò che può e non può essere fatto in qualsiasi parte del mondo, e che qualsiasi trasgressione contro questi decreti sia un atto di aggressione contro di essa.

Lo vediamo evidenziato nel modo in cui i funzionari statunitensi parlano del mondo. Proprio nel gennaio dello scorso anno il presidente Biden ha affermato che "tutto a sud del confine messicano è il cortile dell'America". Quello stesso mese l'allora addetta stampa Jen Psaki  ha osservato sulle crescenti tensioni intorno all'Ucraina che è nell'interesse dell'America sostenere "i nostri paesi del fianco orientale", il che potrebbe sorprendere coloro a cui è stato insegnato a scuola che il fianco orientale dell'America non era l'Europa orientale ma la costa orientale degli Stati Uniti. Vedrete che i media imperiali si riferiscono a cose come la vaga prospettiva che la Cina possa un giorno costruire una base militare nella nazione africana della Guinea Equatoriale come una minacciosa invasione del “cortile di casa” dell'America.

È così assurdo come il governo degli Stati Uniti abbia la temerarietà di strapparsi pubblicamente le vesti in segno di indignazione per le nazioni straniere che fanno richieste su ciò che accade ai propri confini mentre fa continuamente richieste su ciò che accade ovunque nel mondo. Si lamenta dei suoi nemici che ribadiscono piccole "sfere di influenza" sugli ex stati sovietici o sul Mar Cinese Meridionale, mentre esso stesso ha una sfera di influenza che assomiglia al pianeta Terra.

Ogni volta che fai notare come gli Stati Uniti siano i peggiori trasgressori in qualsiasi area in cui criticano altri governi, ti ritroverai accusato di "benaltrismo", ma ciò che in realtà significa è che hai messo in evidenza le prove che gli Stati Uniti non giocano da soli e in realtà non dà valore alle questioni su cui sta cercando di moralizzare. Gli Stati Uniti non stanno cercando di impedire alle nazioni straniere di fare il prepotente e di dominare i loro vicini, stanno cercando di strappare loro più spazio per fare il prepotente e dominare il mondo.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti